Una donna è entrata nel panico dopo la visita dal medico con la gola irritata, quando le veniva detto che un verme viveva nella sua tonsilla.

La donna di 25 anni, giapponese, è stata sottoposta a un esame presso il St. Luke’s International Hospital di Tokyo dopo un forte mal di gola e irritazione cinque giorni dopo aver mangiato un sashimi assortito.
I medici hanno identificato un verme nero – che era lungo 38 millimetri e ancora in movimento – all’interno della tonsilla sinistra della donna e hanno rimosso la creatura usando una pinzetta.
Il test del DNA sul verme lo ha identificato come una larva del quarto stadio di “Pseudoterranova azaras”,un nematode parassita.

Il parassita infetta lo stomaco dopo che un ospite ha consumato larve in pesci marini crudi o poco cotti, secondo lo studio, con oltre 700 casi segnalati in Giappone, Paesi del Nord Pacifico, Sud America e Paesi Bassi.
I risultati dell’analisi del sangue della donna erano normali e i suoi sintomi sono rapidamente migliorati dopo la rimozione del verme, ha osservato il diario.
Medici e scienziati hanno documentato infezioni simili nei pazienti che consumavano piatti a base di pesce.
L’anisakiasi, una malattia causata dal consumo di pesce o frutti di mare contaminati da parassiti, è in aumento nei paesi occidentali dove il sushi e altri piatti di pesce e frutti di mare crudi o poco cotti hanno guadagnato popolarità, secondo un rapporto del 2017 pubblicato in BMJ Case Reports.
In un caso particolare, è stato scoperto che un uomo di 32 anni precedentemente in buona salute aveva una membrana intestinale gonfia con un parassita saldamente attaccato – la sua estremità che penetra nello stomaco – che è stato scoperto dopo che il paziente ha sofferto di grave dolore all’intestino superiore, vomito e una febbre di una settimana. Durante un’intervista, l’uomo ha detto di aver mangiato sushi di recente.

DATABASE SITI WEB GRATUITO - inserisci il tuo sito web « QUI »


Comments are closed, but trackbacks and pingbacks are open.