orinatoio finta fioriera Amsterdam Olanda

sta diventando più verde nel tentativo di combattere un problema secolare: la pubblica selvaggia, una vera piaga nella città olandese

Il consiglio locale ha installato otto orinatoi sostenibili riempiti di canapa nei punti caldi della città definiti goliardicamente “Wild Pee Point” (punti di selvaggia).
A prima vista, gli orinatoi – chiamati GreenPees – sembrano fioriere tradizionali, con la vegetazione che spunta dall’alto. Ma guarda più da vicino e noterai un’apertura sul lato. Questa è la zona target per la .
GreenPee è prodotto dalla società olandese Urban Senses e ora ci sono un totale di 12 orinatoi ad , ha detto venerdì scorso ai giornalisti l’inventore Richard de Vries.

De Vries, uno psicologo ambientale di professione, ha collaborato con il consiglio a un progetto pilota nel 2018, installando GreenPees in quattro popolari aree di pubblica nel centro della città.
“Il risultato è stato una riduzione del 50% della selvaggia”, ha detto De Vries. “E ‘stato un grande su-cesso.”

Incoraggiati dai risultati, i funzionari sono andati avanti e hanno ordinato otto nuovi GreenPee, che dovevano essere consegnati a febbraio. Ma poi la pandemia di coronavirus ha visto bloccata e c’era meno richiesta di servizi igienici pubblici.
Circa tre settimane fa, però, la città ha ricominciato ad aprirsi, con bar che accoglievano ospiti e turisti che tornavano.
“C’era più bisogno di servizi igienici”, ha detto De Vries.

I GreenPees hanno molti vantaggi, secondo De Vries, dalla protezione degli edifici storici dagli effetti corrosivi dell’, alla riduzione del consumo di acqua rispetto ai servizi igienici tradizionali.
Le piante inoltre rendono efficacemente verde la città, attirando api e altri insetti, ha aggiunto.

E tutta quell’ non va sprecata. GreenPee produce fertilizzanti organici e acqua, che possono essere utilizzati per nutrire e irrigare gli spazi verdi della città, afferma De Vries.
“Sembra fantastico ma è anche funzionale”, ha detto.
Gli operatori possono controllare manualmente il GreenPee per vedere quando deve essere svuotato o utilizzare un sensore intelligente che invierà un avviso, secondo il sito Web dell’azienda.

De Vries ha già installato GreenPees nelle città olandesi di Vlaardingen e Beekbergen e nelle città belghe di Mechelen e Genk.
Successivamente, vuole vedere se può portare il concetto in altri paesi, oltre a ricercare come generare elettricità quando qualcuno fa la nel GreenPee.

Comments are closed, but trackbacks and pingbacks are open.