Il ventilatore non invasivo Y-30T prodotto da BMC Jardine Jiaye

La capacità produttiva della dei polmonari rappresenta 1/5 del mondo e sono stati firmati oltre 20.000 ordini internazionali.

L’immagine mostra il terzo invio di esperti medici cinesi anti-epidemia arrivati ​​a Milano con attrezzature mediche donate dalla come il ventilatore.

A Shenyang, Liaoning, i dipendenti della Maxi Medical Technology Co., Ltd. stanno producendo un ventilatore non invasivo.

I lavoratori di Yi’an Aomei Medical Equipment Co., Ltd. producono in officina nella zona di sviluppo di Yanjiao, città di Sanhe, provincia di Hebei.

I produttori di domestici sono stati troppo occupati di recente e il telefono per gli ordini non si è fermato. Anche il personale tecnico di ricerca e sviluppo si trova sulla linea di e lavora su tre turni in 24 ore … Tuttavia, non è ancora possibile soddisfare l’enorme richiesta di ordini e alcuni ordini sono stati effettuati nel terzo trimestre.

  L’epidemia globale di nuova polmonite continua a diffondersi e il numero di diagnosi continua a crescere. Maschere, occhiali protettivi, indumenti protettivi e altri materiali medici e antiepidemici si trovano in una situazione di scarsità di approvvigionamento e il ventilatore “Artefatto permanente” viene inserito in tutto il mondo. La situazione di prevenzione e controllo delle epidemie in continua a migliorare e l’ordine di è stato ripristinato in modo ordinato. Gli ordini del ventilatore sono volati ai produttori cinesi come fiocchi di neve.

  

  La funzione respiratoria continua

  ”La capacità produttiva giornaliera era solo di duecento o trecento unità all’inizio di febbraio, e ora ha raggiunto le 1.200 unità. Ogni giorno sono centinaia le richieste all’estero e sono state poste decine di migliaia di unità.” Produttori di non invasivi domestici, Beijing Yihe Jiaye Medical Technology Co., Ltd. Jiang Dong, responsabile marketing dell’azienda (di seguito denominato BMC Yihe Jiaye), ha detto al nostro giornalista. In questo momento, BMC Jardine Jiaye sta aumentando la capacità produttiva in vari modi per far fronte agli ordini provenienti da paesi come Italia, Francia, Regno Unito e Stati Uniti.

  L’epidemia globale si è diffusa e la domanda di è salita alle stelle.L’attuale scena di BMC Jardine Jiaye è l’epitome degli sforzi dei produttori cinesi di per soddisfare le esigenze del mercato globale dei . I produttori di domestici hanno guidato a pieno regime e le macchine hanno funzionato 24 ore al giorno, facendo ogni sforzo per aumentare la capacità produttiva.

  Tuttavia, non è ancora in grado di soddisfare la domanda del mercato. Funzionari di vari paesi e responsabili delle istituzioni mediche hanno chiesto un aumento della capacità produttiva o un aumento delle importazioni in varie occasioni. “La chiave è un ventilatore, un ventilatore, un ventilatore. Questa è la necessità più urgente.” Andrew Como, Governatore dello Stato di New York, negli Stati Uniti, ha sottolineato l’importanza del ventilatore nel modo più semplice.

  Quanto è importante il ventilatore?

  Come tutti sappiamo, il polmone come organo respiratorio, il suo ruolo è quello di inalare e decomporre l’ossigeno per mantenere le attività della vita. Il “bersaglio” del nuovo coronavirus è l’organo respiratorio umano. Dopo essere stato attaccato dal nuovo coronavirus nei polmoni del paziente, la funzione è compromessa e viene prodotta una grande quantità di muco e alcuni pazienti non possono ottenere ossigeno attraverso la respirazione spontanea. Per il trattamento di questi pazienti, vengono generalmente adottati diversi metodi di trattamento come ossigenoterapia, ventilazione meccanica non invasiva, ventilazione meccanica invasiva e terapia di salvataggio. Tra questi, il ventilatore invasivo è più elevato nelle apparecchiature mediche. Per questi pazienti, il ventilatore è una questione di vita o di morte: sebbene non possa uccidere il virus, può continuare a vivere e acquisterà tempo prezioso per il trattamento clinico e l’eliminazione del virus.

