Ecco come il tuo corpo ottiene l’ al . Zania Stamataki, un immunologo virale, è affascinato dai sistemi di difesa dell’organismo umano. Non c’è niente di più impressionante del sistema immunitario umano, dotato di un ricco arsenale per difendersi da diversi tipi di agenti patogeni. I virus si sono evoluti per ingannare, eludere ed eludere queste difese. Il nostro sistema immunitario, a sua volta, ha imparato a riconoscere e scoraggiare queste tattiche di azione furtiva da virus. In , il nemico è un minuscolo pezzo di materiale genetico che indossa un mantello lipidico e una corona proteica.

In che modo il nostro sistema immunitario è in grado di difendersi dalle infezioni virali e come si applica a ? Il virus che causa è chiamato sindrome respiratoria acuta grave 2 () ed è stato rilevato per la prima volta nell’uomo circa cinque mesi fa. È un e fa parte di questa famiglia dove ci sono altri celebri appartenenti, come il del raffreddore e quello del Morbillo. Il virus è adornato con uno strato esterno di proteine ​​coperto di punte, come una corona. Questi pungiglioni aiutano il virus ad attaccarsi alle cellule bersaglio. La comunità di sta imparando rapidamente l’ a e stanno anche applicando la loro conoscenza di simili virus respiratori per prevedere cosa aspettarsi da questa infezione.

Pensa a un virus come a un robot; non può riprodursi, quindi ha bisogno di una fabbrica di materiali – proteine, lipidi e nucleotidi – per costruire copie di se stesso. Il mantello consente al virus di attaccarsi alla membrana della cellula bersaglio. Il virus si fonde quindi con la cellula e rilascia una lista della spesa di istruzioni su come costruire e assemblare nuovi virus. Questa lista della spesa, il genoma del virus, è scritta nei nucleotidi (RNA). Il primo lavoro di un virus che entra nei nostri corpi è quello di invadere le cellule bersaglio in modo che possa rimuovere comodamente il suo mantello e distribuire il suo RNA.

Una volta dentro, il virus comanda la cellula e prende in prestito i macchinari cellulari per costruire più virus prima che le cellule immunitarie rilevino gli intrusi e lancino l’allarme. Le proteine ​​anticorpali che sono in grado di aderire alle proteine ​​virali e prevenire l’attaccamento alle cellule bersaglio, sono chiamate anticorpi neutralizzanti: la loro generazione è spesso l’obiettivo della vaccinazione protettiva.

Le nostre cellule infette compiono il massimo sacrificio e invitano alla propria distruzione mostrando segnali di soccorso per le cellule T, che le rilevano e uccidono rapidamente. Le cellule T sono citotossiche, potenti serial killer in grado di riconoscere frammenti di peptidi di virus visualizzati sulla superficie cellulare infetta. Quando lo fanno, rilasciano un carico utile di enzimi tossici che uccidono la cellula infetta in un “bacio della morte”. Questo martirio strategico è organizzato dal sistema immunitario per privare il virus delle sue fabbriche di replicazione e può portare alla riduzione della carica virale nel paziente. Ci vogliono diversi giorni per l’espansione delle cellule T antivirali e la generazione di anticorpi. Ecco il rivestimento d’argento :le celle di memoria assicurano che se incontriamo di nuovo lo stesso virus, possiamo reagire immediatamente con difese preesistenti. è nuovo per l’umanità, quindi non abbiamo memoria immunologica protettiva. I vaccini preparati utilizzando parti innocue del virus possono aiutarci a costruire memoria protettiva.

La superpotenza nemica del virus si sta diffondendo. Il virus raggiunge questo obiettivo attraverso lo “spargimento” di pazienti infetti. è esperto nel saltare da una persona all’altra e in alcune persone raggiunge un’esistenza furtiva con sintomi lievi o assenti. Dopo aver eseguito molte copie del virus, è necessario passare a un altro host. Fa l’autostop su goccioline che possono essere tossite o starnutite fino a una distanza massima di due metri. Goccioline possono sopravvivere sulle superfici per diverse ore consentendo il prelievo – da un nuovo ospite, oppure possono essere inalate direttamente se un’altra persona è nelle immediate vicinanze. Gli studi stanno emergendo in ospiti animali – finora il virus è stato rilevato in alcuni furetti, gatti, tigri e cani. Non è stata ancora segnalata la morte di animali e non sappiamo se gli animali possano trasmettere all’uomo.

Il differenziale di età nei decessi per suggerisce, con alcune eccezioni, che un sistema immunitario sano è generalmente in grado di controllare l’infezione. Nel frattempo, un invecchiamento o un sistema immunitario indebolito possono avere difficoltà a dispiegare un arsenale protettivo. È importante sottolineare che non può accedere da solo alle nostre case o ai nostri corpi: dobbiamo lasciarlo entrare. Ecco perché i consigli ufficiali si sono concentrati sulla pulizia delle nostre mani ed evitare di toccarci il viso.

Sappiamo che un sistema immunitario sano è in genere in grado di eliminare l’infezione in un paio di settimane. Tuttavia, non abbiamo alcuna comprensione dei componenti del nostro arsenale immunitario che contribuiscono a questa impresa: alcuni vaccini agiscono creando potenti anticorpi neutralizzanti; altri vaccini generano potenti cellule T di memoria. Gli anticorpi antivirali emergono già da tre a quattro giorni dopo il rilevamento del virus, ma sono protettivi contro future reinfezioni? Riteniamo che gli anticorpi verso altri (Sars, Mers) durino da uno a tre anni. Poiché si tratta di un nuovo virus, non conosciamo ancora la risposta a questa domanda. Public Health England sta reclutando da 16.000 a 20.000 volontari per monitorare gli anticorpi una volta al mese per 6-12 mesi per confermare se possiamo generare risposte anticorpali di lunga durata a . Determinare la qualità di questi anticorpi sarà importante per comprendere la protezione a lungo termine.

Qual è la nostra arma immunitaria più potente contro ? Le cellule T citotossiche possono svolgere un ruolo importante. Immunologi e virologi stanno lavorando insieme per scoprire i correlati di protezione, per progettare vaccini che offrono difese a lungo termine contro . Anni di investimenti nella ci consentono di utilizzare gli approcci esistenti per rispondere a questa nuova minaccia e la mobilitazione precoce di finanziatori della , filantropi e accademici sta deviando risorse per sostenere questi sforzi su una scala senza precedenti. L’esperienza ci ha insegnato che i vaccini sono in grado di sradicare le infezioni da questo pianeta (ad esempio il vaiolo) e anche i medicinali contro i virus che non incorporano il nostro materiale genetico nel nostro (ad esempio l’epatite C) possono raggiungere questo obiettivo.

La nostra arma segreta è la . Gli scienziati stanno lavorando sodo per comprendere Covid-19 e la collaborazione è la chiave per questo sforzo. Ma fino a quando non sarà disponibile un vaccino o un trattamento, dovremmo impegnarci a fondo per proteggere noi stessi e le nostre famiglie: isolare e prevenire la trasmissione usando l’allontanamento fisico, le maschere per il viso e l’igiene personale estrema. Se tutti facciamo la nostra parte, questo piccolo virus che tiene il mondo in riscatto non avrà alcuna possibilità.

• Zania Stamataki è docente e ricercatrice senior di immunologia virale all’Università di Birmingham

Comments are closed, but trackbacks and pingbacks are open.