Vitalik Buterin, co-fondatore di

Cinque anni dopo il suo lancio, Camila Russo mette a nudo la storia spettacolare della seconda più grande del mondo

In breve

  • Il primo libro sulla storia di , “The Infinite Machine”, è in vendita oggi.
  • L’autrice Camila Russo ha documentato la storia della fondazione e del lancio di , della crescita della criptovaluta e del ruolo di nel futuro di Internet.
  • Ricercato meticolosamente e abilmente correlato, il libro racconta un risultato straordinario che si sta ancora svolgendo.

Cinque anni dopo il lancio di , la piattaforma sta facendo la storia, letteralmente. La prima storia pubblicata di , The Infinite Machine , arriva oggi sugli scaffali delle librerie.

Scritto dall’ex giornalista di Bloomberg, Camila Russo, racconta la storia di come il genio 19enne Vitalik Buterin guidò un “gruppo ragtag di pirati informatici senza piano aziendale e nessun prodotto dal vivo” per fare da pioniere in un modo completamente nuovo di raccogliere denaro, su una piattaforma che è cresciuta fino a un valore di $ 27 miliardi.

è arrivato all’apice di diventare “cripto Google”, scrive Russo. Invece, la piattaforma open-source è cresciuta e si è evoluta, attraverso faide, hack per la crescita dei capelli e hard-fork, alla base di una nuova rivoluzione finanziaria.

Il peer-to-peer di tutto
“Alla ricerca di Ethereum, ho visto spuntare questo incredibile mondo e nessuno ci stava davvero prestando molta attenzione”, ha detto Russo.

Il sottotitolo del libro, “Come un esercito di cripto-hacker sta costruendo la prossima Internet con Ethereum”, suggerisce l’ambito delle ambizioni di Ethereum. La storia di Russo esplora come Ethereum abbia evoluto il concetto di denaro peer-to-peer, per essere il peer-to-peer di tutto; il livello base per gli sviluppatori di creare qualunque applicazione possano immaginare, inclusa l’emissione della propria criptovaluta.

Finanza decentralizzata ICO

Inevitabilmente, “The Infinite Machine” trarrà paragoni con “Digital Gold”, l’acclamata storia della nascita di da parte della giornalista del New York Times Nathaniel Popper. Russo ha cavalcato la corda tesa di un meticoloso fatto tecnico – supportato da ricerche approfondite e oltre un centinaio di interviste – intrecciato con dettagli salaci degni di un film biografico di Hollywood.

“Ho trascorso la maggior parte del tempo a ricercare i primi giorni di Ethereum perché è lì che non hai davvero molta documentazione”, ha spiegato Russo.

Per tutto il 2018, ha intervistato tutti gli otto co-fondatori di Ethereum – Vitalik Buterin, Mihai Alisie, Anthony Di Iorio, Charles Hoskinson, Amir Chetrit, Gavin Wood, Jeffrey Wilcke e Joseph Lubin – svelando a volte resoconti divergenti sulla nascita e sul lancio tumultuosi della piattaforma.

Ha viaggiato per conferenze e hackathon di Ethereum, parlando con i “giovani sviluppatori spettinati e spettinati”, costruendo sulla piattaforma. “Mi sentivo come se Alice seguisse il Coniglio Bianco in un mondo di sogni impossibili: operazioni bancarie senza banche, allevamento di gatti digitali, compagnie auto-organizzate senza CEO e parlare di volare sulla luna”, scrive in “The Infinite Machine”.

L’astronave nel bosco
Per ricercare il libro, Russo fece un pellegrinaggio a Zugo in Svizzera, verso “l’astronave”, una grande, “casa dall’aspetto strano e moderno”, con un ascensore, nel mezzo del bosco appena fuori dalla città.

È qui che gli sviluppatori di Ethereum si sono nascosti per quasi un anno e dove la piattaforma è stata covata, sotto l’occhio accogliente delle autorità svizzere. Ethereum è stato il progetto che ha trasformato questo tranquillo cantone in “crypto valley”, ma, nel 2014, “è stato come un progetto molto futuristico in questa piccola città europea”, ha detto Russo a Decrypt .

Descrive la nascita dolorosa della piattaforma, i mesi dei negoziati legali con le autorità svizzere e gli avvocati statunitensi che hanno dato ai cofondatori la fiducia necessaria per andare avanti con il loro ICO negli Stati Uniti.

