Un elenco crescente di aziende che si uniranno al boicottaggio degli inserzionisti su Facebook per protestare contro ciò che dicono siano i fallimenti del sito nel fermare la diffusione dell’odio.

Una coalizione per i diritti civili, che include la Anti-Defamation League (ADL) e il NAACP, ha lanciato la campagna #StopHateforProfit la scorsa settimana quando ha invitato le grandi società a mettere in pausa la pubblicità su Facebook, citando il “ripetuto fallimento della società di affrontare in modo significativo la vasta proliferazione di odio sulle sue piattaforme “.
In pochi giorni, i rivenditori all’aperto REI, The North Face e Patagonia hanno dichiarato di essere presenti. Anche altre società, tra cui Upwork e Dashlane, hanno aderito.
In una dichiarazione rilasciata alla CNN venerdì, Carolyn Everson, vicepresidente del gruppo aziendale globale di Facebook, ha risposto dicendo: “Rispettiamo profondamente la decisione di qualsiasi marchio e restiamo concentrati sull’importante lavoro di rimozione del discorso d’odio e di fornire informazioni di voto critiche. Le nostre conversazioni con gli esperti di marketing e le organizzazioni per i diritti civili parlano di come, insieme, possiamo essere una forza per il bene “.

Ecco cosa sappiamo delle aziende che hanno aderito al boicottaggio.

Arc’teryx
“Con effetto immediato, interromperemo la nostra pubblicità globale con @Facebook e @instagram fino almeno alla fine di luglio a sostegno della campagna #stophateforprofit”, ha dichiarato Arc’teryx in un tweet martedì. Il marchio di abbigliamento per esterni ha aggiunto che donerà i soldi che avrebbe speso per le pubblicità di Facebook e Instagram per “costruire all’aperto più inclusivi”.

Ben & Jerry’s
La società di gelati ha rilasciato una dichiarazione martedì affermando di supportare NAACP, Color of Change, ADL “e tutti coloro che chiedono a Facebook di agire di più per impedire alle sue piattaforme di essere utilizzate per dividere la nostra nazione, sopprimere gli elettori, fomentare e fan il fiamme di razzismo e violenza e minano la nostra democrazia “.
“A partire dal 1 ° luglio metteremo in pausa tutta la pubblicità a pagamento su Facebook e Instagram negli Stati Uniti nell’ambito della campagna #StopHateForProfit “, ha aggiunto.
“Chiediamo a Facebook, Inc. di intraprendere le azioni chiare e inequivocabili richieste dalla campagna per impedire che la sua piattaforma venga utilizzata per diffondere e amplificare il razzismo e l’odio”.

Coca Cola
La Coca-Cola sta mettendo in pausa tutta la pubblicità sui social media, non solo su Facebook, “per almeno 30 giorni” a partire da luglio, ha detto la società venerdì.
“Ci dedicheremo del tempo a rivalutare i nostri standard e le nostre politiche pubblicitarie per determinare se le revisioni sono necessarie internamente e cosa dovremmo aspettarci dai nostri partner di social media per liberare le piattaforme di odio, violenza e contenuti inappropriati”, ha affermato la società in un dichiarazione . “Gli faremo sapere che ci aspettiamo una maggiore responsabilità, azione e trasparenza da loro”.

Dashlane
Dashlane, che è un gestore di password, si è impegnato a pubblicare annunci pubblicitari almeno per il mese di luglio, ha dichiarato Joy Howard, CMO dell’azienda, in un post sul blog sul sito Web dell’azienda lunedì.
Howard ha lasciato intendere che il boicottaggio potrebbe estendersi oltre.
“È chiaro che Facebook è tutto chiacchiere e distintivo e non si assumerà la responsabilità del suo ruolo nel capitalismo di sorveglianza da un senso di dovere morale”, ha scritto Howard. “Diranno solo ciò che i soldi gli fanno dire. È tempo per noi di mettere i nostri soldi dove è la loro bocca.”
Howard ha invitato i CMO di altre società tecnologiche a partecipare al boicottaggio.

Eddie Bauer
Eddie Bauer, un marchio di abbigliamento per esterni, ha dichiarato in una dichiarazione su Twitter che avrebbe sospeso le pubblicità a pagamento su Facebook e Instagram fino alla fine di luglio.
La società non ha indicato, come alcuni altri, se la loro sospensione potrebbe durare più a lungo.

