ratto crestato africano

Per un roditore che assomiglia al figlio di una puzzola e una spazzola di lana d’acciaio, il crestato africano si comporta con una sorprendente spavalderia. I ratti “hanno la personalità di qualcuno che sa di essere ”, dice Sara Weinstein, biologa dell’Università dello Utah e dello Smithsonian Conservation Biology Institute che li studia.

In netto contrasto con la maggior parte dei loro ombrosi parenti roditori, il Lophiomys imhausi si aggira con la languidità dei porcospini. Quando vengono messi alle strette, gonfiano la pelliccia lungo la schiena in un mohawk smerigliato, rivelando file di bande bianche e nere che corrono come strisce da corsa lungo i loro fianchi – e, al centro, un boschetto di peli marroni specializzati con un consistenza a nido d’ape.

Quei peli spugnosi contengono un abbastanza potente da mettere in ginocchio un elefante e sono centrali nella recente ricerca del dottor Weinstein, che ha confermato le idee su come questo si renda così mortale.

Dai loro una possibilità e i ratti crestati africani prenderanno dei bocconcini dal ramo di un albero con freccia avvelenata. Non è per l’alimentazione. Invece, masticheranno pezzi di piante e li sputeranno di nuovo nella loro pelliccia, ungendosi con una forma di armatura chimica che molto probabilmente li proteggerà dai predatori come iene e cani selvatici. Il rituale trasforma i ratti negli unici roditori tossici conosciuti al mondo e li classifica tra i pochi mammiferi che prendono in prestito veleni dalle piante.

La ricerca del dottor Weinstein , che è stata pubblicata la scorsa settimana sul Journal of Mammalogy, non è la prima a documentare il comportamento bizzarro dei ratti crestati. Ma il nuovo documento aggiunge peso a un’idea descritta quasi un decennio fa e offre uno sguardo precoce sulla vita sociale degli animali.

Documentato per la prima volta nella letteratura scientifica nel 1867, il crestato africano raramente intravisto “ha catturato così tanto interesse per così tanto tempo”, ha detto Kwasi Wrensford, un ecologista comportamentale presso l’Università della California, Berkeley, che non è stato coinvolto nello studio. “Ora stiamo appena iniziando a disimballare ciò che fa battere questo animale.”

Le persone in Africa orientale sanno da tempo del pugno del crestato, che ha abbattuto molti cani troppo curiosi. Nel 2011, un team di ricercatori ha descritto le tossine “da fermare il cuore” che i ratti hanno munto dall’ Acokanthera schimperi, un albero tradizionalmente raccolto dai cacciatori che usavano i suoi succhi per il merletto le loro frecce.

Ma solo un crestato , tenuto in cattività, è stato osservato impegnarsi in questi imbrogli nel documento del 2011, sollevando la possibilità che il comportamento fosse stato un colpo di fortuna.

Una vista al microscopio dei peli del ratto crestato africano, che mostra la struttura a nido d'ape che consente loro di trattenere il veleno
Una vista al microscopio dei peli del crestato africano, che mostra la struttura a nido d’ape che consente loro di trattenere il .

Per il loro nuovo articolo, la dottoressa Weinstein e il suo team hanno catturato 25 roditori e li hanno filmati in laboratorio. Quando venivano offerte talee di Acokanthera, alcuni animali masticavano avidamente la corteccia.

Gli scienziati non sono ancora sicuri di quanto spesso i topi ungano, o anche di come tollerino le tossine da soli, soprattutto se alcune di esse finiscono per scendere nelle loro fauci. (Come tutti gli altri roditori, sono incapaci di vomitare .)

Nonostante la loro refrattarietà, però, i topi sembrano godere di vite private sorprendentemente commoventi. I ricercatori hanno trovato prove che alcuni dei ratti maschi e femmine potrebbero rimanere stabili, o addirittura prendersi cura congiuntamente dei loro piccoli, mentre sono in cattività.

“La monogamia è molto rara nei mammiferi”, ha detto Ricardo Mallarino, un biologo evoluzionista a Princeton che non è stato coinvolto nello studio. Se si applica a questi ratti, “potrebbe essere molto eccitante”. Ma saranno necessarie ulteriori ricerche per confermare la fedeltà familiare dei ratti, ha detto.

I dati di Lophiomys sono apparentemente preziosi anche per le scimmie oltre agli umani. Durante il lavoro sul campo in Kenya, la dottoressa Weinstein è rimasta inorridita quando una banda di scimmie ha fatto irruzione nel suo laboratorio ed è fuggita con alcuni dei campioni fecali di crestato della squadra. Nell’inseguimento che seguì, alcuni pacchetti di cacca si aprirono, sparpagliando escrementi dappertutto.

“Le scimmie, credo, erano altrettanto deluse”, ha detto il dottor Weinstein. “Non è quello che speravano fosse lì.”

Comments are closed, but trackbacks and pingbacks are open.