Wang quarantena

“Sono stata messa in a Pechino, Tokyo e – Ecco cosa ho imparato”


Ecco il di Selina Wang

Negli ultimi 148 giorni, ne ho trascorso quasi un terzo in . Ho iniziato a Pechino e sono andata a e ora a Tokyo.
Ad ogni destinazione, ho superato una di 14 giorni e ho sostenuto più test -19. Trascorrere settimane senza uscire di casa ora sembra normale, così come il processo noioso e oneroso di viaggiare durante la pandemia.
L’Asia è riuscita in gran parte a sopprimere il virus attraverso queste quarantene obbligatorie, rigide restrizioni sui viaggi internazionali e tracciamento aggressivo dei contatti.
L’Asia orientale e sud-orientale comprendono circa un terzo della popolazione mondiale e una piccola frazione delle morti mondiali di . In confronto, gli Stati Uniti e l’Europa rappresentano circa il 15% della popolazione mondiale e hanno circa la metà delle morti mondiali di .
Ma anche nell’Asia orientale, ho avuto esperienze di significativamente diverse, dandomi una finestra su come i governi stanno cercando di reprimere le epidemie a modo loro.


Pechino
Alla fine di maggio, un amico mi ha invitato a visitare il mercato Xinfadi di Pechino , il più grande mercato alimentare all’ingrosso della città. Si estende su più di 250 acri, con migliaia di venditori che vendono prodotti freschi. Mi ha portato dai migliori venditori e ha contrattato duramente per sacchi giganti di ciliegie, mangostani, pesche e mirtilli.
Circa due settimane dopo la mia visita, le autorità di Pechino hanno annunciato un focolaio legato al mercato all’ingrosso, segnando la seconda ondata di coronavirus nella capitale. Poco dopo quel periodo, anche alti funzionari governativi hanno dichiarato “modalità di guerra” per reprimere l’epidemia.
Le autorità hanno utilizzato i dati geospaziali dei telefoni cellulari delle persone per inviare messaggi di testo a molti che hanno visitato il mercato, chiedendo loro di mettere in . Le restrizioni variavano a seconda del quartiere e dell’edificio.

L’amica che era con me al mercato aveva persino un sensore attaccato alla sua porta d’ingresso che avvisava il suo edificio ogni volta che lo apriva.
Mi è stato richiesto di stare in quarantena per almeno 14 giorni e ottenere due test . La direzione del mio appartamento si è assicurata che non uscissi mai dalla mia stanza, nemmeno per entrare in spazi come l’ascensore o l’atrio del mio edificio.
Verso l’inizio e la fine della mia quarantena, una persona in tuta ignifuga si è presentata alla mia porta per prendere un tampone faringeo. Ogni volta, il giorno dopo, ricevevo un foglietto di carta sotto la porta con i risultati. Due volte al giorno, segnalavo la mia temperatura al mio edificio.
Dallo scoppio dell’epidemia a Pechino durante l’estate, la ha ripetuto più volte questa strategia per sopprimere le fiammate locali: test di massa di milioni di persone nel giro di pochi giorni, tracciamento aggressivo dei contatti e blocchi selettivi.

Finora, la strategia sembra aver funzionato, consentendo alla vita di tornare in gran parte alla normalità. Durante la recente vacanza della Golden Week , più di mezzo miliardo di persone ha viaggiato sul territorio nazionale. Il paese aveva segnalato zero trasmissioni locali per diversi mesi prima dei recenti focolai in diverse città in tutta la , ma con un numero relativamente ridotto di casi.



Ho viaggiato a all’inizio di agosto, durante la “terza ondata” della città. I confini di sono stati chiusi praticamente a tutti gli stranieri, ad eccezione dei residenti della città e di quelli provenienti dalla continentale, da Taiwan o da Macao.
L’aeroporto e il volo di Pechino erano quasi completamente vuoti. All’atterraggio a , c’è stato un lungo processo di firma dei moduli, ricezione di istruzioni e test di . Ho soggiornato in un hotel organizzato dal governo per una notte e me ne sono andata la mattina quando i miei risultati sono tornati negativi.

Tutti i viaggiatori ricevono in aeroporto un braccialetto con un codice QR. Una volta arrivato al punto di quarantena, ho dovuto associare il mio braccialetto a un’app sul telefono. Utilizzando punti dati come Wi-Fi, Bluetooth e GPS, la tecnologia invia un avviso alle autorità se chi lo indossa ha lasciato la posizione di quarantena.
Il sistema ha sollevato preoccupazioni sulla privacy a Hong Kong, dove la ha implementato una radicale legge sulla sicurezza nazionale durante l’estate. Eppure Arthur Chan, CEO di SagaDigits, una società che ha creato la tecnologia, ha affermato che l’app non conosce l’effettiva posizione dell’utente.
“La tecnologia rileva il cambiamento di posizione invece della posizione assoluta”, mi ha detto Chan.
I portatori non sono autorizzati a togliersi il braccialetto per l’intero periodo di quarantena. Infrangere le regole ha un prezzo elevato: le persone sorprese a violare le regole di quarantena possono essere multate fino a $ 25.000 e incarcerate per sei settimane.
Indossare il braccialetto simile a un ospedale per 14 giorni è stato un fastidio e un po ‘scomodo durante la doccia e il sonno.

