Per secoli, la fonte delle enormi sarsen di è stata un mistero.
Archeologi e storici hanno discusso a lungo da dove potrebbero provenire le gigantesche sarsen, utilizzate per creare il monumento preistorico nel Wiltshire, in .
Mercoledì i ricercatori hanno annunciato una scoperta rivoluzionaria che ha posto l’origine probabile delle sarsen in West Woods – un’area boschiva a soli 15 miglia da , vicino alla città di Marlborough.

“MISTERO RISOLTO!” ha twittato English Heritage , che si occupa del sito e ha contribuito allo studio. “FINALMENTE (quasi sicuramente …) sappiamo da dove provengono le sarsen giganti di !”

Il monumento del cerchio di , costruito dal popolo neolitico, è in gran parte costituito da due tipi di pietra. Ci sono le lastre più piccole conosciute come blu, che sono note per provenire dalle colline di Preseli nel sud-ovest del Galles.

Le pietre erette più grandi, note come megaliti, sono realizzate in sarsen, un’arenaria locale. Pesano fino a 30 tonnellate e sono alte fino a 7 metri e formano tutte e quindici le pietre del ferro di cavallo centrale di . Gli esperti sospettavano da molto tempo che le pietre sarebbero potute provenire dai Marlborough Downs, un gruppo di colline a nord del monumento – ma la verità era stata “impossibile da identificare fino ad ora”, ha affermato l’affermazione di English Heritage , che si occupa del sito.

Tutto è cambiato l’anno scorso, quando è stato restituito un pezzo mancante delle pietre. Un nucleo di una pietra grezza fu rimosso nel 1958 e tenuto da un impiegato degli scavi, il quale chiese che fosse restituito al monumento alla vigilia del suo novantesimo compleanno.
“Quando Robert (il dipendente) ha deciso di restituire il nucleo lo scorso anno, gli esperti hanno iniziato a mettere insieme un puzzle”, ha twittato English Heritage.

Il team, finanziato dalla British Academy, ha effettuato test non distruttivi sulle pietre ruvide e sul nucleo mancante, dimostrando che la maggior parte condivideva una chimica simile e proveniva dalla stessa area. Quindi, hanno analizzato gli affioramenti sarsen in tutta l’, da Norfolk a Devon, per confrontare quelle composizioni chimiche con i campioni di . Il metodo è simile a quello di una “impronta chimica”, afferma lo studio, che è stato pubblicato sulla rivista Science Advances.
I risultati hanno finalmente trovato la migliore corrispondenza in un’unica posizione: West Woods, a circa 40 minuti d’auto.
“È stato davvero emozionante sfruttare la scienza del 21 ° secolo per comprendere il passato neolitico e infine rispondere a una domanda che gli archeologi hanno discusso per secoli”, ha affermato David Nash dell’Università di Brighton, che ha guidato lo studio.
West Woods è una pittoresca area boschiva che si estende per circa 390 ettari (960 acri). È famoso per i suoi percorsi ciclabili e pedonali e per le fioriture di fiori primaverili.

Ci sono ancora domande senza risposta. Ad esempio, ci sono due pietre che sembrano provenire da aree di origine diverse dagli altri sarsens di Stonehenge.
“Sebbene ciò possa essere una coincidenza, una possibilità è che la loro presenza segna il lavoro di diverse comunità di costruttori che hanno scelto di reperire i loro materiali da una parte diversa del paesaggio”, ha affermato lo studio.
Non è anche chiaro il motivo per cui i costruttori di Stonehenge originali abbiano scelto di procurarsi le loro sarsen da West Woods, quando c’erano così tante altre aree vicine piene di pietre sarsen – ma il team dello studio ha teorizzato che potrebbe essere a causa delle dimensioni pure delle pietre di West Wood.

“Ora possiamo dire che, quando si rifornivano i sarsen, l’obiettivo principale era la dimensione: volevano le pietre più grandi e sostanziali che potevano trovare e aveva senso prenderle il più vicino possibile”, ha affermato la storica Susan Greaney, uno dei coautori dello studio, nella dichiarazione English Heritage. “Questo è in netto contrasto con la fonte dei bluestones, dove era in gioco qualcosa di completamente diverso – forse un legame sacro con queste montagne”.
“Ancora una volta questa evidenza evidenzia quanto attentamente sia stata ponderata e deliberata la costruzione di questa fase di Stonehenge”, ha aggiunto.
La scoperta fa luce su dove erano basate queste popolazioni neolitiche e su dove raccoglievano i loro materiali, ma aiuta anche a restringere il percorso verso Stonehenge. Un altro mistero di vecchia data non è solo la provenienza delle pietre, ma il modo in cui sono state trasportate a distanze così lontane dal sito del monumento.

“I nostri risultati aiutano ulteriormente a limitare il percorso più probabile lungo il quale i sarsen sono stati trasportati a Stonehenge”, ha detto lo studio. Ad esempio, i ricercatori possono ora escludere le precedenti teorie secondo cui le pietre hanno viaggiato dal villaggio di Avebury a sud o sud-ovest fino a Stonehenge.
Lo studio ha aggiunto che sono necessarie ulteriori indagini per restringere la posizione esatta della fonte di pietre all’interno di West Woods e per identificare “pozzi di estrazione di sarsen preistorici”.
“Essere in grado di individuare l’area che i costruttori di Stonehenge usavano per procurarsi i loro materiali intorno al 2500 aC è un vero brivido”, ha dichiarato Greaney. “Ora possiamo iniziare a capire il percorso che potrebbero aver percorso e aggiungere un altro pezzo al puzzle.”

DATABASE SITI WEB GRATUITO - inserisci il tuo sito web « QUI »


Comments are closed, but trackbacks and pingbacks are open.