Un sorriso enigmatico … nel 1978. Fotografia: Ebet Roberts / Redferns

, cofondatore di , muore all’età di 73 anni

N. 1 nel Regno Unito con The Model nel 1982

, membro fondatore del gruppo tedesco ha cambiato per sempre il suono della musica , è morto a 73 anni di cancro.

La notizia è stata confermata da uno dei suoi collaboratori musicali, che ha affermato che Schneider era morto una settimana fa e aveva avuto una cerimonia funebre privata. È stato anche confermato tramite Sony Berlin.

Nato nel 1947, Schneider era figlio di Paul Schneider-Esbelen, un noto architetto che progettò l’aeroporto di Colonia. Schneider suonò per la prima volta musica in vari gruppi mentre studiava a Düsseldorf, iniziando in una band chiamata Pissoff. Operando nella scena rock sperimentale e di mentalità aperta soprannominata “krautrock” sulla stampa britannica, formò il gruppo Organization con Ralf Hutter, la coppia che successivamente formò nel 1970.

Schneider suonava il flauto, il violino e la chitarra, sebbene spesso filtrato attraverso l’elaborazione elettronica. Il suo interesse per la musica elettronica è cresciuto. “Ho scoperto che il flauto era troppo limitante”, ha detto in seguito. “Presto ho comprato un microfono, poi gli altoparlanti, poi un’eco, poi un sintetizzatore. Molto più tardi ho gettato via il flauto; era una specie di processo. ”

Dopo tre album con Hütter a metà degli anni ’70, pubblicò Autobahn e si espanse fino a un quartetto. L’album era composto principalmente da sintetizzatori e il suo suono molto originale e testi spiritosi lo hanno reso un successo, raggiungendo la Top 5 nel Regno Unito e negli Stati Uniti.

Aggiungendo sintetizzatori e drum machine sempre più sofisticati e con la voce distintiva di Hütter, il gruppo ha continuato a pubblicare una serie di album che sono diventati estremamente influenti sulla musica , in particolare la serie di quattro album di Radio-Activity (1975), Trans- Europe Express (1977), The Man-Machine (1978) e Computer World (1981). Hanno descritto la loro musica come industrielle volksmusik : “musica folk delle fabbriche”, come tradotto da David Bowie.

Oltre ad essere antenati del synthpop che avrebbe dominato gli anni ’80 e oltre, la traccia del titolo di Trans-Europe Express è stata campionata nel 1982 da Afrika Bambaataa e Soul Sonic Force per uno dei primi successi hip-hop, Planet Rock, mentre Computer World ha avuto un’enorme influenza sulla musica house e techno emersa da Chicago e Detroit in quel decennio.

i nel 1976

Il loro lavoro li ha anche portati nell’orbita dell’abitante berlinese Bowie e Iggy – in un documentario televisivo, ha ricordato che lui e Schneider una volta erano andati a fare shopping per gli asparagi. La traccia di Bowie V-2 Schneider è pensata per essere un omaggio a lui.

Conosciuto per il suo sorriso enigmatico, un po ‘lontano, Schneider ha lavorato su tutti gli album in studio del gruppo, tra cui The Man-Machine, che ha prodotto il loro più grande successo: The Model, una melanconica canzone synthpop che è salita in testa alle classifiche del Regno Unito nel 1982.

Dopo il loro ultimo album in studio fino ad oggi, la colonna sonora del Tour De France nel 2003 e un ritorno al tour, Schneider ha lasciato il gruppo nel 2008.

Nessun motivo è stato dato per la sua partenza, e da allora ha mantenuto un profilo per lo più basso. Nel 2009 Hütter disse al Guardian che Schneider “ha lavorato per molti, molti anni su altri progetti: sintesi vocale e cose del genere. Non è stato veramente coinvolto in Kraftwerk per molti, molti anni ”e nel 2017 ha affermato che la coppia“ non ha davvero ”parlato da quando Schneider se n’è andato.

Nel 2015, Schneider ha pubblicato un nuovo brano musicale, Stop Plastic Pollution , in collaborazione con il produttore Dan Lacksman. Ha detto che la pista, rilasciata per sensibilizzare sull’inquinamento, è stata ispirata da “fare una nuotata nell’oceano sulle coste del Ghana, guardando i pescatori catturare nient’altro che immondizia di plastica nelle loro reti”.

Tra quelli che rendono omaggio a Schneider ci sono Orchestral Maneuvers in the Dark, che hanno dichiarato di essere “assolutamente devastati” e che era uno dei loro eroi. Il Midge Ure di Ultravox ha dichiarato di essere “molto più avanti del suo tempo”, mentre il produttore Thomas Dolby ha dichiarato: “Un altro dei miei grandi eroi se ne è andato”.

La star della techno Nina Kraviz ha twittato: “Cosa sarebbe la musica elettronica senza Kraftwerk? RIP “, e il regista Edgar Wright ha dichiarato:” Dire che è stato massicciamente influente e ha cambiato il suono stesso della musica, è in qualche modo ancora un eufemismo “.

Comments are closed, but trackbacks and pingbacks are open.