il Polo Nord di Giove

Dall’esterno, l’agenzia può apparire un monolite, ma in realtà gli scienziati “amatoriali” possono svolgere un ruolo sostanziale – mai come ora, nella missione “Giunone” in corso.
Dal 2016, l’astronave Juno ha fatto il giro di Giove, scansionando l’atmosfera e mappando i suoi campi magnetici e gravitazionali. Porta anche JunoCam , una fotocamera appositamente progettata per registrare immagini dei poli; aree del gigante gassoso non ben documentate precedentemente.
La comunità di astronomia amatoriale assiste nella pianificazione, spiega, determinando quando JunoCam dovrebbe fotografare il pianeta e dove. Una volta che le immagini vengono rimandate sulla Terra, il pubblico ha accesso ai dati grezzi che, con un po ‘di know-how nel fotoritocco, sono stati trasformati in alcune delle immagini più straordinarie mai viste su Giove.
“Non so cosa faremmo senza di loro!” dice Hansen-Koharcheck. “Negli ultimi due anni siamo arrivati ​​a fare affidamento su di loro … come membri importanti del nostro team virtuale.”

Kevin Gill: “Un collage di viste di Giove ultra grandangolari create usando immagini riproiettate catturate dal veicolo spaziale Juno.”

Tra i divulgatori più prolifici e noti ci sono persone che lavorano nella comunità scientifica. Kevin Gill, ingegnere informatico presso il Jet Propulsion Lab, un centro di ricerca e sviluppo della NASA in California, lavora nella visualizzazione dei dati e si è dilettato nell’elaborazione delle immagini in modo professionale. Ma crea immagini di JunoCam per amore per la scienza.
Gill è iniziato nel 2014 con fotografie di Marte di Curiosity Rover e della videocamera HiRISE in orbita attorno al pianeta rosso, prima di passare a Cassini, che ha fotografato Saturno e le sue lune e altre missioni. Ora occupa il suo tempo libero con Giunone.
“JunoCam è una fotocamera grandangolare, ma è basata su una fotocamera in scala di grigi in bianco e nero”, spiega. Il sensore della fotocamera ha filtri per rosso, blu e verde e un altro per il rilevamento del metano, catturando immagini in scala di grigi separate per ciascuno.

Una vista delle nuvole superiori di Giove prese da GiunoneCam sul perijove 16 della missione di Giunone.

“Mentre la navicella spaziale gira, JunoCam scatta tutta una serie di immagini … fino a 58 gradi di larghezza e fino a 360 gradi di lunghezza”, aggiunge. “Giunone completerà il perijove – il punto più vicino a Giove nella sua orbita – e poi inizierà a trasmettere i dati.”
I dati delle immagini impiegano un paio di giorni per raggiungere la Terra, quindi vengono caricati per uso pubblico. Gill ha un processo di editing semi-automatico, che pulisce i pixel o la polvere difettosi che potrebbero aver colpito l’obiettivo, prima di rimuovere la distorsione geometrica, quindi unire insieme le strisce lunghe e sottili dell’immagine. Per trasformare l’immagine composita in colore, elabora le immagini in scala di grigi rossa, verde e blu nel software di modifica delle immagini, “e, se tutto il mapping è corretto, si sovrapporranno perfettamente”.
JunoCam non può essere completamente calibrato per il vero colore, dice Gill, quindi c’è un grado di licenza creativa sull’immagine finale. “Cerco di mantenere il colore vicino”, dice, mentre rivela “ciò che è più piacevole e racconta di ciò che è in superficie”.

Una formazione simile a un pesce nelle nuvole superiori di Giove, catturata dalla missione Giunone

E cosa è stato in grado di vedere Giunone per la prima volta? “Siamo stati in grado di vedere i cicloni ai poli”, dice. “Finalmente, abbiamo queste immagini davvero nitide.”
Altri punti salienti personali includono Giunone che guarda in basso nella Grande Macchia Rossa di Giove, e recenti risultati del perijove 24. “C’è un sistema e sembra un pesce koi”, dice Gill. “È una nuvola arancione nell’emisfero settentrionale. Sono davvero entusiasta di sapere se trovano una spiegazione scientifica per questo.”

In alto a sinistra, vista della dorsale montuosa equatoriale sulla luna Iapetus di Saturno, scattata da Cassini nel 2007.

Altrove, Gill è attratto da immagini di fenomeni “a cui è difficile rispondere”: strisce rosse simili a graffi su Teti, la catena montuosa equatoriale su Iapeto e segni di deboli anelli in orbita attorno a Rea – tutte le lune di Saturno fotografate da Cassini.
Gill crede che la fotografia possa avvicinarci ai nostri vicini planetari, a volte fino all’incredulità. “Quando uso le immagini HiRISE”, dice, “sono prese dall’orbita e pubblicheranno anche modelli di elevazione. Posso elaborarli e creare un panorama come se fossi in piedi sul terreno … Fai in modo che le persone commentino dicendo: “No, stai mentendo, è l’Arizona o lo Utah. Ho visto quella collina!”

Una vista di Hale Crater su Marte, creato combinando fotografia aerea e mappatura di elevazione di HiRISE a bordo del Mars Reconnaissance Orbiter.

Progettato per resistere ad almeno sette orbite, JunoCam è ancora operativo dopo 26 viaggi intorno a Giove, con la promessa di altre fotografie a venire. La missione è già stata estesa una volta e il team dietro di essa sta esplorando di estenderla ulteriormente, afferma Hansen-Koharcheck. Ma ci sono altre ambiziose missioni della NASA all’orizzonte, dice Gill, con una potenziale serie di fotografie per il pubblico.
Marte 2020, un rover che sarà lasciato cadere sul sito di un antico lago, sarà dotato di non meno di 23 telecamere . Europa Clipper indagherà sulla luna ghiacciata di Giove, passando entro le 16 miglia da ciò che dice la NASA ” potrebbe essere il posto migliore dove cercare la vita extraterrestre nel sistema solare “. Ancora più ambizioso, la missione Dragonfly punta a far volare un rotocopter sopra la superficie della luna di Saturno, Titano, ” un analogo della primissima Terra “, secondo la NASA.
La pazienza è la chiave, tuttavia. “Clipper e Dragonfly sono un po ‘lontani – sono negli anni 2030 – ma non vedo l’ora di vedere le immagini”, dice Gill.

DATABASE SITI WEB GRATUITO - inserisci il tuo sito web « QUI »


Comments are closed, but trackbacks and pingbacks are open.