Eileen Fisher
La società di abbigliamento ha detto mercoledì che metterà in pausa la pubblicità a pagamento su Facebook e Instagram durante il mese di luglio.
“Trattenendo i nostri dollari pubblicitari, insieme possiamo chiedere a Facebook di compiere passi significativi per creare una piattaforma più sicura per tutte le comunità”, ha detto in un tweet .
Hershey
La società produttrice di caramelle ha annunciato venerdì che si sta unendo al boicottaggio, anche dopo che il CEO di Facebook Mark Zuckerberg è andato su un live streaming venerdì per incontrare il contraccolpo pubblico.
Oltre a partecipare alla pausa di un mese a luglio dalla pubblicità su Facebook, la società ha dichiarato che “taglierà le nostre spese su Facebook e le loro piattaforme, incluso Instagram, di un terzo per il resto dell’anno”.
“Non crediamo che Facebook gestisca efficacemente i discorsi violenti e di divisione sulla loro piattaforma”, ha affermato la società. “Nonostante le ripetute affermazioni di Facebook di agire, non abbiamo visto cambiamenti significativi. All’inizio di questo mese abbiamo comunicato a Facebook che non eravamo soddisfatti della loro posizione nei confronti dell’odio. … Speriamo che Facebook agisca e lo trasformi in un spazio sicuro per i nostri consumatori per comunicare e raccogliere. Come azienda, sosteniamo i valori di solidarietà e inclusione e siamo risoluti nel nostro impegno a fare la differenza ed essere parte di un cambiamento positivo “.

Honda
La divisione americana della casa automobilistica ha dichiarato venerdì che si unirà al boicottaggio, estraendo il suo marketing da Facebook e Instagram.
La decisione segna la prima casa automobilistica a firmare la campagna.
“Per il mese di luglio, la Honda americana tratterrà la sua pubblicità su Facebook e Instagram, scegliendo di opporsi alle persone unite dall’odio e dal razzismo”, ha dichiarato la società in una nota. “Ciò è in linea con i valori della nostra azienda, che sono fondati sul rispetto umano”.

JanSport
Conosciuto per il suo iconico marchio di zaini, JanSport ha annunciato venerdì che non avrebbe più fatto pubblicità con Facebook e Instagram per il mese di luglio.
È il secondo marchio di proprietà di VF Corp. ad aderire alla campagna #StopHateForProfit, una settimana dopo che The North Face ha anche annunciato che avrebbe ritirato gli annunci da Facebook e Instagram.
“Contattateci su @Facebook. Stiamo con @NAACP e @ADL a #StopHateforProfit”, ha dichiarato il marchio in un tweet. “JanSport smetterà di fare pubblicità su @Facebook e @instagram per il mese di luglio e si unirà alla lotta per politiche più severe che impediscono al contenuto razzista, violento e odioso di proliferare su queste piattaforme.”

Levi Strauss
La società di abbigliamento dietro i marchi Levi’s e Dockers ha annunciato venerdì che metterebbe in pausa tutti gli annunci su Facebook e Instagram come parte della campagna.
“Stiamo esprimendo la nostra preoccupazione per l’incapacità di Facebook di bloccare la diffusione di disinformazione e incitamento all’odio sulla sua piattaforma”, ha affermato Levi Strauss in una nota. “Riteniamo che questa inazione alimenti il ​​razzismo e la violenza e abbia anche il potenziale per minacciare la nostra democrazia e l’integrità delle nostre elezioni”.

Magnolia Immagini
Magnolia Pictures è diventato il primo studio di Hollywood a unirsi al boicottaggio contro Facebook martedì.
Lo studio dietro film come “Food, Inc.” e “Man on Wire” ha detto che avrebbe smesso di fare pubblicità su Facebook e Instagram immediatamente almeno per la fine di luglio.
“Stiamo cercando cambiamenti significativi su Facebook e la fine della loro amplificazione del discorso dell’odio”, ha dichiarato la società in un tweet .

Patagonia
Patagonia, un altro marchio di abbigliamento per esterni, ha pubblicato la pubblicità su Facebook e Instagram domenica come parte del boicottaggio.
“Dalle elezioni sicure a una pandemia globale alla giustizia razziale, la posta in gioco è troppo alta per sedersi e lasciare che la compagnia continui a essere complici nel diffondere disinformazione e fomentare la paura e l’odio”, ha dichiarato Patagonia in una serie di tweet .
“Dato che le aziende di tutto il paese lavorano duramente per garantire che gli americani abbiano accesso a elezioni libere ed eque in autunno, non possiamo stare in piedi e fornire risorse alle aziende che contribuiscono al problema”.
La società ha dichiarato di sostenere la campagna e che i profitti della rete di social media non valgono “la promozione dell’odio, del bigottismo, del razzismo, dell’antisemitismo e della violenza”.

