Un’immagine al microscopio elettronico a trasmissione che mostra Sars-CoV-2, il virus che causa . Il nuovo esamina la risposta immunitaria dell’organismo alle infezioni.

Gli scienziati che lavorano per l’esercito americano hanno progettato un nuovo che potrebbe potenzialmente identificare i portatori prima che diventino contagiosi e diffondano la malattia.

In quella che potrebbe essere una svolta significativa, i coordinatori del progetto sperano che il del sangue sarà in grado di rilevare la presenza del virus già 24 ore dopo l’infezione – prima che le persone mostrino i sintomi e diversi giorni prima che un corriere sia considerato in grado di diffonderlo ad altri persone. Questo è anche circa quattro giorni prima che gli attuali possano rilevare il virus.

Il è emerso da un progetto istituito dalla Defense Advanced Research Projects Agency (Darpa) dell’esercito americano volto alla diagnosi rapida di avvelenamento da germi o guerra chimica. È stato riproposto in fretta quando è scoppiata la pandemia e si prevede che il nuovo sarà presentato per l’approvazione di emergenza (EUA) dalla Food and Drug Administration (FDA) americana entro una settimana.

“Il concetto colma una lacuna diagnostica in tutto il mondo”, ha detto al Guardian il capo dell’ufficio delle tecnologie biologiche di Darpa, il dott. Brad Ringeisen, poiché dovrebbe anche colmare i vuoti di prova nelle fasi successive dell’infezione. Se ottenuto l’approvazione della FDA, ha detto, aveva il potenziale per essere “assolutamente un gamechanger”.

Mentre il rilevamento pre-infettivo migliorerebbe l’efficienza dei programmi -and-trace mentre i governi di tutto il mondo allentano i blocchi, Darpa ha avvertito che deve attendere fino a quando non viene data l’approvazione della FDA e il può essere messo in pratica per prove di quanto precocemente può raccogliere il virus.

“L’obiettivo della ricerca è quello di sviluppare e convalidare un test diagnostico di risposta ematica precoce dell’ospite per Covid”, ha dichiarato il prof. Stuart Sealfon, che guida il gruppo di ricerca dell’ospedale Mount Sinai di New York, in una e-mail.

Ha detto che l’approccio al test, che esamina la risposta del corpo mentre combatte , dovrebbe produrre risultati precedenti rispetto agli attuali test del tampone nasale che cacciano il virus stesso. “Poiché la risposta immunitaria all’infezione si sviluppa immediatamente dopo l’infezione, ci si aspetta che una firma Covid fornisca una diagnosi di infezione Covid più sensibile in precedenza”.

La ricerca alla base dello sviluppo dei test sarà infine resa pubblica, con i team di collaborazione delle scuole di medicina del Monte Sinai, della Duke University e di Princeton che dovrebbero pubblicare online, consentendo agli scienziati di tutto il mondo di provare metodi simili.

Se viene concesso l’EUA, il test dovrebbe iniziare ad essere implementato negli Stati Uniti nella seconda metà di maggio. L’approvazione non è garantita, ma gli scienziati di Darpa sono entusiasti del potenziale impatto dato che i governi allentano i blocchi tra le preoccupazioni per il controllo dei potenziali focolai della seconda ondata.

“Siamo tutti estremamente entusiasti. Vogliamo implementare questo test il più rapidamente possibile, ma allo stesso tempo condividere con altri che potrebbero voler implementare nei propri paesi “, ha affermato Eric Van Gieson, che ha istituito il programma di caratterizzazione e osservazione epigenetica di Darpa (Eco) l’anno scorso per diagnosticare le vittime della guerra biologica, e lo ha reindirizzato per concentrarsi su . Epigenetics esamina una serie di controlli sui geni che possono rispondere all’ambiente.

La speranza che il test possa raccogliere i portatori prima che diventino infettivi si basa su ricerche precedenti su altri virus, anche se Sealfon ha affermato che questo è rimasto “sconosciuto” per .

