La politica internazionale sta rendendo più difficile la produzione di un contro il

Il presidente Trump ha appena annunciato la sospensione dei finanziamenti statunitensi per l’Organizzazione mondiale della sanità, che aiuta a coordinare la “rete influenzale” e altre iniziative, tra cui la ricerca sui vaccini per il nuovo .

Amy Kapczynski è professore di diritto alla Yale Law School. Ecco le sue risposte a riguardo della ricerca sulla collaborazione scientifica contro le pandemie.

La “rete di influenza” è una delle basi della cooperazione internazionale per combattere il nuovo . Come funziona?

AK: Il virus dell’influenza muta e circola costantemente in tutto il mondo. Causa ondate di influenza stagionale ogni anno – e talvolta anche pandemie di influenza straordinariamente mortali, come la del 1919 che probabilmente uccise 50 (milioni) a 100 milioni di persone in tutto il mondo. Per rispondere, abbiamo bisogno di un sistema sanitario pubblico per raccogliere campioni e dati di virus in tutto il mondo, per analizzarli e per aiutarci a creare e selezionare i ceppi virali che vanno ai vaccini.

La rete Flu (ufficialmente la rete “GISRS”) fa tutto questo. È una rete scientifica globale che copre più di 100 paesi, in gran parte finanziata dai governi nazionali e coordinata dall’Organizzazione mondiale della sanità. Se hai avuto il antinfluenzale, la rete in qualche modo fa parte di te: probabilmente entrambi hanno raccolto i virus necessari per produrre quel e hanno deciso quali ceppi sarebbero andati nel che prendevi.

In che modo il lavoro del politologo Elinor Ostrom aiuta a spiegare in che modo reti come Flu Network possono incoraggiare una cooperazione scientifica aperta?

AK: Ostrom era affascinato da come le persone si organizzano. Ha mappato il modo in cui le persone in tutto il mondo gestiscono risorse come la pesca e il pascolo attraverso sistemi diversi dalla proprietà privata e dai mercati. Ha mostrato che – contrariamente a quanto si dice della ” tragedia dei beni comuni ” – le comunità possono collaborare per gestire bene le risorse, se possono fare alcune cose. Ad esempio, devono essere in grado di definire gruppi, creare e applicare regole sulla condivisione, rivedere le regole quando emergono tensioni e regolare le relazioni con l’esterno.

La rete Flu è un’iniziativa volontaria e funziona perché è in grado di fare queste cose. Più in generale, si basa anche sul modello di scienza “aperta” o pubblica. Gli scienziati pubblici sono finanziati dal governo, condividono i loro risultati di ricerca e usano la revisione tra pari per valutare quale lavoro è il migliore e il più prezioso. Crea un circuito di feedback che convalida il buon lavoro e guida l’allocazione che funziona in modo molto diverso rispetto alla scienza privata o di mercato, che si basa sull’esclusione e sul prezzo. La rete Flu funziona come una rete aperta perché segue le norme della scienza aperta e crea e applica regole come suggerisce Ostrom.

Come ho scritto , è un affascinante esempio di come la collaborazione transnazionale può svolgere complesse attività scientifiche e tecniche, senza incentivi o disciplina del mercato privato, ma piuttosto attraverso un sistema di condivisione, norme e investimenti pubblici. In effetti, questo è l’unico modo in cui è possibile creare beni pubblici globali come questo. Gli attori del mercato non investiranno laddove i rischi sono grandi e gli orizzonti temporali sono incerti. E la sorveglianza di base della salute pubblica non è uno sforzo per fare soldi. Spesso non capiamo quanto sia importante il governo per le infrastrutture scientifiche e tecniche, e questo è un esempio del suo ruolo critico.

C’è molta sfiducia tra i governi riguardo allo sviluppo di un contro il . In che modo una diffidenza simile nel 2005-2007 sui vaccini per l’influenza H1N1 ha influito sulla condivisione delle informazioni tra i governi?

AK: Si è arrestato bruscamente e l’intera rete è rimasta in bilico. C’era una nuova pericolosa varietà di influenza aviaria che stava emergendo con un punto caldo in Indonesia, e inizialmente gli scienziati hanno condiviso dati e virus con la rete. Quindi il governo si rese conto che tutto ciò veniva dato all’industria, che stava eliminando i brevetti relativi a questi ceppi e producendo vaccini a cui solo i paesi ricchi potevano accedere. Hanno fermato la condivisione di dati e virus, chiedendo la condivisione dei benefici e una regola contro i brevetti sul lavoro in rete, nonché il credito per i loro scienziati.

Ha portato a un nuovo importante accordo internazionale : ora è richiesto credito, i brevetti sul materiale di rete sono limitati e le aziende che prendono dalla rete devono sostenere alcuni dei costi di gestione della rete, nonché circa il 20 percento di qualsiasi o trattamenti per l’OMS in una . Tale accordo si applica solo all’influenza, ma offre un esempio di come potrebbe funzionare lo sviluppo del .

La risposta sarà più rapida in caso di condivisione dei dati e le richieste di brevetto non ostacolano. Garanzie di accesso in tutto il mondo che riflettessero le norme internazionali sui diritti umani aiuterebbero tutto questo.

Quali conseguenze hanno avuto quelle vecchie controversie sulle regole e le strutture organizzative che governano la condivisione delle informazioni nell’attuale ?

AK: Circa l’85 percento dei laboratori di sanità pubblica nazionali attualmente in fase di sperimentazione per sono strettamente associati alla rete Flu – la rete internazionale di sorveglianza è stata sostanzialmente costruita dalla rete Flu. E la piattaforma su cui gli scienziati cinesi hanno condiviso per la prima volta le sequenze di virus era GISAID – l ‘”Iniziativa globale sulla condivisione di tutti i dati sull’influenza”. ” Quel sito è stato creato per condividere i dati del virus dell’influenza, per rispondere ai problemi emersi in quel periodo, tra cui reti chiuse di condivisione dei dati e mancanza di credito adeguato per gli scienziati dei paesi in via di sviluppo. GISAID richiede credito e richiede la condivisione di dati aperti con una licenza vincolante.

L’esperienza influenzale ha creato l’architettura della risposta iniziale e gli scienziati che hanno vissuto influenza e focolai come la SARS sapevano anche quanto fosse importante la rapida condivisione dei dati. Questo è ciò che ha permesso ai test e alla ricerca di iniziare così rapidamente. (L’ampliamento dei test è stato un grosso problema negli Stati Uniti, ma i dati sono stati presenti sin dall’inizio, motivo per cui l’OMS ha svolto un test per così tanto tempo.)

Queste esperienze e istituzioni hanno aiutato gli scienziati a lavorare insieme e condividere dati. Tuttavia, i governi mostrano pochi segni di collaborazione, sia per accelerare la ricerca sia per decidere in merito a un’equa allocazione mondiale dei vaccini. Potrebbe essere di conforto pensare che il tuo paese svilupperà per primo un vaccino, ma nessuno sa se o dove accadrà.

DATABASE SITI WEB GRATUITO - inserisci il tuo sito web « QUI »


Comments are closed, but trackbacks and pingbacks are open.