  Qual è il divario nel mercato globale dei ventilatori?

  Secondo i dati dell’Organizzazione Mondiale della Sanità, uno su sei pazienti con nuove corone ha una grave malattia e dispnea e viene utilizzata la ventilazione non invasiva assistita dal ventilatore.Se la condizione peggiora, verrà utilizzata anche la ventilazione invasiva controllata dal ventilatore.

  Secondo stime relativamente pessimistiche, ci saranno 960.000 pazienti negli Stati Uniti che dovranno utilizzare un ventilatore a causa dell’infezione con il nuovo coronavirus, ma ci sono solo circa 200.000 di tali macchine negli Stati Uniti e una parte considerevole di essi non può essere utilizzata immediatamente a causa dell’invecchiamento. Anche la situazione in Europa non è ottimista. Secondo le statistiche, il divario tra i ventilatori dell’UE è di almeno 25.000. In alcuni paesi in via di sviluppo, la carenza di ventilatori può essere più grave. A livello globale, la domanda di ventilatori è 10 volte quella delle attuali istituzioni mediche.

  Il ciclo di utilizzo più lungo aggrava la gravità della carenza del ventilatore. Addetti ai lavori del settore hanno sottolineato che per i pazienti in condizioni critiche, l’ossigenazione in vitro è ininterrotta e può essere utilizzata da un solo paziente e non può essere scambiata tra i pazienti a piacimento. Il ciclo di vita di un paziente in condizioni critiche è di circa 10 giorni.

  I paesi che hanno un disperato bisogno di ventilatori hanno puntato gli occhi sulla . A partire da metà marzo, con il rapido aumento del numero di infezioni all’estero, il divario nel mercato dei ventilatori sta crescendo. In questo contesto, la , che rappresenta 1/5 della capacità mondiale dei ventilatori, è diventata la speranza di un “villaggio globale”: 1.000 ventilatori donati da istituzioni private cinesi allo Stato di New York sono arrivati ​​la scorsa settimana e 300 ventilatori sono stati spediti dalla al Regno Unito. La Spagna acquista oltre 900 ventilatori dalla … I produttori cinesi hanno firmato ordini internazionali per oltre 20.000 ventilatori. Alla conferenza stampa del meccanismo congiunto di difesa e controllo congiunto del Consiglio di Stato del 5 aprile, Jin Hai, direttore del dipartimento Operazioni generali dell’Amministrazione generale delle dogane, ha introdotto che dal 1 ° marzo la ha esportato 16.000 ventilatori.

  Migliora la capacità produttiva

  I produttori cinesi di ventilatori possono riprodurre il miracolo della crescita della delle maschere?

  In effetti, durante il Festival di Primavera, molti produttori hanno iniziato a operare sotto carico dopo aver aiutato il governo a risolvere il problema della carenza di componenti e della scarsa logistica e dei trasporti per aiutare a combattere l’epidemia in . Shenzhen Mindray, azienda leader nel settore dei ventilatori domestici, ha ricordato con urgenza la spina dorsale tecnica della finta casa il secondo giorno del nuovo anno e ha compiuto tutti gli sforzi necessari per riprendere la .

  Con la consegna degli ordini domestici sostanzialmente completata, la potenza di fuoco si è trasformata in ordini esteri, i produttori di ventilatori non hanno tempo di riposare e sono persino più stanchi di prima. “Di recente, il nostro orario di lavoro giornaliero è stato adattato dalle 21 alle 18 alle 22, e non ci sono interruzioni nei fine settimana. Se il numero di dipendenti è insufficiente, mobilitiamo urgentemente i dipendenti dai vari reparti funzionali alla linea di .” Jiang Dong ha dichiarato: “Nel processo principale Contano ancora su lavoratori qualificati, altri possono fare alcuni lavori a bassa tecnologia dopo la formazione, tutto al fine di massimizzare la produttività “.