“Abbiamo prove che la diagnosi si verifica nelle prime 24 ore per l’influenza e un adenovirus”, ha detto Van Gieson. “Siamo ancora nel mezzo di dimostrarlo con Covid-19. Detto questo, dovremmo saperlo molto presto dopo l’EUA. ” Vede il potenziale per gli Stati Uniti di effettuare fino a un milione di test al giorno, a partire da 100.000 al giorno a maggio.

Il test aumenterebbe la possibilità di isolare i casi pre-infettivi e chiudere le catene di trasmissione. Potrebbe anche ridurre drasticamente i periodi di quarantena per le persone esposte agli spargitori Covid-19, permettendo loro di tornare al lavoro in pochi giorni. “Potrebbe avere una domanda eccezionale”, ha affermato Chris Linthwaite, amministratore delegato di Fluidigm, una società di tecnologia delle scienze della vita della California che fa parte del progetto, che ritiene che test frequenti possano aiutare a gestire la forza lavoro mentre ritornano in uffici, magazzini e fabbriche.

Il governo britannico ha annunciato due settimane fa di riavviare un programma di tracciamento dei contatti che è stato abbandonato all’inizio dell’epidemia. L’obiettivo dichiarato della Gran Bretagna era di 100.000 test al giorno entro la fine di aprile. Martedì la Francia ha annunciato che avrebbe testato 700.000 persone a settimana, comprese quelle senza sintomi.

Altri paesi come la Corea del Sud, l’Australia e la Nuova Zelanda dispongono già di efficienti sistemi di tracciamento, ma sarebbero potenziati se i corrieri fossero individuati in anticipo.

Gli esperti di Darpa vedono anche il potenziale per migliorare i protocolli per la protezione degli operatori sanitari e di altri in lavori ad alto rischio, così come quelli in comunità relativamente autonome o isolate come case di cura e carceri o navi di bordo.

Il test utilizza le stesse macchine di reazione a catena della polimerasi (PCR) utilizzate per controllare i tamponi nasali di persone sospettate di avere il virus. “È una semplice modifica”, ha detto Van Gieson. “L’infrastruttura è già lì.”

Le limitazioni d’uso sono simili a quelle già affrontate da paesi come la Gran Bretagna e dipendono dalla capacità di PCR, dalle scorte di reagenti chimici e dalla logistica. I risultati possono richiedere un’ora o più a lungo se i campioni devono essere inviati ai laboratori.

Come il test virale, il nuovo esame del sangue cerca un tipo di molecola chiamata RNA. In questo caso si tratta di messenger RNA (mRNA). “Target mRNA è parte della risposta immunitaria alle infezioni virali”, ha detto Sealfon. “I livelli di espressione dell’mRNA si adattano davvero a causa della presenza di Covid-19. Comprendere la risposta immunitaria è la chiave per combattere Covid-19 “.

Si pensa che Covid-19 si incubi per circa cinque giorni, a quel punto si presume che le persone diventino infettive. Questo è anche quando il virus può essere rilevato dagli attuali test di tampone nasale. “Fanno il lavoro, semplicemente non ti dicono che qualcuno è malato fino a forse quattro giorni dopo questo (nuovo test)”, ha detto Van Gieson.

La ricerca mostra livelli di accuratezza superiori al 95%. “Questo è qualcosa che dovrà essere costantemente monitorato in quanto inevitabilmente cambierà su o giù”, ha detto Van Gieson.

I campioni di sangue sono più difficili da raccogliere rispetto ai tamponi nasali, ma possono essere più affidabili. Il test del tampone può essere difficile perché richiede il prelievo di un campione dal profondo del naso.

“Può provocare molti falsi negativi”, ha affermato il prof. Lawrence Young della Warwick University, aggiungendo che studi recenti che dimostrano una bassa affidabilità erano probabilmente dovuti alla scarsa campionatura dei tamponi. “Sono stato molto preoccupato per le immagini alla televisione dei test drive-in. Qualcosa che potresti misurare in modo affidabile nel sangue potrebbe essere una buona cosa. “

Comments are closed, but trackbacks and pingbacks are open.