Gianni e

ricorda il tragico giorno in cui Gianni fu assassinato e dovette riconoscere il corpo: “Ero sotto shock”

Lo italiano era il cuoco personale del designer. Ha lavorato per lui fino al giorno della sua e ha vissuto le indagini della polizia dall’interno. 23 anni dopo la di un genio della moda, ricorda la sua figura.

C’è il sole la mattina del 15 luglio 1997. Le palme di fronte a casa sua sono chiaramente visibili. Gianni comunque non le guarda. Quando i due colpi della pistola del Toro gli entrarono in testa, riuscì a malapena a vedere per l’ultima volta la facciata della sua dimora di , la mitica Casa Casuarina.

Dall’altra parte della pistola, il famigerato Andrew Cunanan, già da allora una delle persone più ricercate negli Stati Uniti, responsabile di almeno cinque omicidi. L’ultimo è stato quello, il più risonante. Sebbene non sia l’ultimo colpo: pochi giorni dopo, il 23 luglio 1997, senza scampo, ha sparato il suo ultimo colpo. Questa volta, nella sua testa.

È successo esattamente 23 anni fa. Allora Gianni è stato uno dei principali stilisti di moda al mondo. Era in quello che noi mortali chiamiamo la cresta dell’onda: a cinquant’anni aveva fama, prestigio e una società del valore di 1,4 miliardi di dollari. Ma tutto è finito in pochi minuti: “Un mondo stava crollando. La testa di Medusa, il logo dell’impero stava prendendo la sua forma peggiore. Punita per aver permesso a Poseidone di sedurla nel tempio di Afrodite, i suoi amati capelli sono diventati migliaia di serpenti. ” Questo è stato raccontato, con maestria, da Alfredo Serra. Una nuova mitologia da allora in poi sostituì quella vecchia.

Donato con Allegra, figlia di Donatella , nella dimora di Gianni a

Giovanni Maria (nato in Calabria, il 2 dicembre 1946) viveva con Antonio D’Amico, il suo compagno (rappresentato da Ricky Martin in una serie pubblicata due anni fa che racconta dell’). Erano stati insieme per 15 anni. Nella serie D’Amico lo vede morire alla porta di casa e corre ad abbracciarlo, si macchia di sangue, lo congeda tra le sue braccia. Nella vita reale ha appena paura di vederlo e corre a chiedere aiuto, disperato, ma non si avventa sul corpo.

Ciò che è accaduto nella privacy della villa di Versace per molti è stato un mistero, ma non per tutti. , oggi uno italiano ultra rinomato, è stato testimone di questa intimità. Ed è lui che racconta quella differenza tra finzione e realtà. All’età di 30 anni, Donato era il cuoco personale di Versace, ed era lui stesso che doveva prendersi cura di molte delle procedure che seguirono l’.

“Quella mattina, prima delle nove, l’architetto che lavorò come assistente nel restauro della casa mi chiamò, scoppiò in lacrime. Ero allora in un’altra residenza. All’epoca non era in casa. Già nel tono di voce ti sei reso conto che era successo qualcosa. “Donato … gli hanno sparato Gianni … gli hanno sparato …!”, Mi urlò.È stato uno shock tremendo per tutti e anche per me. Quindi sono uscito in macchina laggiù. Ho lanciato un messaggio al cicalino in casa e mi hanno chiamato; Ho parlato con uno degli assistenti che era lì. Mi disse che non era perché era tutto corazzato. Quindi mi sono diretto direttamente in ospedale. Sono arrivato pochi minuti dopo l’ambulanza, ma era già morto sulla strada ”.

Poiché la famiglia non era in campagna, Donato doveva occuparsi di varie procedure. Era stato anche lui a riconoscere il corpo. Donatella, la sorella minore di Gianni, le chiese al telefono di aspettarla perché voleva salutarla, ma le autorità non lo consentirono. C’è stato un da indagare.

