Humboldt

Il centro dell’industria americana della cannabis è il “Triangolo di smeraldo”

Quando attraversi il confine della contea, con un oceano in tempesta da un lato e un entroterra collinoso, avvolto dalla nebbia dall’altro, sei accolto da una cortina di sequoie.

Possente, millenario, gli alberi più alti del mondo, giungle con fiumi selvaggi … Fondata nel 1853, la contea di , un tempo dimora della tribù indiana Wiyot, allora pionieri nel selvaggio West, è sempre stata famosa per la sua selvaggia bellezza naturale.

Gli hippy si rifugiarono qui negli anni ’60 e ’70, cercando la libertà e un contatto genuino con la natura, raggiunti dai veterani della guerra del Vietnam pieni di ferite non guarite, sperando di trovare qui la pace mentale e alleviare le sindromi post-traumatiche della guerra con un po’ di fumo…

Entrambi si allontanarono consapevolmente dal mondo moderno, fuggendo da una società in cui non videro più un posto per se stessi. A loro si unirono successivamente artisti, studenti, alternativi, nuovi arrivati ​​da tutto il mondo, molti con visioni meno idealistiche e motivi più oscuri.

La contea di , situata a circa 450 miglia a nord di San Francisco, è considerata la destinazione perfetta se si desidera “ritrovarsi”. Ironia della sorte, è anche per la destinazione perfetta se vuoi “nasconderti”. O per nascondere qualcosa. Produce la maggior parte della cannabis negli Stati Uniti, in particolare nel cosiddetto triangolo verde smeraldo, che comprende anche parti delle contee di Mendocino e Trinity.

paesaggio

Dai figli dei fiori ai guadagni rapidi
La cannabis ha sempre fatto parte di questa regione, parte dello stile di vita, che si tratti dei coltivatori originali, dei figli dei fiori, poi dei piccoli agricoltori, e poi anche di quelli con intenzioni meno oneste che odoravano i guadagni rapidi.

Alcuni credono che sia il centro dell’industria statunitense della cannabis a causa delle condizioni climatiche e della latitudine simili a quelle dei paesi asiatici, che producono più . Altri ancora sono più cinici e credono che non ci sia nulla di simile nel suolo o nel clima mite della del Nord, ma solo perché la contea, con la sua natura selvaggia e il terreno difficile da raggiungere, ha il vantaggio di essere in grado di nascondersi dal mondo e dalle forze dell’ordine.

(o almeno singole parti della contea) ha sempre avuto la reputazione di comunità apostata. Gli ultimi resti del selvaggio West. Se sei abituato a nasconderti dalle autorità per tutta la vita, lavorando nell’ombra, di solito reagisci e agisci in modo diverso. Risolvi i problemi in modo diverso. Non è un caso che la Contea di abbia più persone scomparse rispetto a qualsiasi altra contea della .

Sequoie a Humboldt

Nel 2018, il North Coast Journal ha riferito che una media di 717 persone per 100.000 abitanti scompare ogni anno a Humboldt (per confronto: la media nel resto della è di 384).

Mentre cammini per le strade di Alderpoint e Brock Creek, Garberville, proprio all’ingresso del Parco Nazionale e Avenue of the Giants, trovi da un mare di volantini di persone scomparse, da quelli recenti a quelli di 30 anni senza alcuna reale speranza di essere trovati.

volantini di persone scomparse a Humboldt

Come trovare un ago in un pagliaio
Humboldt non è un posto dove potresti essere facilmente trovato. Trovare i dispersi tra l’oceano e le foreste è più difficile che trovare un ago in un pagliaio e le autorità sono così sopraffatte dai casi che non possono più seguirli. La maggior parte dei volti sui volantini sono giovani, provenienti da tutto il mondo. Attualmente l’ufficio dello sceriffo gestisce circa 230 casi ancora attivi di persone scomparse, la più antica risalente al 1975.

Alcuni non vogliono nemmeno essere trovati, mentre si dirigevano verso Humboldt proprio per fuggire da qualcosa, se non qualcos’altro, dal convenzionale. La stragrande maggioranza dei dispersi è legata all’industria della cannabis , il suo lato cupo che lo accompagna anche dopo che la ha depenalizzato la nel 2018.

di a Humboldt

Un ulteriore problema nel trovare i dispersi è la natura del business – se stai facendo qualcosa di illegale o qualcosa nella zona grigia legale, e di solito tieni i contanti sotto il materasso, poiché le banche inizierebbero a fare domande, probabilmente non hai un desiderio eccessivo di rivolgersi alla polizia e autorità, anche quando sono in gioco delle vite.

