L’ al largo della sta aiutando a riabilitare i prigionieri con l’aiuto di , mucche, pecore e

Un coro di allegri belati saluta Orazio mentre si avvicina al gregge di a , un’ selvaggia al largo della , in Italia.

Il 24enne trascorre la maggior parte dei suoi giorni a prendersi cura delle e delle pecore vicine, pulire i loro fienili e dar loro da mangiare.

“Ho lavorato nelle fattorie prima di venire qui, quindi ero sempre circondato da ”, ha detto. “Mi capiscono ed è importante che li capiamo.”

Ma questo non è un normale lavoro agricolo e la tenerezza di Orazio verso gli potrebbe sembrare in contrasto con il suo passato. È uno dei 100 criminali che vivono a , l’unica colonia penale rimasta in Italia.

Orazio, un prigioniero sull’ che sta scontando una condanna per omicidio, aiuta le – Fotografia: Angela Giuffrida

“Ho ucciso un tizio”, ha detto. “Abbiamo litigato e poi è successo il fattaccio. È stato un incidente. All’epoca avevo solo 18 anni e sono cambiato molto. Essere su mi ha aiutato tantissimo. Non ti senti in prigione, ho una responsabilità, ho uno scopo. “

Prigionieri e vivono fianco a fianco sin da quando la colonia, a un’ora di barca dal porto di Livorno, è stata fondata nel 1869. Fino a poco tempo fa, l’ era essenzialmente una fattoria funzionante, con i che allevavano , mucche, pecore e che furono poi uccisi per il cibo. Il macello è stato infine smantellato alla fine di giugno a seguito di un accordo tra LAV, un’organizzazione per i diritti degli , il ministero della giustizia italiano e il servizio carcerario, e 588 sono stati trasferiti dall’ in un rifugio.

Una guardia carceraria veglia sull’ di . Fotografia: Angela Giuffrida

I circa 180 che restano sono lì per aiutare i prigionieri, la maggior parte dei quali si trovano nell’ultima parte delle loro condanne, per riabilitare e prepararsi alla vita dopo essere stati rilasciati come parte del cosiddetto progetto “uomo-animale”.

“Si tratta di costruire relazioni positive”, ha detto Giacomo Bottinelli, un rappresentante della LAV. “Per poter rientrare nella società, un prigioniero deve essere in grado di sviluppare empatia e, se stiamo uccidendo , di sicuro non possono sviluppare connessioni positive con altri umani. È molto importante che imparino il concetto di cura, con l’obiettivo di essere in grado di prendersi cura di se stessi ”.

Gli stessi prigionieri non lavoravano nel macello, ma dovevano allevare gli animali e spesso li accompagnavano lì, un’esperienza preoccupante per molti.

“Un momento mi sono preso cura di loro, il successivo li ha portati al massacro. Mi sono sentito malissimo ”, ha detto Andrea, un ex criminale efferato che sta scontando una condanna per traffico di armi ed esplosivi, mentre accarezzava un grosso suino grigio chiamato Ciccio.

“Sono molto legato a questi animali: mi hanno aiutato molto. In essi percepisco la lealtà, non ti tradiscono mai ”.

Andrea e Ciccio il maiale. Fotografia: Angela Giuffrida

Durante il giorno, i prigionieri possono passeggiare liberamente nella selvaggia e montuosa , un isolotto di 220 ettari (543 acri) pieno di vegetazione lussureggiante, costellato di insenature e considerato impossibile da cui fuggire. Oltre a prendersi cura degli animali, alcuni dei prigionieri sono stati addestrati nella vinificazione, producendo a , uno dei vini bianchi più costosi della , per conto di Frescobaldi, la più antica dinastia del vino in Italia.

Aiutano anche con il mantenimento dell’isola – che ospita solo una residente per tutto l’anno, una donna di circa 90 anni – e mantengono sentieri escursionistici per i turisti che ora possono visitare l’isola con un permesso speciale. I guadagnano un reddito, una parte della quale viene accantonata dopo il loro rilascio. Giocano a calcio e a carte e le loro famiglie possono raggiungerli una volta alla settimana.

Inutile dire che la lista di attesa per coloro che cercano un trasferimento a Gorgona da prigioni sovraffollate sulla terraferma italiana è lunga.

“Sì, sono in prigione, ma qui non si sentono sempre prigionieri”, ha detto Carlo Mazzerbo, direttore del . “Funzionano e lo fanno con soddisfazione perché sanno che aiuta tutti. Dà loro determinati valori, compreso il rispetto delle regole di altri. ”

Mazzerbo ha visto l’impatto dell’isola e vari progetti hanno avuto sui . I dati passati hanno mostrato che il tasso di recidiva tra gli ex prigionieri di Gorgona era di circa il 20%, rispetto all’80% per quelli rilasciati dalle carceri della terraferma.

“La cosa più bella di Gorgona è questo aspetto umano. È unico “, ha detto. “Lavorare nella natura paga – ti dà forza.”

I ricercatori stanno ora lavorando con gli psicologi carcerari per studiare i benefici riabilitativi del progetto uomo-animale, ideato dall’Università degli Studi di Milano-Bicocca e unico nel suo genere in Italia.

“Il primo passo è stato quello di chiudere il macello, in quanto ciò che è veramente vantaggioso è vivere la relazione uomo-animale in un ambiente non violento”, ha dichiarato Stefano Perinotto, un esperto uomo-animale che gestisce il progetto. “Le persone in hanno paura di essere giudicate cattive, ma un animale non lo fa: le accettano, e questo aiuta con la ”.

Comments are closed, but trackbacks and pingbacks are open.