Verso la fine della mia quarantena, ho dovuto fare un altro test . Il governo offre alle persone la possibilità di avere un amico che consegna il campione o di pagare per avere un servizio esterno che effettui la consegna.
Nonostante condivida un confine terrestre con la continentale, Hong Kong ha mantenuto le infezioni relativamente basse evitando misure di blocco estreme. Ha affrontato alcune ondate del virus, ma non ha mai segnalato più di 150 casi al giorno e nell’ultimo mese le infezioni segnalate quotidianamente sono rimaste per lo più a livelli a una cifra.
Come nella Cina continentale, la combinazione di confini rigorosi e applicazione della quarantena, abbinata a maschere e allontanamento sociale, è stata efficace.


Tokyo
Ho volato a Tokyo da Hong Kong alla fine di ottobre. Entro 72 ore prima del decollo, ho dovuto ottenere la prova di un test Covid-19 negativo firmato da un medico. Dopo l’atterraggio, i passeggeri sono stati invitati a fare una prova di sputo. Aspettando solo una o due ore, ho avuto i miei risultati negativi e ho potuto continuare attraverso l’immigrazione e la dogana.
Analogamente alla mia esperienza all’aeroporto di Hong Kong, ho dovuto inserire numerosi dettagli sulla mia cronologia di viaggio in un’app e mostrare un codice QR alle autorità dell’aeroporto. Ho anche ricevuto un documento che mi chiedeva di “stare in attesa nel luogo specificato per 14 giorni”, “evitare il più possibile il contatto con altre persone” e “non usare i mezzi pubblici”.

I viaggiatori devono organizzare il proprio trasporto privato dall’aeroporto e dichiarare un luogo in cui metteranno in quarantena, ma dopo non c’è stata alcuna applicazione: nessuno mi ha controllato per i controlli della temperatura, nessuno si è assicurato che rimanessi all’interno e nessun test Covid aggiuntivo era necessario prima di uscire dalla quarantena.
All’aeroporto, uno dei documenti richiedeva ai viaggiatori di aggiungere il Ministero della Salute giapponese all’app di messaggistica Line, che è onnipresente in . Non mi è mai stato ricordato di controllare l’app. Quando ho aperto la chat con il Ministero della Salute, ho ricevuto alcune domande automatiche sì o no, e basta.
Esperti come Kenji Shibuya, direttore dell’Istituto di sanità pubblica al King’s College di Londra, ha affermato che l’approccio relativamente rilassato del al Covid-19 aumenta il rischio di una significativa rinascita, soprattutto perché il paese allenta le restrizioni ai confini.
Il ha avuto uno dei freni più severi al mondo per combattere la pandemia, vietando di fatto l’ingresso a quasi tutti i turisti e viaggiatori d’affari provenienti da oltre 150 paesi. Solo negli ultimi mesi il ha iniziato ad allentare lentamente queste regole.

“C’è ancora la trasmissione della comunità. Il ha bisogno di rafforzare i test, l’isolamento, il tracciamento dei contatti”. Ha detto Shibuya. “In questo momento, il sistema non è così rigido.”
Sebbene il non abbia mai implementato un blocco a livello nazionale, è riuscito a evitare un’esplosione nei casi.
Tuttavia, rispetto a Cina e Hong Kong, che negli ultimi mesi hanno segnalato per lo più casi di Covid giornalieri a una o due cifre, il Giappone continua a segnalare centinaia – e recentemente più di mille – di nuove infezioni ogni giorno.
Shibuya afferma che il Giappone ha evitato di adottare misure più forti, in parte a causa della pressione per mantenere a galla l’economia in vista delle Olimpiadi in ritardo.
“Devono dimostrare di poter sopprimere la trasmissione come hanno fatto altri paesi asiatici”, ha detto Shibuya. “Devono fermarlo al confine e nella comunità – cosa che il Giappone non sta facendo”.
La legge giapponese non consente al governo di imporre blocchi.

Nonostante le restrizioni vaghe che rendono le restrizioni Covid del Giappone più vicine a quelle degli Stati Uniti o dell’Europa occidentale, rispetto alla Cina continentale o ad Hong Kong, il Giappone ha avuto meno di 2.000 morti totali per Covid-19 segnalate.
Poiché “la pressione della società per seguire le regole è così immensa”, il governo non ha bisogno di applicazione legale, secondo Satoshi Hori, professore alla Juntendo University ed esperto di malattie infettive. Anche la cultura di indossare maschere e pulizia ha aiutato, ha detto.
Hori attribuisce anche il numero relativamente basso al Giappone che ha scoperto presto che i cittadini dovrebbero evitare le “Tre C”: spazi chiusi con scarsa ventilazione, luoghi affollati e ambienti a stretto contatto.


I piatti da asporto
Viaggiare a livello internazionale durante questa pandemia globale è stato sia estenuante che liberatorio. Ho segnalato il virus da quando è emerso per la prima volta in Cina – quando ricevevo aggiornamenti regolari dai miei parenti vicino al punto zero della pandemia nella provincia di Hubei – fino ad ora, quando le mie preoccupazioni si sono spostate sulla mia famiglia nel NOI.
Tutti noi abbiamo vissuto momenti di paranoia, panico e frustrazione.
Le restrizioni e le linee guida in continua evoluzione di vari paesi fanno girare la testa. Ciò che è diventato chiaro è che non esiste una soluzione magica per contenere il virus prima che un vaccino efficace sia ampiamente disponibile.
Sia che viviamo in un luogo senza restrizioni, sia che siamo in una zona chiusa, tutti noi stiamo imparando a convivere con la minaccia che Covid potrebbe essere in agguato nella prossima persona con cui entriamo in contatto.

Comments are closed, but trackbacks and pingbacks are open.