La comunità è estremamente isolata, molti omicidi si verificano durante arresi falliti, ci sono molti suicidi, incidenti stradali legati alla droga e all’alcol e quasi tutti sono passati dalla cannabis a più pesanti. Ed è anche per questo che molti accusano le autorità di non aver cercato abbastanza per cercare i dispersi, poiché non sono molto più che piccoli criminali per loro.

Murder Mountain
Questo lato oscuro e sinistro di Humboldt è stato più profondamente mostrato nel 2018 dalla serie di documentari di Netflix del significativo titolo Murder Mountain, che prende il nome dall’area intorno alla città di Alderpoint, che ha guadagnato il soprannome di “montagna di omicidi” dopo gli omicidi commessi da serial killer negli anni ’80. , il “cacciatore di streghe”, sposa Michael e Suzan Carson , nonché dopo una serie di altri omicidi e sparizioni che li hanno seguiti negli ultimi 30 anni. Murder Mountain si concentra sulla scomparsa del 29enne Garrett Rodriguez nel 2013, il cui corpo è stato trovato dalla gente del posto pochi mesi dopo aver forzato una confessione da un sospetto assassino. Questo, a proposito, è ancora in giro.

L’area è il selvaggio West nel vero senso della parola, un luogo governato dai principi “occhio per occhio”, in cui i coltivatori combattono per il loro distretto, dove non si sa mai se il proprio capo sparerà un proiettile tra gli occhi invece di pagare – o viceversa. Questi sono luoghi in cui uomini mascherati con fucili di precisione sorvegliano dove la polizia non osa.

Come mostra la serie, un gran numero di giovani hippy moderni arriva a Humboldt pensando che vivranno una sorta di shangri la nei boschi e nelle montagne e fumeranno quantità illimitate di erba in pace. Provengono da ogni parte e credono utopicamente che quando scenderanno dall’autobus arriveranno in paradiso ma cadranno invece in situazioni estremamente pericolose, come vittime di rapine, traffico di merci illegali o lavoro forzato.

La legalizzazione della in , entrata in vigore nel gennaio 2018, ha altrimenti regolato il mercato e affrontato nuovi problemi per i coltivatori, in particolare i piccoli agricoltori.

Ma mentre la legalizzazione ha cambiato molto per molti e la è diventata un importante fattore economico, Humboldt non si è trasformato in un luogo idilliaco ed è sempre più pericoloso girare di notte. Il mercato nero rimane. E con questo il crimine.

“Dal punto di vista narrativo televisivo, si potrebbe dire che la storia di Humboldt è una tempesta completa. Tutte queste persone scomparse e una comunità con una ricca storia …” , ha dichiarato uno dei produttori della serie, Jonathan Chinn, all’High Times lo scorso anno . “La storia di come è nata l’industria della cannabis in quelle colline è piuttosto affascinante, e stavamo girando lì proprio al passaggio dal mercato nero a quello bianco”.

IL PROBLEMA AMBIENTALE
Poiché legalizzare l’erba per scopi medici ha permesso di eludere audacemente la legge (a volte era sufficiente mettere un segno sulla proprietà per coltivare cannabis a tale scopo, ma eri in balia degli eventi), le piantagioni sono cresciute rapidamente, i coltivatori tuttavia, sono diventati sempre più avidi – e sempre più competitivi.

“Hanno deviato l’acqua dai fiumi per irrigare le piantine. Hanno lasciato cadere i pesticidi nelle risorse idriche. Hanno coltivato cannabis nei parchi nazionali. Hanno appiattito le cime delle colline. I profitti erano alti e il rischio basso – un coltivatore che ha gestito una grande piantagione per due anni poteva anche guadagnare due milioni di dollari, poi lasciò la tenuta e lasciò la terra nel caos ”.

Nel 2014, l’Huffington Post ha scritto sul “lato oscuro del paradiso hippy” in un articolo intitolato “Humboldt: omicidi, caos e marijuana”, concentrandosi sulle lamentele dei piccoli proprietari di lunga data su come un afflusso di coltivatori stranieri nella contea abbia completamente cambiato il carattere di Humboldt e ha attirato truffatori in cerca di guadagni rapidi, portando con sé violenza, criminalità e pesanti. E la maggior parte del mercato nero oggi corre sul già citato “Monte degli omicidi”, dove, tuttavia, gli affari non si limitano alla cannabis, ma c’è anche un crescente traffico di pesanti come la metamfetamina e l’eroina.

Veleni e pesticidi lasciati nell’ambiente a Humboldt

Comments are closed, but trackbacks and pingbacks are open.