  Un’altra importante fabbrica di dispositivi medici a Pechino, la Yi’an Medical, è a pieno regime: la macchina per anestesia e le linee di produzione del letto operatorio sono state trasformate per produrre ventilatori, che sono ininterrottamente per 24 ore e spedite per più di 3 mesi. È passato negli anni precedenti. Jiangsu Yuyue Medical Equipment Co., Ltd. ha investito in una fabbrica super intelligente: un braccio robot equivale a 10 lavoratori e una linea di produzione intelligente è due volte più efficiente di 100 lavoratori. Gli ordini in sospeso sono ancora alla fine di aprile. Ci sono ancora alcuni produttori i cui ordini sono stati effettuati nel terzo trimestre.

  Wu Chuanpu, direttore della piattaforma di e-commerce cinese di dispositivi medici Beiden Medical Supply Chain, ha dichiarato: “Tutti i produttori di ventilatori in Cina hanno raggiunto i limiti di capacità produttiva”.

  Qualche tempo fa, al fine di massimizzare la capacità produttiva delle maschere, non solo le aziende produttrici di maschere aumentarono la loro produzione, ma molti produttori “transfrontalieri” si unirono all’esercito di rifornimento di maschere e la fornitura di maschere in Cina aumentò rapidamente da 20 milioni a centinaia di milioni. Perché è difficile per il ventilatore replicare questo schema?

  La conversione transfrontaliera deve superare ulteriori difficoltà. A differenza delle maschere, la produzione di ventilatori prevede la produzione e l’assemblaggio di centinaia di parti, nonché il debug e la compatibilità di hardware e software, oltre a richiedere personale professionale e una stretta supervisione per garantire la qualità del prodotto, garantendo così la sicurezza del paziente. Per i produttori di apparecchiature mediche professionali, potrebbero essere necessari 40 giorni per produrre un ventilatore. Le imprese transfrontaliere a partire da zero potrebbero impiegare anche 18 mesi per raggiungere la produzione di massa. Molti problemi come la trasformazione delle linee di produzione, le barriere tecniche e le approvazioni dei controlli di qualità sono diventati anche “blocchi” per le imprese transfrontaliere. Di fronte a numerosi vincoli, è difficile per le imprese transfrontaliere ottenere una produzione su larga scala in breve tempo.

  La fornitura di pezzi di ricambio è un fattore limitante per lo sviluppo della capacità del ventilatore. Jiang Dong ha affermato che “le parti e i componenti del ventilatore sono stati sostanzialmente prodotti a livello nazionale e non è necessario preoccuparsi della fornitura di prodotti a monte”. Tuttavia, altri produttori non sono così fortunati e i componenti principali come compressori, valvole proporzionali, turbine e sensori si affidano alle importazioni. Il responsabile di un’azienda di apparecchiature mediche che produce ventilatori a Nanchino ha affermato che le valvole proporzionali dell’azienda provengono dalla Germania e dall’Italia, i ventilatori turbo dalla Germania e i sensori di pressione dagli Stati Uniti. “Stiamo anche cercando di utilizzare materiali alternativi, ma il ventilatore ha severi requisiti di affidabilità e sicurezza a lungo termine dell’apparecchiatura. Solo risolvendo la fornitura di materiale del fornitore di origine possiamo aumentare la capacità di produzione con qualità e quantità.

  Il responsabile di Yuyue Medical ha anche detto francamente: “Il rumore, la velocità di rotazione, la precisione del sensore e la sensibilità dei ventilatori domestici sono diversi dai marchi leader internazionali. Ma cercheremo di trovare parti alternative in Cina, ma questo non è un processo unico e richiede esperienza Rigorosa verifica e relativa personalizzazione “.

  L’onere gravoso è per i produttori cinesi di ventilatori. Sotto l’epidemia, la crescente domanda e un flusso costante di ordini sono anche una battaglia per i produttori di ventilatori domestici.

  Al fine di fornire assistenza tempestiva ai paesi interessati, le imprese hanno fatto ogni sforzo, il governo si è coordinato con varie parti e la Cina ha fatto del suo meglio. Il 29 marzo, il Ministero dell’ e dell’Information Technology della Cina ha tenuto una videoconferenza sull’espansione coordinata della filiera chiave delle attrezzature mediche per organizzare le principali imprese di ventilazione invasiva domestica e i dipartimenti locali competenti per scoprire i problemi e le difficoltà incontrate dalle imprese e studiare misure per l’espansione coordinata della catena industriale.

