Nicolas Maduro

Le autorità statunitensi hanno accusato il presidente venezuelano Nicolás Maduro di traffico di droga e hanno offerto una ricompensa di 15 milioni di dollari per le informazioni che portano al suo arresto, in una vasta serie di azioni che colpiscono più di una dozzina di funzionari venezuelani attuali ed ex e intensificano gli sforzi dell’amministrazione Trump per disfare il regime.

I pubblici ministeri hanno aperto una serie di procedimenti penali a New York, Florida e Washington giovedì, che hanno descritto come il prodotto di un’indagine schifosa e hanno accusato il signor Maduro e altri di coordinarsi con un gruppo di guerriglieri colombiani di traffico di droga per inondare gli Stati Uniti con tonnellate di cocaina negli ultimi 20 anni.

Il procuratore generale William Barr ha descritto il regime venezuelano come “afflitto da criminalità e corruzione”, affermando che era dominato da un “sistema costruito e controllato per arricchire quelli ai più alti livelli del governo”. Ha parlato in una conferenza stampa di giovedì tenuta online a causa della pandemia di coronavirus.

In un altro caso, depositato presso il tribunale federale di Miami, i pubblici ministeri hanno accusato il giudice di seduta della Corte suprema del Venezuela, Maikel José Moreno Pérez, di aver preso milioni di dollari in tangenti relative a casi che stava supervisionando e spendendo fondi in beni di lusso e immobili nel sud della Florida.

DATABASE SITI WEB GRATUITO - inserisci il tuo sito web « QUI »


Comments are closed, but trackbacks and pingbacks are open.