Il lockdown continua a limitare in queste settimane le possibilità di spostamento. Il rischio è che il tempo passato in vada sprecato mentre si è davanti a una rara occasione per l’ottimizzazione dei costi. Mettendo in atto alcune piccole accortezze si potrebbe pervenire a consistenti risparmi che potrebbero tornare utili anche in ottica di un prolungarsi del periodo di blocco.
Di seguito riportiamo sei consigli pratici messi insieme da Oval, fintech che presenta una piattaforma per la gestione del .

PIANIFICARE LA VENDITA DI CIO’ CHE NON SERVE
Avere più tempo a disposizione potrebbe portare i suoi vantaggi, uno di questi è quello di liberarci una volta per tutte di ciò che è superfluo. Ciò non vuol dire necessariamente riempire sacchi di cose da buttare, ma selezionare per esempio oggetti che non si usano più e creare una sorta di “negozio casalingo” nel quale vengono momentaneamente archiviati per poi essere – perché no – venduti, una volta che le spedizioni per posta o per corriere riprenderanno in modo più agevole e fluido.

RIDURRE I CONSUMI CASALINGHI
La maggior permanenza dentro le mura domestiche porta in modo inevitabile a un maggior uso di elettricità, ma anche di gas. L’arrivo della bella stagione e il cambio dell’ora per fortuna aiutano ad avere ambienti naturalmente illuminati, ma le bollette potrebbero subire comunque uno scossone in termini di aumento. Qualche piccolo, se non banale, accorgimento potrebbe dare le sue soddisfazioni. Primo tra tutti l’uso delle lampadine a basso consumo, ce ne sono di molti tipi in commercio e disponibili negli scaffali dei supermercati. Un giro di ricognizione per prima di andare a letto è sempre una buona abitudine per verificare che tutte le luci siano spente.
Un’altra oculatezza potrebbe essere messa in atto al momento del bucato, privilegiando i cicli di lavaggio più corti. e Non ultimo, non dimentichiamoci dell’acqua. In questo periodo molti avranno voglia di coccolarsi di più con un bel bagno caldo e profumato, ottima idea, ma meglio non esagerare. Preferire la doccia alla vasca può aiutare a evitare di sprecare anche fino a 60 litri di acqua.

CANCELLARE I VIAGGI
Oggi più che mai tutti sogniamo le nostre prossime vacanze. Già ci immaginiamo con un mojito in spiaggia al tramonto…ma al momento non abbiamo certezza che nei prossimi mesi ciò potrà avvenire, mettiamo in conto che potremmo dover rimandare queste piacevoli occasioni. Nel frattempo, dati i dubbi, sarebbe dunque opportuno dare seguito alla cancellazione o alla proposta di rimborsi in caso di viaggi già organizzati. La maggior parte delle agenzie di viaggio o di alberghi hanno già previsto delle ipotesi di annullamento con la restituzione del denaro, sarebbe conveniente approfittarne e ripianificare quando la situazione sarà più chiara e sicura.

TOUR DEL GUARDAROBA
Passare più tempo in ci potrebbe aiutare a comprendere meglio di cosa abbiamo bisogno veramente nel quotidiano. Una “rivisitatina” al guardaroba, per esempio, sarebbe molto utile per andare a rispolverare capi che avevamo dimenticato e che magari ci stanno ancora bene. Rivalutare parte del proprio abbigliamento e essere più consapevoli di ciò che si ha saranno un domani un ottimo deterrente qualora ci venisse voglia di fare shopping compulsivo e buttare via i soldi una volta tornati alla normalità.

RISCOPRIRE VECCHI LIBRI
Tutti, chi più chi meno, ci stiamo dedicando a fare ordine e pulizia in . Questa pratica, che fino a ieri era odiata dalla maggior parte delle persone, oggi si è convertita quasi in un piacevole passatempo. Tra i vari angoli della , il consiglio è di dedicare particolare attenzione alla libreria. Nello svuotarla e nello spolverare tutti i libri, uno a uno, potrebbero venire fuori copertine di vecchi testi mai letti e dimenticati o di vecchi libri che varrebbe la pena rileggere. Quindi prima di catapultarsi su nuove compere online valutiamo quello che abbiamo già e una piacevole lettura sarà sempre assicurata.

ORGANIZZAZIONE INTELLIGENTE DELLA DISPENSA
Questa regola dovrebbe valere sempre e non solo in questo periodo. Imparare a fare una lista “quasi scientifica” della spesa porta un vantaggio non solo al portafoglio ma limita in modo considerevole gli sprechi e gli acquisti superflui. Una buona abitudine è quella di svuotare ogni tanto la credenza per capire cosa abbiamo stipato anche negli angoli più nascosti e ripartire da lì. Ideale è tenere un taccuino su una mensola della cucina e appuntare ciò che ci serve mano a mano che terminiamo le scorte. Il giorno della spesa, la lista sarà già quasi bella che pronta e andremo a fare gli approvvigionamenti in modo coerente con le nostre necessità.

Comments are closed, but trackbacks and pingbacks are open.