pipistrello tampone test covid

I ricercatori thailandesi stanno raccogliendo campioni di per verificare se potevano trasportare anche un nuovo , simile a quello che hanno scoperto nei in Cina. Il risultato potrebbe aiutare a rispondere al mistero sull’origine del .

Il nuovo sembra essere circolato inosservato nei per decenni.
I a ferro di cavallo sono l’origine più plausibile dell’agente patogeno , hanno detto i ricercatori guidati da Maciej Boni del Center for Infectious Disease Dynamics della Pensylvania State University in uno studio pubblicato martedì su Nature Microbiology .

Le origini del virus sono state al centro di molti dibattiti poiché la pandemia continua a ostacolare le economie e il bilancio delle vittime è terrificante. L’Organizzazione mondiale della sanità ha inviato esperti in Cina per studiare la questione questo mese dopo che i funzionari del governo degli Stati Uniti hanno alimentato la speculazione che l’agente patogeno fosse fuggito da un laboratorio cinese.

Rintracciare la discendenza del virus è fondamentale all’inizio di un’epidemia perché può consentire alle autorità sanitarie di separare le persone dall’animale ospite del patogeno e in seguito per aiutare a prevenire future crisi sanitarie. I ricercatori hanno avvertito che altre linee di virus nei potrebbero avere il potenziale per diffondersi agli esseri umani.

I risultati evidenziano quanto “sarà difficile identificare i virus potenzialmente in grado di causare gravi epidemie umane prima che emergano”, hanno scritto Boni e colleghi. “Ciò sottolinea la necessità di una rete globale di sistemi di sorveglianza delle malattie umane in tempo reale”.

Il team di ricerca ha ricostruito l’evoluzione del virus tracciando la sua storia di ricombinazione. Hanno concluso che i pangolini probabilmente non hanno agito come un ospite del virus, sebbene i mammiferi squamosi possano aver avuto un ruolo nel far esplodere la pandemia semplicemente trasmettendola.

Comments are closed, but trackbacks and pingbacks are open.