Reykjavik -

Reykjavik, – È stato un abbraccio casuale da un vecchio amico e tuttavia si è rivelato così traumatizzante. Ero tornato nella mia nativa il giorno prima e ora armato di un test negativo dall’aeroporto, qui ero in un vivace bar a Reykjavik.
“Ciao, molto tempo che non ci vediamo!” Due amici mi hanno salutato e uno mi ha dato un caloroso abbraccio, ma la mia reazione naturale è stata quella di allontanarmi da loro, e ho trovato difficile tenere una conversazione così vicina. La loro naturale facilità, che sei mesi fa sarebbe sembrata così normale, ora si sentiva a disagio e stressante. Mi sentivo legato alla lingua e le mie buone maniere e la mia faccia tosta sembravano avermi abbandonato.
Borbottai qualcosa ai miei vecchi amici e poi andai a cercare rifugio in una tazza di tè. Lì mi sono riunito, ho raccolto i miei pensieri e sono tornato per un altro giro di pettegolezzi. Ed è stato liberatorio avere di nuovo conversazioni normali.
Mentre camminavo dal caffè, riflettevo sui miei ultimi mesi a casa a Londra, dove sono stati mesi di blocco , tassi di infezione altissimi e decine di migliaia di morti. La nuova normalità per me era stata lavorare da casa solo con la famiglia più vicina e le videochiamate per la compagnia, oltre a limitati esercizi al giorno e una manciata di incontri con amici locali, ma sempre a una distanza di sicurezza di due metri.

L’ è stata elogiata per aver gestito la crisi dopo un picco iniziale nei casi a febbraio. Il governo ha quindi cambiato tattica, iniziato i test e le tracce, chiuso i confini e introdotto restrizioni. Suppongo che potresti sostenere che le probabilità di successo sono molto più elevate su un’isola con una popolazione di circa 360.000 persone. Sono stati registrati meno di 2.000 casi e 10 morti.
Anche gli islandesi hanno dimostrato grande fiducia nel governo e a seguire i media non forniti dai politici ma dagli scienziati e dalla polizia, seguendo ogni loro consiglio.
Mi sono unito alla maggior parte del Paese scaricando un’app che traccia i tuoi movimenti. È progettato per aiutare le autorità a rintracciare e avvisare chiunque possa essere stato in contatto o essere stato colpito dal virus, che dovrà stare in quarantena.
Tutto ciò ha permesso alle persone qui di andare in giro per la propria vita in relativa normalità. Ho frequentato regolarmente le nostre famose piscine, ho partecipato alle partite di calcio, cenato con amici e partecipato a feste in cui la conversazione è stata dominata più dal recente film di Will Ferrell sull’Eurovisione che dal .
Anche i bar e i ristoranti di Reykjavik sono pieni e non c’è una mascherina in vista. L’unico promemoria che le cose non sono del tutto normali sono i disinfettanti per le mani che trovi ovunque e l’orario di chiusura anticipata delle 23:00, che di solito è il momento in cui gli islandesi stanno appena iniziando la festa.
La più grande vittima economica del è stata il turismo. L’anno scorso, quasi 2 milioni di turisti hanno visitato l’ e quel numero ora è molto ridotto. I feed dei social media sono pieni di immagini spettacolari di amici che viaggiano in giro per l’isola e hotel e campeggi in tutto il paese sono pronti ad accogliere i turisti.
Il governo sta inoltre incoraggiando questa tendenza fornendo ad ogni residente un buono da 10.000 IKR (€ 70) da spendere in ristoranti, hotel e attrazioni.

L’ ora sente che il non è mai esistito
Ma con l’avvicinarsi del periodo estivo delle ferie a tutti verrà ricordato che questo è un anno particolare. Quest’ultimo lungo fine settimana delle vacanze estive significherebbe normalmente grandi feste in tutto il paese – ma con i divieti in atto sulle riunioni di oltre 500 persone vengono tutti cancellati.
Grandi eventi come la festa di Westman Island Þjóðhátíð sono eliminati, la prima volta dalla prima guerra mondiale. Nemmeno la grande eruzione vulcanica del 1974 ha ostacolato quella celebrazione. Ma, con il tipico ottimismo islandese, stanno già vendendo biglietti per il 2021.
C’è ancora una buona dose di paura e nessuno è compiaciuto – molti sono preoccupati che le persone siano troppo rilassate e che possa solo portare a un altro picco – specialmente con le restrizioni alle frontiere che si allentano e che arrivano più turisti. È un segno che le persone qui non danno la loro posizione privilegiata per scontata, ma anche il loro desiderio di mantenere il loro stile di vita.
Non mi ci è voluto molto tempo per adattarmi alla libertà qui, quindi quando ho incontrato mio cugino che era appena arrivato da Miami, ho scambiato un abbraccio ma molto simile alla mia prima reazione un paio di settimane prima – ha fatto un passo indietro.
Ha anche regole più rigide perché è arrivato dagli Stati Uniti, ai cui cittadini è ancora vietato l’ingresso in Islanda, quindi ha dovuto aspettare almeno cinque giorni e ottenere due risultati di test negativi prima di poter abbracciare chiunque.
Ascoltando gli amici qui, mi viene in mente non solo la capacità di questo paese di affrontare le avversità, ma anche lo slogan non ufficiale dell’Islanda: “reddetta reddast” che si traduce approssimativamente in “Alla fine andrà tutto bene”. Ci ha aiutato a superare un tracollo finanziario globale, un’eruzione vulcanica che ha messo in fuga voli in tutto il mondo e si spera che rimanga un portafortuna anche con il .

Comments are closed, but trackbacks and pingbacks are open.