Le persone trascorrono più tempo in streaming video dacché il coronavirus le costringe a rimanere in casa. Gli inserzionisti pubblicitari, tuttavia, non seguono la stessa traiettoria.
La settimana scorsa il volume di streaming TV è aumentato del 12% rispetto alla settimana precedente, secondo la società di tecnologia video Wurl, che tiene traccia delle abitudini di visualizzazione di circa 5 milioni di spettatori su televisori collegati a Internet. Amazon.com e Hulu della Walt Disney hanno visto lo streaming salire durante la crisi, secondo le persone che hanno familiarità con la questione. Altri fornitori di video in streaming, tra cui HBO e Vizio Inc. di AT&T Inc., hanno riferito di aver aumentato la visualizzazione dei loro servizi di streaming. Gli spettatori sembrano particolarmente motivati ​​a trovare cose nuove da guardare. “Non stiamo solo vedendo più tempo trascorso con lo streaming e la TV, che prevediamo continuerà a salire, ma stiamo anche vedendo più tempo speso in ricerca e scoperta”, ha dichiarato Mike O’Donnell, responsabile delle piattaforme di Vizio. “Senza sport e con il bombardamento mediatico in crescita, le persone stanno iniziando a cercare più contenuti da guardare.” Le sessioni visualizzate dal 16 al 22 marzo su app supportate da pubblicità e pubblicità sulla piattaforma TV connessa sono aumentate del 40% rispetto alla settimana precedente. La sua piattaforma tiene traccia delle abitudini di visualizzazione per 10,1 milioni di apparecchi TV utilizzando il suo sistema operativo. Il miglioramento nello streaming è stato tradotto in più tempo disponibile per gli annunci. SpotX Inc., che aiuta gli editori a vendere annunci video, ha dichiarato di aver registrato un aumento del 16% nell’inventario degli annunci video dal 19 al 22 marzo rispetto al 5-8 marzo, i giorni corrispondenti due settimane prima. Ciò include i video trasmessi in streaming su televisori e altri dispositivi collegati come smartphone, tablet e computer. SpotX ha dichiarato che lo spazio pubblicitario disponibile per la programmazione di programmi TV in streaming è cresciuto in particolare di quasi il 25% dal 12 al 24 marzo, rispetto al 28 febbraio-11 marzo. L’inventario per i video digitali, che in genere sono più brevi, è aumentato del 13% nello stesso periodo. Ma anche se la visualizzazione cresce, la domanda degli inserzionisti sta diminuendo in seguito all’improvviso arresto di molte attività economiche. “Abbiamo avuto cancellazioni dirette; abbiamo avuto clienti che hanno rinviato le campagne “, ha affermato Mike Evans, vicepresidente senior per la facilitazione della domanda di SpotX, che ha dichiarato di funzionare con oltre 600 società di media e di raggiungere 42 milioni di famiglie di TV collegate a Internet. “La volatilità prima di tutto – e quella ovvia – è in viaggio”, ha detto Evans. “È stato un colpo enorme. Non so come continuerà. “

DATABASE SITI WEB GRATUITO - inserisci il tuo sito web « QUI »


Comments are closed, but trackbacks and pingbacks are open.