The North Face
Il marchio di abbigliamento outdoor The North Face è stata la prima grande azienda a unirsi al boicottaggio contro Facebook ( FB ) .
“Siamo dentro”, ha twittato The North Face venerdì. “Siamo fuori @Facebook #StopHateForProfit.”
L’impegno di North Face si applica alle pubblicità su Facebook e Instagram di proprietà di Facebook, ha affermato il marchio in una nota, anche se continuerà a creare contenuti organici su Instagram.
Craig Hodges, portavoce della casa madre di The North Face, VF Corp, ha affermato che numerosi altri marchi del portafoglio della società “stanno prendendo in considerazione” le orme di The North Face. VF Corp possiede anche Dickies, Vans, Timberland e Smartwool, tra gli altri. Per l’anno conclusosi il 31 marzo, VF Corp ha speso $ 756 milioni in pubblicità.
“The North Face sta interrompendo tutte le attività e la pubblicità pagata dagli Stati Uniti con Facebook fino a quando non verranno messe in atto politiche più severe per impedire la circolazione sulla piattaforma di contenuti razzisti, violenti o odiosi e disinformazione”, ha affermato la nota.

REI
Il rivenditore di attrezzature per esterni REI è entrato a far parte di The North Face poco dopo l’annuncio del boicottaggio di Facebook.
“Per 82 anni abbiamo messo le persone sul profitto”, ha dichiarato la società in un tweet . “Stiamo pubblicando tutta la pubblicità su Facebook / Instagram per il mese di luglio.”
oDesk

Upwork, che è una società di reclutamento, ha seguito le orme di The North Face e Patagonia venerdì.
“I lavori di ristrutturazione stanno colpendo la pausa sull’odio senza pubblicità su Facebook a luglio. #StopHateForProfit”, ha twittato la società .

Unilever
Unilever ha dichiarato che spingerà la pubblicità statunitense da Facebook, Instagram e Twitter a causa delle preoccupazioni di “divisione e discorsi di odio”.
L’impegno durerà almeno fino alla fine del 2020, ha dichiarato la società in una nota sul suo sito web.
“Continuare a fare pubblicità su queste piattaforme in questo momento non aggiungerebbe valore alle persone e alla società”, afferma la nota. Ha aggiunto: “Le complessità dell’attuale panorama culturale hanno posto una rinnovata responsabilità sui marchi nell’imparare, rispondere e agire per guidare un ecosistema digitale affidabile e sicuro”.
Unilever, i cui marchi includono Dove, Breyers, Hellmann’s, Knorr e Lipton, tra gli altri, ha affermato che avrebbe reindirizzato i suoi dollari pubblicitari ad “altri media” negli Stati Uniti.
In una dichiarazione in risposta alla decisione di Unilever, Twitter ha dichiarato di essere “rispettoso” delle decisioni degli inserzionisti.
Facebook non ha risposto immediatamente a una richiesta di commento.

Verizon
Il gigante delle telecomunicazioni Verizon ha detto giovedì che sta attirando la sua pubblicità da Facebook, in quello che potrebbe essere il marchio più grande ancora a far parte del boicottaggio #StopHateForProfit.
“Stiamo mettendo in pausa la nostra pubblicità fino a quando Facebook non sarà in grado di creare una soluzione accettabile che ci metta a nostro agio ed è coerente con quanto abbiamo fatto con YouTube e altri partner”, ha dichiarato John Nitti, Chief Media Officer di Verizon, in una dichiarazione alla CNN.
Verizon ha precedentemente strappato la sua pubblicità da YouTube per incitamento all’odio, citando gli standard di sicurezza del marchio Verizon.
L’annuncio di Verizon di giovedì suggerisce che il suo boicottaggio potrebbe durare molto più a lungo di quello di altre società che hanno aderito alla campagna organizzata da gruppi per i diritti civili.

Questo elenco verrà aggiornato.

DATABASE SITI WEB GRATUITO - inserisci il tuo sito web « QUI »


Comments are closed, but trackbacks and pingbacks are open.