: “Dopo 2 anni minacce, il di sarà consegnato ad Aspi”

“Dopo due anni di minacce, immobilismo, proclami, giustizia promessa e rimandata il di verrà riconsegnato proprio ad , come ha ordinato il Governo M5S-Pd”. Lo dice il presidente di Regione Liguria, Giovanni , commentando la notizia riportata da Il Secolo XIX e da La Stampa secondo la quale sarà per l’Italia l’interlocutore per il passaggio di consegne del nuovo di . E sarà quindi Aspi a gestirlo, almeno fino all’eventuale revoca della concessione. La lettera, a quanto spiega l’articolo, e’ arrivata l’altro ieri: il mittente è il ministero delle Infrastrutture e Trasporti, il destinatario è la struttura commissariale per la ricostruzione guidata da Marco Bucci.

Nel testo, stringato, c’è il rimando alla convenzione, alla necessità di stipulare un protocollo di intesa per gestire il passaggio di beni e aree e si anticipa la disponibilità dei tecnici del Mit, per gestire la transizione: “Leggo – prosegue – la rassegna di questa mattina e penso ai grillini che promettevano, sulle macerie del Morandi, che avrebbero tolto subito le concessioni. A chi ci accusava di essere amici di quando predicavamo solo buon senso dicendo che la giustizia si fa nei tribunali. Ai tanti partiti di Governo che si sono riempiti la bocca di cambiamento e nuova politica senza prendere una, che sia una, decisione su questo tema.

Ad alcuni giornalisti che concionavano sulle malefatte di , ci accusavano di difenderle e inneggiavano alla giustizia che il Governo avrebbe fatto togliendo le concessioni. A chi ha bloccato infrastrutture già finanziate da , come la Gronda, che ora annunciano come opera strategica dopo averla stoppata (facendo risparmiare la concessionaria). A chi – aggiunge – pur conoscendo la legge, ha mentito agli italiani facendo credere loro che avrebbero potuto estromettere con un colpo di spugna. A chi ha permesso che non facesse lavori di messa in sicurezza in questi due anni. A chi per colpa di questo squallido balletto ha inchiodato i liguri in code interminabili in piena stagione estiva. Io – aggiunge il governatore – non dico nulla. Ma nulla di nulla.

Aspetto solo il commento di: Travaglio, Pedullà, Salvatore, Di Maio, Lunardon, alcuni giornalisti che vorrebbero fare politica, insomma tutti coloro che in questi anni hanno pontificato per i loro amici. A differenza loro, noi siamo amici solo dei liguri e vogliamo che funzionino e sicure. Ci interessa solo questo. Altri forse sono amici di altro… e altri. Sicuro non della verità. Forse perché la verità vi fa male: voi ridate il ad senza ottenere nulla. Noi – conclude continuiamo a lavorare per l’interesse dei liguri. E intanto per la tragedia del Morandi e per le sue 43 vittime nessuno ancora ha pagato. Mentre a Roma litigavate, noi in Liguria almeno abbiamo ricostruito il . Forse abbiamo ringhiato meno di voi… ma visti i risultati…”.

Comments are closed, but trackbacks and pingbacks are open.