L’elettricità necessaria per far funzionare il rover Mars 2020 della NASA (nella foto qui) è fornita da un sistema di alimentazione chiamato generatore termoelettrico a radioisotopi multi-missione o MMRTG. Non raffigurato in questa immagine, il MMRTG verrà posizionato a poppa del rover. – Crediti: NASA / JPL-Caltech

Mentre la NASA continua i preparativi per il lancio in Florida dell’estate 2020 del suo rover Mars 2020, incluso il recente completamento dei test del veicolo spaziale in condizioni simili a Marte, la sicurezza pubblica rimane una priorità assoluta.

L’analisi dettagliata dei potenziali rischi radiologici associati al lancio di un veicolo spaziale alimentato da un generatore termoelettrico a radioisotopi fa parte delle procedure operative standard per le missioni della NASA come Mars Curiosity e Pluto New Horizons. Queste missioni utilizzano questo tipo di sistema di alimentazione per esplorare dove l’energia solare da sola non è sufficiente per portare a termine il lavoro.

Per Mars 2020 tale analisi è iniziata anni fa, con la conseguente decisione della NASA del 2015 di utilizzare un sistema di alimentazione a radioisotopi per fornire energia elettrica al rover, dato che i rischi erano piccoli. La NASA e il Dipartimento dell’Energia (DOE) hanno continuato a valutare i potenziali impatti radiologici del lancio e hanno completato un’analisi dei rischi più dettagliata.

Il 25 ottobre, tale analisi e altre informazioni aggiornate sono state rese pubbliche per un commento pubblico in una bozza di Dichiarazione di impatto ambientale supplementare (SEIS). Il progetto di SEIS è ora disponibile per la revisione pubblica e il commento. Riunioni pubbliche sul progetto si sono svolte nell’area di Cape Canaveral e online durante la settimana dell’11 novembre.

La nuova analisi rileva che il risultato più probabile per Marte 2020 è un lancio riuscito. È improbabile un incidente durante il lancio e la probabilità stimata di un incidente con un rilascio di materiale radiologico dal sistema di alimentazione del rover è piccola: 1 su 960 in tutti i possibili scenari di incidente. Nel caso di un rilascio, la dose massima stimata di radiazione risultante per un individuo esposto nell’area di lancio che non intraprende azioni protettive sarebbe bassa, equivalente a circa otto mesi di radiazione di fondo naturale per il residente medio degli Stati Uniti.

Il periodo di lancio per la missione Mars 2020 si apre il 17 luglio 2020. Dopo che l’astronave è atterrata sulla superficie marziana il 18 febbraio 2021, il rover cercherà i segni della vita microbica passata, caratterizzerà il clima e la geologia del pianeta e raccoglierà campioni per il futuro ritorno sulla Terra.

Il sistema che fornisce energia elettrica a Marte 2020 e alle sue apparecchiature scientifiche è essenzialmente una batteria nucleare che utilizza il decadimento radioattivo naturale del biossido di plutonio come fonte di calore per produrre energia e riscaldare i sistemi interni. La NASA ha un lungo e di successo record di prestazioni con questi sistemi di alimentazione. Il sistema su Marte 2020, noto come generatore termoelettrico a radioisotopi multi-missione (MMRTG), è lo stesso del rover Curiosity, lanciato da Cape Canaveral nel 2011 e che continua a funzionare su Marte. Sistemi di alimentazione simili sono volati su oltre due dozzine di missioni spaziali statunitensi dal 1961.

Anche se le possibilità di incidenti di lancio sono limitate, la NASA prepara piani di risposta per tutti i suoi lanci per essere pronti a proteggere il pubblico. Per gestire la risposta a un incidente con un possibile rilascio di materiale radioattivo nell’area di lancio, la NASA istituisce un centro di valutazione e operazioni gestito da una varietà di esperti in materia che implementa dispositivi di monitoraggio e squadre sul campo dotate di strumenti specializzati prima del lancio. La NASA riunisce anche un team di comunicazione multi-agenzia che funge da stanza di compensazione per aggiornamenti di informazioni tempestivi e accessibili sulle condizioni degli incidenti e qualsiasi raccomandazione su misure precauzionali.

Comments are closed, but trackbacks and pingbacks are open.