Gli scienziati in corsa per arrestare la diffusione di una specie di insetti corrosivi dopo che ha colpito otto città turche.

Le fonti mondiali di nocciole potrebbero essere minacciate da un cimice che ha recentemente invaso la Turchia, hanno avvertito gli scienziati.

La cimice marrone marmorizzata, originaria del nord-est asiatico, si è diffusa in tutto il mondo nei container marittimi, riproducendosi liberamente grazie alle temperature più calde e alla mancanza di predatori naturali.

Lo stinkbug – chiamato per le sostanze chimiche corrosive che produce come forma di difesa – è stato visto in Turchia per la prima volta nel 2017, dopo aver provocato il caos nella vicina Georgia. Da allora, l’insetto si è diffuso in almeno otto città turche, principalmente nella regione del Mar Nero, dove ha origine circa il 70% della fornitura mondiale di nocciole.

Se la diffusione della cimice non può essere contenuta, circa il 30% delle nocciole potrebbe essere danneggiato, ha avvertito il prof. Celal Tuncer del dipartimento fitosanitario dell’Università di Ondokuz Mayıs. Ciò corrisponde a circa un quinto dell’offerta mondiale.

Questa dipendenza dalle nocciole turche ha spinto l’industria e gli scienziati a chiedere un’azione rapida contro il cimice.

In una conferenza di gennaio, le discussioni si sono concentrate sulla lotta contro l’invasione attraverso la diffusione di un nemico naturale: il Trissolcus japonicus, comunemente noto come vespa samurai. Il metodo di utilizzo dei nemici naturali dei parassiti è noto come controllo biologico ed è considerato un’alternativa ecologica all’uso di insetticidi.

Le vespe samurai, minuscole creature di due millimetri, depongono le loro larve all’interno delle uova dei cimici, che vengono poi distrutte.

Un potenziale problema con questo approccio è che di solito richiede più tempo di quanto sembrano avere le nocciole della Turchia. Le normative richiedono una ricerca approfondita prima di rilasciare un agente di controllo biologico al fine di garantire che non sia dannoso per l’ecosistema locale.

Negli Stati Uniti, ad esempio, le procedure burocratiche di rilascio della vespa del samurai hanno impiegato così tanto tempo che alla fine la specie si è trovata lì naturalmente .

Tuncer ha affermato che la Turchia dovrebbe cercare modi per accelerare il processo facendo affidamento sulla ricerca esistente altrove, poiché una considerevole quantità di ricerca preliminare è già stata completata in Europa.

İlyas Edip Sevinç, capo dell’Associazione degli esportatori di nocciole e nocciole della regione del Mar Nero, ha affermato che prendersi del tempo per analizzare a fondo i rischi delle vespe del samurai sarebbe sconsiderato poiché il cimice era già stato istituito e rappresentava una tale minaccia.

Finora, gli agricoltori hanno fatto affidamento su insetticidi contro il cimice, ma questo può rivelarsi più difficile con l’aumentare e la diffusione della popolazione nella regione.

Le temperature nei prossimi mesi svolgeranno un ruolo cruciale nella salute del raccolto di nocciole di quest’anno. Nel 2019, il clima freddo ha ritardato l’emergere dei cimici dall’ibernazione, lasciando alle noci abbastanza tempo per far crescere i loro gusci protettivi esterni. Quest’anno, i meteorologi hanno avvertito di temperature superiori alla media, il che significa che i dadi potrebbero non essere così fortunati.

DATABASE SITI WEB GRATUITO - inserisci il tuo sito web « QUI »


Comments are closed, but trackbacks and pingbacks are open.