La vista da Agulhas II, la nave da cui furono dispiegati i veicoli autonomi sottomarini

Le calotte polari antartiche si sono ritirate a una velocità massima di 50 metri al giorno alla fine dell’ultima era glaciale – circa dieci volte più veloce delle calotte in ritirata oggi – hanno scoperto i ricercatori.

Studiando modelli di creste ondulate sul fondale marino antartico, gli scienziati dello Scott Polar Research Institute dell’Università di Cambridge hanno scoperto che circa 12.000 anni fa, il ghiaccio si ritirava a velocità superiori a 10 chilometri (6,2 miglia) all’anno – molto di più rapido rispetto ai tassi di ritiro di oggi, calcolati utilizzando i dati satellitari.
I ricercatori avvertono che, se i cambiamenti climatici dovessero continuare a indebolire le piattaforme di ghiaccio nei prossimi decenni, potremmo presto vedere simili livelli di ritirata del ghiaccio – più di quanto si pensasse possibile – con enormi implicazioni per i livelli globali del mare.
L’anno scorso, i ricercatori della spedizione marittima di Weddell si sono recati in Antartide per condurre ricerche e per cercare la nave sfortunata Endurance dell’esploratore antartico Sir Ernest Shackleton.

Sebbene le condizioni del ghiaccio marino abbiano impedito al team di recuperare immagini del leggendario relitto, sono stati in grado di mappare il fondale marino vicino alla piattaforma di ghiaccio di Larsen, a est della penisola antartica.
La piattaforma di ghiaccio Larsen originariamente copriva un’area di 55 km2, ma si è ridotta drasticamente quando le temperature dell’aria si sono riscaldate nella seconda metà del 20° secolo.

Alcune sezioni della piattaforma si sono disintegrate e distrutte e nel 2017 circa il 12% della restante sezione centrale inferiore della piattaforma si è rotta come un unico enorme iceberg, misurando circa 2.240 miglia quadrate.
Utilizzando veicoli subacquei autonomi (AUV) che operano a circa 60 metri (197 piedi) sopra il fondo del mare, i ricercatori hanno studiato le creste sul fondo del mare, che erano state create da sedimenti di ghiaccio sul fondo del mare mentre si muoveva e iniziava a galleggiare.
“Abbiamo visto questi meravigliosi e delicati schemi di set di backstepping di creste molto piccole distanti tra loro circa 20-25 metri e alte circa mezzo metro”, ha detto alla CNN Julian Dowdeswell, direttore dello Scott Polar Research Institute.

Esaminando l’impronta della calotta glaciale e le serie di creste sul fondo del mare, il team è stato in grado di trovare nuove prove di ritiri di ghiaccio del passato, pubblicati nella rivista scientifica Giovedi, che erano più veloci di quelli osservati anche nella parte più sensibile dell’Antartide oggi .
“Ora sappiamo che il ghiaccio è in grado di ritirarsi a velocità molto più elevate di quelle che vediamo oggi. Se il continuasse a indebolire le calotte glaciali nei prossimi decenni, potremmo vedere simili tassi di ritiro, con profonde implicazioni per il livello del mare globale “, ha aggiunto Dowdeswell in una nota.
Un recente studio della NASA ha dimostrato che le calotte glaciali dell’Antartide e della Groenlandia hanno perso 118 gigatoni e 200 gigatoni di ghiaccio in media all’anno, causando l’innalzamento del livello del mare di circa mezzo pollice tra il 2003 e il 2019.

Le temperature estive più calde sono principalmente responsabili di questa perdita di ghiaccio, secondo la NASA. Le temperature calde hanno sciolto il ghiaccio dalla superficie dei ghiacciai e delle calotte glaciali.
Gli esperti affermano che questo nuovo studio dimostra che, data la velocità con cui il ghiaccio si è ritirato in passato, il tasso di cambiamento futuro e la ritirata del ghiaccio potrebbero essere significativamente maggiori di quanto si pensasse in precedenza.
“Ciò che mostra il record geologico è che i tassi di cambiamento possono essere significativamente più veloci dei tassi più veloci che abbiamo osservato nel record satellitare, il che ovviamente significa che in linea di principio il ghiaccio può essere decantato nell’oceano più velocemente di quanto pensassimo – con implicazioni per l’innalzamento del livello del mare “, ha detto Dowdeswell alla CNN.
Ha spiegato che è importante sapere quanto velocemente le piattaforme di ghiaccio sono in grado di sciogliersi è importante quando si osserva come i modelli proiettano lo della calotta polare nei decenni a venire – e di quanto il livello del mare potrebbe aumentare.
Prima, se i modelli prevedevano alti tassi di fusione, gli esperti potrebbero essere inclini a credere che ciò non fosse possibile, ha affermato Dowdeswell. “Ma ora possiamo dire che è successo, e quindi è possibile.”
Gli esperti hanno avvertito che nei prossimi tre decenni, centinaia di milioni di persone in tutto il mondo rischiano di perdere la casa mentre intere città affondano sotto il mare in aumento.
Gli scienziati hanno avvertito che il riscaldamento del pianeta sta accelerando lo dei ghiacciai e delle calotte glaciali dalla Groenlandia all’Antartide, e che il livello del mare probabilmente aumenterà più di quanto precedentemente previsto entro la fine di questo secolo.
Gli esperti hanno affermato che l’innalzamento del livello del mare supererà probabilmente i tre piedi entro il 2100 se le emissioni di carbonio continueranno ad aumentare e che molti dei 680 milioni di persone in tutto il mondo che vivono in zone costiere basse subiranno eventi di alluvione annuali entro il 2050.

Comments are closed, but trackbacks and pingbacks are open.