  L’esaurimento nella catena di approvvigionamento e la corsa contro la linea di produzione sono solo una parte della battaglia. Ci sono ancora molti ostacoli da superare affinché una macchina salvavita raggiunga un’istituzione medica che è davvero necessaria.

  L’aumento della domanda ha causato l’aumento del prezzo del ventilatore e alcuni intermediari che stanno accumulando vedono opportunità di fare soldi. “Ci sono persino situazioni in cui una persona acquista migliaia di unità”. Un produttore di ventilatori ha affermato che il prezzo di un ventilatore può addirittura aumentare di decine di migliaia in un’ora, ad eccezione dell’aumento dei prezzi dei componenti a monte e dell’aumento dei costi di volo internazionali. Oltre all’aumento dei costi, la speculazione rende anche il prezzo del ventilatore “un giorno al giorno”.

  In considerazione di ciò, diversi produttori di ventilatori come Yi’an Medical, BMC Jardine Jiaye e Anbao Technology hanno rilasciato dichiarazioni nel “Medical Materials Group” della China Medical Device Industry Association: resistere risolutamente all’accumulo di cattivi, aumentare i prezzi, Comportamenti che interrompono l’ordine di mercato, come le transazioni false. Yuyue Medical ha dichiarato che chiederà all’acquirente in dettaglio la comprensione del prodotto del prodotto, il luogo di ricezione, i requisiti di esportazione, il mercato, l’uso e altre informazioni, in modo da filtrare alcuni acquirenti.

  Come dispositivo medico, un ventilatore domestico vuole entrare nel mercato estero e anche il corrispondente certificato di ammissione è un punto di controllo. Ad esempio, gli Stati Uniti richiedono la FDA e l’Europa richiede la CE: ottenere questi certificati richiede molto tempo. Secondo il Ministero dell’ e dell’Information Technology, ci sono 21 produttori di ventilatori invasivi in ​​Cina, di cui 8 hanno ottenuto la certificazione CE obbligatoria UE per i loro prodotti principali.

  In risposta all’epidemia, alcuni paesi hanno aperto vie di emergenza e standard di accesso più rilassati. Ma entrare nel mercato locale è solo l’inizio per le aziende. Se vuoi andare più in profondità, più lontano e più stabile nei mercati esteri, devi anche prestare attenzione alla protezione dei brevetti e della tua proprietà intellettuale.

  Quando BMC Jardine Jiaye è entrata nel mercato statunitense, un gigante dei ventilatori ha presentato una “indagine 337” alla Commissione internazionale per il commercio degli Stati Uniti per motivi di violazione dei brevetti, e ha anche intentato una causa per violazione dei brevetti presso la Corte distrettuale degli Stati Uniti per la California meridionale. Dopo quattro anni di aspri combattimenti e ingenti investimenti di capitale, le due parti hanno raggiunto un accordo e BMC Jardine Jiaye è stata in grado di espandere il suo territorio sul mercato statunitense. “Abbiamo prove sufficienti che il prodotto appartiene a ricerca e sviluppo indipendenti. Abbiamo fatto molti anni nel settore del commercio estero e abbiamo sempre prestato attenzione alla protezione dei brevetti. La società ha richiesto un gran numero di brevetti in patria e all’estero. Se lo ignori nel processo di sviluppo e progettazione del prodotto, potresti affrontare dei rischi “, Ha detto Jiang Dong.

  L’epidemia alla fine passerà. Per il ventilatore cinese mantenere ed espandere la quota di mercato e accumulare credito internazionale realizzato in Cina, la qualità del prodotto è la chiave. “Dobbiamo garantire la qualità dei marchi cinesi. Abbiamo attraversato un processo lungo e doloroso. I marchi cinesi sono stati sostanzialmente riconosciuti nel mondo. In questo caso, i dispositivi medici cinesi dovrebbero rendere i prodotti cinesi e i marchi cinesi più brillanti.” Mindray Medical è responsabile di Le persone dicono.

Comments are closed, but trackbacks and pingbacks are open.