Scoperte le “esplosive” – Una nuova specie di in stile è stata trovata nel Borneo, nel sud-est asiatico. Le creature “esplosive” si sacrificano per attaccare i predatori e difendere la loro colonia.
Il “colobopsis explodens” è stato scoperto da un team di ricercatori internazionali che hanno identificato 15 specie separate di esplosive nella foresta pluviale tropicale. I dettagli dello studio sono stati pubblicati su Zookeys .

Il team ha notato che questa specie era “particolarmente incline all’auto-sacrificio quando minacciata da artropodi nemici, oltre che da intrusi ricercatori”.

La formica non esplode letteralmente, ma fa il massimo sacrificio espellendo un liquido tossico in grado di uccidere la minaccia – ma causando anche la morte eroica di se stessa.

Il meccanismo è dispiegato dalle operaie minori come ultima risorsa se la sua posizione difensiva di alzare il posteriore non mette in guardia il nemico. La formica quindi rompe attivamente la parete del suo corpo per secernere la letale sostanza appiccicosa gialla dalle loro ghiandole allargate.

Alice Laciny, entomologa del Museo di storia naturale di Vienna, e ricercatrice del progetto ha dichiarato al National Geographic che il liquido letale ha un odore bizzarro simile al curry.

Questa tendenza suicida negli animali si chiama autotisi ed è comune nei superorganismi come le , che lavorano come collettivi. Le api adottano un comportamento di difesa altrettanto autodistruttivo quando pungono una persona.

Altre caste di questa specie di formica hanno i loro tratti protettivi. I principali lavoratori, ad esempio, usano le loro grandi teste a forma di spina per proteggersi dagli intrusi.

La scoperta del “colobopsis explodens” fa parte di un progetto più ampio sulle formiche esplosive del Borneo, lanciato nel 2014 e finanziato dal Vienna Science and Technology Fund. I ricercatori con sede in Austria, Tailandia e Brunei stanno prendendo parte allo studio.

Comments are closed, but trackbacks and pingbacks are open.