Nkosiyazi Mncube, a sinistra, ha ricevuto la prima dose di un vaccino H.I.V. sperimentale in una clinica a KwaZulu-Natal, in Sudafrica, nel 2016. Il vaccino alla fine fallì. Credits … Jackie Clausen / The Times / Gallo Images, via Getty

Dopo oltre 30 anni di ricerche, 1,7 milioni di persone sono ancora infette ogni anno dal virus che causa l’AIDS

In un’altra battuta d’arresto nella lunga ricerca per prevenire l’infezione da H.I.V., un test in Sud Africa è stato chiuso perché un vaccino sperimentale non funzionava. Lo hanno annunciato lunedì i funzionari della sanità.

Il test è iniziato nel 2016, ne seguì uno in Thailandia che si concluse nel 2009. Quel vaccino offriva solo una modesta protezione contro le infezioni. Gli esperti hanno discusso di quanto, ma il vaccino non era più efficace del 30%.

Tuttavia, era l’unico vaccino che sembrava funzionare.

“Speravamo che questo candidato al vaccino avrebbe funzionato – purtroppo non funziona”, ha dichiarato il dott. Anthony S. Fauci, direttore dell’Istituto nazionale per le allergie e le malattie infettive, che ha condotto il test.

“La ricerca continua su altri approcci per un vaccino H.I.V sicuro ed efficace, che credo ancora possa essere raggiunto “.

Un vaccino contro H.I.V., il virus che causa l’AIDS, è estremamente necessario. Anche adesso, quasi 40 anni dopo l’inizio dell’epidemia, 1,7 milioni di persone vengono infettate di nuovo ogni anno, la maggior parte in Africa, in particolare nell’Africa meridionale, secondo l’UNAIDS, l’agenzia delle Nazioni Unite per la lotta all’AIDS.

Il processo – noto come HVTN 702 ma soprannominato Uhambo, che significa “viaggio” a Zulu – includeva 5.407 uomini e donne in Sudafrica.

Il mese scorso, un panello di monitoraggio della sicurezza ha esaminato i primi risultati e ha scoperto che c’erano 123 infezioni tra i partecipanti che avevano ricevuto un’iniezione di placebo e 129 tra quelli che avevano ricevuto il vaccino.

Ciò indicava chiaramente che il vaccino non era protettivo, ma non significava che stesse rendendo i partecipanti più vulnerabili all’H.I.V., hanno detto gli scienziati. Una differenza di sole sei infezioni in un così ampio gruppo di partecipanti avrebbe potuto essere dovuta al caso.

Il vaccino Uhambo ha dovuto essere significativamente modificato rispetto a quello testato in Tailandia perché il Sudafrica ha un diverso ceppo dominante di H.I.V.

Il vaccino utilizzava il canarypox, un virus aviario che può infettare le cellule umane ma non può moltiplicarsi in esse, per consegnare al corpo una proteina trovata sull’involucro esterno di H.I.V. Il sistema immunitario impara a riconoscere la proteina e a produrre anticorpi protettivi.

“Questa è una grande delusione, e significa che il canarypox non è chiaramente una strada per il successo”, ha dichiarato Mitchell J. Warren, direttore esecutivo di AVAC, un gruppo di difesa della prevenzione H.I.V. con sede a New York. “Ma è stato un processo ben condotto – ha arruolato migliaia di partecipanti e sono tornati per i loro test.”

“Come si dice nell’industria farmaceutica,” Se hai intenzione di fallire, fallisci velocemente “, ha aggiunto. “In questo modo, non sprecare risorse finanziarie e umane”.

Altri due H.I.V. sono ancora in corso studi sui vaccini nn. 705 e 706, noti come Imbokodo e Mosaico. Entrambi usano un comune virus del raffreddore come vettore e diverse proteine ​​di superficie.

Imbokodo sta arruolando donne in cinque paesi dell’Africa meridionale e Mosaico sta arruolando uomini gay e alcune persone transgender in Europa e Nord America.

Per motivi etici, ai partecipanti alla sperimentazione è stata anche offerta la profilassi pre-esposizione o PrEP – una pillola giornaliera che previene l’infezione da H.I.V. – nonché preservativi e consigli su come evitare l’infezione.

Ma 30 anni di distribuzione e propaganda del preservativo non sono riusciti a frenare la violenza del H.I.V. nell’epidemia nell’Africa meridionale. Numerosi studi PrEP hanno fallito anche lì, perché le persone si iscrivono ma poi non prendono le pillole. Quindi un vaccino rimane un obiettivo importante.

Gli scienziati stanno anche testando altri metodi per fermare H.I.V .: iniezioni di cocktail di anticorpi che possono bloccarlo, iniezioni di farmaci di lunga durata, impianti e anelli vaginali che rilasciano nel tempo piccole quantità di farmaci preventivi.

DATABASE SITI WEB GRATUITO - inserisci il tuo sito web « QUI »


Comments are closed, but trackbacks and pingbacks are open.