Il concetto di questo artista mostra come apparirà Deep Space Station-23, una nuova parabola in grado di supportare sia le comunicazioni radio che laser, quando sarà completata presso il complesso Goldstone, California, della Deep Space Network. Crediti: NASA / JPL-Caltech

I veicoli spaziali robotizzati saranno in grado di comunicare con la parabola usando onde radio e laser.

Circondati dal deserto della California, i funzionari della NASA hanno fatto irruzione martedì 11 febbraio, su una nuova antenna per comunicare con l’astronave robotica più lontana dell’agenzia. Parte della Deep Space Network (DSN), l’antenna di 112 piedi di larghezza (34 metri di larghezza) in costruzione rappresenta un futuro in cui un maggior numero di missioni richiederà tecnologie avanzate, come i laser in grado di trasmettere grandi quantità di dati da gli astronauti sulla superficie marziana. Come parte del suo programma Artemis, la NASA invierà la prima donna e il prossimo uomo sulla Luna entro il 2024, applicando le lezioni apprese lì per inviare astronauti su Marte.

Utilizzando enormi antenne paraboliche, l’agenzia parla con più di 30 missioni nello spazio profondo in un dato giorno, tra cui molte missioni internazionali. Poiché sono state lanciate più missioni e con più lavori in corso, la NASA sta cercando di rafforzare la rete. Una volta completato in 2 anni e mezzo, il nuovo piatto verrà battezzato Deep Space Station-23 (DSS-23), portando il numero di antenne operative del DSN a 13.

“Dagli anni ’60, quando il mondo ha guardato per la prima volta immagini in diretta di umani nello spazio e sulla Luna, rivelando immagini e dati scientifici provenienti dalla superficie di Marte e vaste galassie lontane, la Deep Space Network ha collegato l’umanità al nostro sistema solare e oltre “, ha dichiarato Badri Younes, vicedirettore associato della NASA per le comunicazioni spaziali e la navigazione, o SCaN, che sovrintende alle reti della NASA. “Questa nuova antenna, la quinta delle sei attualmente in programma, è un altro esempio della determinazione della NASA di consentire la scienza e l’esplorazione dello spazio attraverso l’uso delle ultime tecnologie.”

Gestito dal Jet Propulsion Laboratory della NASA a Pasadena, in California, la rete spaziale più grande e più trafficata del mondo è raggruppata in tre posizioni: Goldstone, California; Madrid, Spagna; e Canberra, Australia – posizionati a circa 120 gradi di distanza in tutto il mondo per consentire il contatto continuo con i veicoli spaziali mentre la Terra ruota. ( Questo strumento live consente agli spettatori di vedere quali piatti DSN inviano comandi o ricevono dati in qualsiasi momento.)

La prima aggiunta a Goldstone dal 2003, la nuova parabola viene costruita nel sito Apollo del complesso, così chiamato perché la sua antenna DSS-16 supportava le missioni umane della NASA sulla Luna. Antenne simili sono state costruite negli ultimi anni a Canberra, mentre due sono in costruzione a Madrid.

“Il DSN è l’unica linea telefonica della Terra per i nostri due veicoli spaziali Voyager – entrambi nello spazio interstellare – tutte le nostre missioni su Marte e il veicolo spaziale New Horizons che è ormai molto lontano da Plutone”, ha dichiarato Larry James, vicedirettore di JPL. “Più esploriamo, più antenne abbiamo bisogno per parlare con tutte le nostre missioni.”

Il concetto di questo artista mostra come apparirà Deep Space Station-23, una nuova parabola in grado di supportare sia le comunicazioni radio che laser, quando sarà completata presso il complesso Goldstone, California, della Deep Space Network.
Crediti: NASA / JPL-Caltech

Mentre il DSS-23 funzionerà come antenna radio, sarà anche dotato di specchi e di un ricevitore speciale per i laser trasmessi da veicoli spaziali distanti. Questa tecnologia è fondamentale per l’invio di astronauti in luoghi come Marte. Gli umani dovranno comunicare con la Terra più di quanto non facciano gli esploratori robotici della NASA, e una base di Marte, con i suoi sistemi e attrezzature di supporto vitale, ronzerebbe con i dati che devono essere monitorati.

“I laser possono aumentare la velocità dei dati provenienti da Marte di circa 10 volte quello che si ottiene dalla radio”, ha affermato Suzanne Dodd, direttore della rete interplanetaria, l’organizzazione che gestisce il DSN. “La nostra speranza è che fornire una piattaforma per le comunicazioni ottiche incoraggi altri esploratori dello spazio a sperimentare laser nelle missioni future.”

Mentre le nuvole possono disturbare i laser, i chiari cieli del deserto di Goldstone lo rendono un luogo ideale per servire come ricevitore laser circa il 60% delle volte. Una dimostrazione delle capacità di DSS-23 è dietro l’angolo: quando la NASA lancia un orbita chiamato Psiche in un asteroide metallico in pochi anni, trasporterà un terminale di comunicazione laser sperimentale sviluppato da JPL. Chiamato il progetto Deep Space Optical Communications, questa apparecchiatura invierà dati e immagini a un osservatorio a Palomar Mountain nel sud della California.

DATABASE SITI WEB GRATUITO - inserisci il tuo sito web « QUI »


Comments are closed, but trackbacks and pingbacks are open.