I soccorritori lavorano dopo che un autobus è precipitato in un lago ad Anshun, nella provincia sud-occidentale di Guizhou, in Cina

Un conducente ha deliberatamente fatto schiantare un autobus pieno di passeggeri in un bacino idrico nella Cina sudoccidentale, poche ore dopo aver scoperto che la sua casa era stata demolita.

Ventuno persone sono morte e 15 sono rimaste ferite il 7 luglio quando l’autobus ha attraversato cinque corsie, sfondato da una ringhiera e parzialmente affondato, secondo la polizia nella città di Anshun, nella provincia di Guizhou.
C’erano 12 studenti sull’autobus al momento dell’incidente, cinque dei quali sono morti, secondo i media statali. Alcuni studenti stavano per sostenere gli esami di ammissione all’università, noti come gaokao, secondo quanto riferito dalla China Central Television (CCTV).
L’autista, soprannominato Zhang, era tra quelli uccisi.
“Zhang non era soddisfatto della sua vita e della demolizione della sua casa pubblica in affitto. Per farsi notare, ha commesso un atto criminale estremo”, ha dichiarato la polizia di Anshun.
Secondo la polizia, Zhang ha normalmente iniziato il suo turno a mezzogiorno, ma il 7 luglio ha chiesto a un altro autista se poteva iniziare prima.
Subito dopo le 9, ha comprato una bottiglia di baijiu, un alcolico cinese estremamente potente, prima di versarlo in un contenitore di plastica per bevande.
Ore dopo, poco prima dello schianto, Zhang ha inviato alla sua ragazza un messaggio vocale sulla popolare app di messaggistica WeChat, esprimendo sentimenti negativi tipo “stanco del mondo”, secondo la polizia.
Poco prima di guidare l’autobus nel serbatoio, Zhang fu visto bere da una bottiglia di plastica sul sedile del conducente. Almeno 200 ml di baijiu sono stati trovati dalla polizia vicino al luogo dell’incidente.
Il quotidiano statale China Daily ha dichiarato che Zhang aveva ricevuto la proprietà in affitto quando lavorava in una fabbrica di motori diesel nel distretto di Xixiu di Anshun. Secondo la polizia, non viveva lì da un po ‘di tempo.
Zhang aveva saputo che la casa era stata demolita come parte di un “progetto di ricostruzione delle baraccopoli “, secondo il China Daily. Aveva chiesto un risarcimento e nuovi alloggi, ma mentre gli erano stati offerti $ 10.360 per aver perso la casa, non lo ha rivendicato ed è stato rifiutato per un nuovo alloggio, hanno detto i media statali.

Il giorno dello schianto, Zhang ha scoperto che la casa era stata demolita, lasciandolo senza tetto.

La demolizione forzata di alloggi per offrire spazio per nuovi sviluppi è un evento comune in Cina, soprattutto per le persone che vivono in aree meno sviluppate o più rurali. Gli sviluppi a volte lasciano senza tetto i vecchi residenti e incapaci di pagare per nuovi alloggi costosi, senza la rete di sicurezza precedentemente fornita dallo Stato comunista.

DATABASE SITI WEB GRATUITO - inserisci il tuo sito web « QUI »


Comments are closed, but trackbacks and pingbacks are open.