Ganimede

Ciò contribuirà a comprendere la formazione delle lune di

Le viste straordinarie della più grande del sistema solare, , furono catturate dalla sonda Juno Jupiter della NASA. Questi dati forniscono la prima mappatura a infrarossi della frontiera settentrionale della massiccia e potrebbero aiutare a comprendere l’evoluzione delle lune gioviane.

La ha attratto a lungo gli astronomi da quando Galileo l’ha scoperta nel 1610. Mentre non aveva molti degli strumenti necessari per esaminarlo a sua disposizione, ora la NASA lo fa. La sonda Juno Jupiter ha catturato immagini a infrarossi, utilizzando lo strumento () Auroral Mapper.

Mentre inizialmente è stato progettato per catturare la luce infrarossa che emerge dal profondo di , sondando così il suo “strato meteorologico”, può anche essere usato per studiare le lune. Ciò include Europa, e Callisto, noti collettivamente come le lune della Galilea per il loro scopritore.

“I dati di mostrano che il ghiaccio intorno al polo nord di è stato modificato dalla precipitazione del plasma”, ha detto Alessandro Mura, un co-investigatore di Juno, in un comunicato stampa . “È un fenomeno che abbiamo potuto conoscere per la prima volta con Giunone perché siamo in grado di vedere il polo nord nella sua interezza.”

, che è più grande di Mercurio e Plutone, è costituito principalmente da ghiaccio d’acqua ed è l’unica nel sistema solare con un proprio campo magnetico. Sulla Terra, il campo magnetico consente al plasma di entrare nell’atmosfera e creare aurore. Ma non ha atmosfera, quindi la sua superficie riceve plasma dalla magnetosfera di . Il plasma impedisce al ghiaccio nei poli di di trasformarsi nelle strutture che vediamo sulla Terra.

Sulla Terra, l’acqua forma una struttura cristallina dopo il congelamento, con strati su strati di molecole d’acqua che formano un reticolo di anelli esagonali. Ma questo non accade su , dove il ghiaccio ha una forma amorfa.

Analizzare e comprendere queste strutture aiuterà a comprendere la formazione delle lune di e le forze che le hanno modellate. L’Agenzia spaziale europea prevede inoltre di esplorare la con il veicolo spaziale JUICE ( Icy Mons Explore) che sarà lanciato nel 2022.

La europea raggiungerà Giove entro il 2029 e dovrebbe iniziare a eseguire la scienza dei primi piani a Ganimede intorno al 2032. Anche i piani della NASA proseguiranno, esplorando un’altra luna di Giove nello stesso periodo con l’assistenza di Europa Clipper.

La Juno è entrata nell’orbita di Giove 2016 con l’obiettivo principale di rivelare la storia della formazione e dell’evoluzione di Giove. Giunone utilizzerà diverse tecnologie su un veicolo spaziale rotante posizionato in un’orbita polare ellittica per analizzare la gravità di Giove e i campi magnetici, la dinamica e la composizione dell’atmosfera, nonché la sua evoluzione.

Comments are closed, but trackbacks and pingbacks are open.