“Quando sono arrivati, verso le due del mattino, hanno permesso loro di vedere il corpo attraverso il vetro”, ricorda. La sorpresa non si è fermata. Nel frattempo, l’FBI stava cercando di scoprire chi fosse l’assassino. Scoprirono presto che Versace e Andrew Cunanan si erano conosciuti anni fa in una discoteca di San Francisco. Scoprirono presto che c’era un ragazzo sospettoso di 27 anni. Non conoscevano ancora il suo nome, ma avevano un profilo perfetto del suo profilo: usava dei trucchi per sedurre uomini più anziani, di solito milionari. Presto avrebbero scoperto che il suo nome era Andrew Cunanan. Avrebbero presto scoperto che Gianni Versace era la quinta vittima di altri quattro sanguinosi omicidi: Jeffrey Trail, un ex ufficiale della Marina degli Stati Uniti, picchiato alla testa con un martello; architetto David J. Madson (ex amante dell’assassino); Lee Miglin, uomo d’affari di 72 anni emotivamente coinvolto con Cunanan; William Reese, un agente di polizia che ha rubato il camion che lo avrebbe portato a .

La famosa Casa Casuarina, la dimora Versace. Fu ucciso davanti alla porta e cadde sulle scale di casa sua

Quando Donato fu in grado di tornare a casa di Gianni dopo l’ospedale, ci fu un’atmosfera cupa. “Era tutto basato su Hollywood: attori, attrici, modelle, detective … C’era tutto, ma era un ambiente teso”, ricorda.

– Sospettavi che potesse succedere qualcosa del genere o è stato davvero sorprendente?

-Nessun pensiero che potesse accadere, no. Gianni era un ragazzo molto amichevole con tutti, anche con la stampa. Non è mai uscito con le guardie del corpo, ha detto che non ce n’era bisogno. Gli piaceva stare con le persone e si meravigliava che qualcuno volesse avere il suo autografo. Era molto divertente sentirsi una rockstar, l’ha presa con molta ironia.

– Com’erano quei giorni successivi?

-E ‘stata una tragedia in una tragedia. Ed è stato lungo, perché non si poteva credere alla circostanza. All’inizio non si sapeva chi fosse stato. Più tardi, quando fu scoperto il colpevole, non si sa se fu ucciso o no. Era tutto molto pieno di suspense.

era il cuoco di Versace. Fu lui a dover riconoscere il corpo del designer

-Come è stato lavorare nella cucina di Versace?

-Era una cucina molto semplice, quasi una cucina aristocratica di un tempo, dove i piatti erano ovali in stile francese, ma sempre con cibo italiano. Molte verdure, molti legumi. Amava il risotto, semplice, bianco, sumo con zucchine o allo zafferano. Era stravagante nella moda, nel design, ma in cucina aveva gusti molto semplici. E gli piacevano molto i dessert, ma mi chiese di non prepararli, di prendermi cura di se stesso.

– Ti ha lasciato cucinare quello che volevi?

– Mi ha dato carta bianca per cucinare, sì. Già nel primo evento che ho fatto, si è reso conto che eravamo molto a nostro agio. Inoltre, venivamo entrambi dal sud Italia, quindi avevamo un certo gusto segnato dall’aspetto del cibo, dal colore, che può essere gustato senza eccessi. Non gli piacevano il piccante, non la cipolla, né le cozze. Questo mi ha detto il primo giorno.

1992. Gianni Versace con Elton John ad una festa a Londra. Il designer è sempre stato circondato da artisti. Foto: Richard Young / Shutterstock

La vita di Donato ha seguito un’altra strada. Per un certo periodo ha lavorato a New York con Donatella, la sorella di Gianni, e ha aperto un ristorante di tapas. All’epoca voleva cambiare aria, per lasciare gli Stati Uniti. Il resto della sua storia è noto: è arrivato in Argentina ed è diventato uno degli più riconosciuti in quel paese.

Ogni tanto parla con la famiglia Versace. Ha il ricordo di quella pasta semplice e colorata e di quel piccolo gioco che avevano in relazione ai dessert: Gianni li ha richiesti e lo ha rimproverato, in quella piccola offerta interna tra flirt e piacere.

Ancora oggi, il capo di Medusa – il logo dell’impero Versace – è ancora riconosciuto in tutto il mondo per il mito del grande Giovanni. Ventitre anni dopo la sua , di fronte alle scale macchiate di sangue, le palme di sono ancora in piedi. Videro tutto, tutto ciò che Gianni stesso non poteva vedere.

Comments are closed, but trackbacks and pingbacks are open.