Ma, ha detto, “il momento più importante nel plasmare Ethereum nei primi giorni è stato decidere che sarebbe stata una fondazione senza scopo di lucro”.

Alcuni dei fondatori di Ethereum, in particolare l’allora CEO Charles Hoskinson , volevano costruire una società con il protocollo open source, un “cripto Google”, come alcuni intervistati lo descrivevano a Russo. Altri, in particolare Buterin e il suo primo collaboratore Mihai Alisie, erano più propensi al non profit. Si trattava di “incentivare e sostenere la costruzione di comunità di progetti diversi sulla base di questo protocollo”, ha spiegato Russo.

Fondatori di Ethereum Vitalik Buterin (a sinistra) e Charles Hoskinson (a destra) nel 2014

Un fatidico incontro a Zugo, nel 2014, ha segnato il destino della piattaforma e Russo ha unito i molteplici account per dipingere una situazione tesa e carica di emozioni che ha portato alla partenza di Hoskinson e Chetrit. Le circostanze esatte sono state oggetto di molte congetture, ma Russo afferma che quasi tutti i fondatori le hanno raccontato la stessa storia.

Vitalik Buterin, leader riluttante
Il lancio effettivo di Ethereum non è l’apice del libro di Russo; non sorprende, dal momento che la sua storia successiva è piena di incidenti. L’hack del DAO , che ha minacciato di spazzare via fondi per circa $ 50 milioni, il controverso hard fork che ne è seguito, e il boom e il fallimento dell’ICO, hanno visto Ethereum costretto ad evolversi e cambiare, forse più rapidamente di quanto alcuni dei suoi partecipanti avrebbero voluto.

Buterin è stato sincero nelle sue risposte ad alcune domande difficili, ha affermato Russo, comprese le circostanze relative alla prevendita simbolica di Ethereum nel 2014, che ha attirato la speculazione che gran parte dei fondi sono stati pagati a una persona o a un piccolo gruppo che agiva di concerto.

Alla radice del successo del giovane fondatore, Russo ritiene, ci siano la sua giovinezza e il semplice fatto che Ethereum sia stata un’idea così geniale. Lo hanno aiutato a radunare rapidamente l’entusiasmo oltre il piccolo gruppo di destinatari del white paper di Ethereum, e quindi a guidare un gruppo di hacker ribelli – alcuni con ego fuori misura – per raccogliere milioni di dollari da migliaia di persone provenienti da tutto il mondo.

La bolla ICO
Russo fornisce un’analisi sfumata dei fattori che probabilmente hanno causato la bolla ICO – che ha visto migliaia di startup seguire il modello Ethereum e raccogliere milioni di dollari in poco più di un’ala e una preghiera, da investitori che avevano bisogno solo di un account e-mail.

“È stato incredibile vedere la quantità di crescita e innovazione in questo spazio”, ha detto, aggiungendo che Ethereum è in un “rinascimento” dopo il mercato degli orsi del 2018 e la diffusa delusione della gente con gli ICO.

Grazie alla “rinascita del valore reale dalle applicazioni ”, ha spiegato Russo, “stanno iniziando a dimostrare che Ethereum è effettivamente in grado di fare ciò che si prefiggeva di fare: essere questa piattaforma flessibile per gli sviluppatori per costruire applicazioni decentralizzate, inarrestabili “.

La strada davanti
Il libro affronta brevemente la prossima sfida di Ethereum: il trek per la prova di puntata , che aumenterà la scalabilità e la sicurezza della piattaforma e le consentirà di affrontare in modo sostenibile le sfide poste dalla prossima ondata di sviluppo.

“The Infinite Machine” è una storia abilmente intessuta che, a volte, si legge come un thriller; la storia di un’impresa improbabile che ha inaugurato un modo completamente nuovo di raccogliere fondi e la nascita di un fiorente movimento Web 3 che sta guidando la prossima generazione di piattaforme Internet.

È necessario leggere per chiunque voglia costruire o investire in alcune delle tecnologie più all’avanguardia là fuori — o semplicemente per capire l’enormità dei risultati di Ethereum.

Comments are closed, but trackbacks and pingbacks are open.