I partecipanti dello studio che hanno ricevuto il vaccino “Moderna” contro il virus Covid-19 hanno ottenuto risultati positivi iniziali, secondo la società biotecnologica, che ha collaborato con il National Institutes of Health per sviluppare il vaccino.

Se i futuri studi andranno bene, il vaccino dell’azienda potrebbe essere disponibile al pubblico già a gennaio, ha detto alla CNN il dott. Tal Zaks, direttore medico di Moderna.
“Questa è assolutamente una buona notizia e notizie che pensiamo che molti stessero aspettando da un po ‘di tempo”, ha detto Zaks.

Questi primi dati provengono dallo studio clinico di Fase 1, che in genere studia un piccolo numero di persone e si concentra sul fatto che un vaccino sia sicuro e susciti una risposta immunitaria.

I risultati dello studio, condotto dal National Institutes Health, non sono stati sottoposti a revisione paritaria o pubblicati su una rivista medica.

Moderna, con sede a Cambridge, nel Massachusetts, è uno degli otto sviluppatori in tutto il mondo che sta conducendo studi clinici sull’uomo con un vaccino contro il nuovo coronavirus, secondo l’Organizzazione mondiale della sanità . Altri due, Pfizer e Inovio, sono anche negli Stati Uniti, uno è all’Università di Oxford in Gran Bretagna e quattro sono in Cina.
Moderna ha vaccinato dozzine di partecipanti allo studio e misurato anticorpi in otto di essi. Tutti e otto hanno sviluppato anticorpi neutralizzanti contro il virus a livelli che raggiungono o superano i livelli osservati nelle persone che si sono naturalmente riprese da Covid-19, secondo la compagnia.
Gli anticorpi neutralizzanti si legano al virus, impedendogli di attaccare le cellule umane.
“Abbiamo dimostrato che questi anticorpi, questa risposta immunitaria, possono effettivamente bloccare il virus”, ha detto Zaks. “Penso che questo sia un primo passo molto importante nel nostro viaggio verso il vaccino”.

Uno specialista in vaccini che non è coinvolto nel lavoro di Moderna ha affermato che i risultati dell’azienda sono “fantastici”. “Dimostra che non solo l’anticorpo si è legato al virus, ma ha impedito al virus di infettare le cellule”, ha affermato il dott. Paul Offit, un membro del gruppo NIH che sta creando un quadro per gli studi sui vaccini negli Stati Uniti.

Mentre il vaccino ha avuto risultati promettenti in laboratorio, non si sa se proteggerà le persone nel mondo reale. La Food and Drug Administration degli Stati Uniti ha autorizzato la società a iniziare gli studi di Fase 2, che in genere coinvolgono diverse centinaia di persone, e Moderna prevede di avviare studi clinici su larga scala, noti come studi di Fase 3, a luglio, che in genere coinvolgono decine di migliaia delle persone.
Offit ha detto prima della pandemia, gli sviluppatori di vaccini in genere testavano il loro prodotto in migliaia di persone prima di passare alla Fase 3, ma che Moderna è “estremamente improbabile” che abbia vaccinato così tanti entro luglio, dato che finora hanno vaccinato solo dozzine .
Ha detto che ha senso per Moderna passare alla Fase 3 senza vaccinare molte persone, dato che Covid-19 sta uccidendo migliaia di persone ogni giorno.

“Questo è un momento diverso”, ha detto Offit.
A gennaio, il dottor Anthony Fauci, direttore del National Institute for Allergies and Malattie infettive, ha affermato che occorrerebbero dai 12 ai 18 mesi per ottenere un vaccino sul mercato. Zaks ha dichiarato di essere d’accordo con tale stima per il vaccino di Moderna, stabilendo una data di consegna tra gennaio e giugno del prossimo anno.
Nello studio di Moderna, tre partecipanti hanno sviluppato febbre e altri sintomi simil-influenzali quando hanno ricevuto il vaccino alla dose di 250 microgrammi. Moderna prevede che lo studio di fase 3 sul dosaggio sarà compreso tra 25 e 100 microgrammi.

Finora, i soggetti dello studio di Moderna che sono stati vaccinati anche a 25 e 100 microgrammi hanno raggiunto livelli di anticorpi simili o addirittura superiori a quelli che sono stati naturalmente infettati dal coronavirus.
Ma non è chiaro se l’infezione naturale conferisca l’immunità alla reinfezione, e allo stesso modo non è chiaro se la vaccinazione conferisca l’immunità.
“Questa è una buona domanda, e la verità è che non lo sappiamo ancora”, ha detto Zaks. “Dovremo condurre prove formali di efficacia in cui vaccini molte, molte persone e poi le monitorerai nei mesi successivi per assicurarti che non si ammalino.”

DATABASE SITI WEB GRATUITO - inserisci il tuo sito web « QUI »


Comments are closed, but trackbacks and pingbacks are open.