pentagono usa

Le agenzie di statunitensi hanno 180 giorni per condividere ciò che sanno sugli , grazie al progetto di Covid-19 per i soccorsi e le spese

Quando il presidente ha firmato a dicembre il progetto di per il sussidio del coronavirus da 2,3 trilioni di dollari e il finanziamento del governo, è iniziato il conto alla rovescia di 180 giorni per le agenzie di statunitensi per dire al Congresso ciò che sanno sugli .

Il direttore dell’ nazionale e il segretario alla difesa hanno ora poco meno di sei mesi per fornire ai comitati dei servizi armati e dell’ del Congresso un rapporto non classificato sui “fenomeni aerei non identificati”.
È una clausola inserita nella sezione “commento del comitato” dell’ Authorization Act for Fiscal Year 2021, contenuta nella massiccia di spesa.

Tale rapporto deve contenere analisi dettagliate dei dati e dell’ sugli raccolti dall’Office of Naval Intelligence, dalla Unidentified Aerial Phenomena Task Force e dall’FBI, secondo la direttiva del comitato di intelligence del Senato.
Dovrebbe anche descrivere in dettaglio “un processo interagenzia per garantire la raccolta tempestiva dei dati e l’analisi centralizzata di tutti i fenomeni aerei non identificati che riportano per il governo federale” e designare un funzionario responsabile di quel processo.

Infine, il rapporto dovrebbe identificare qualsiasi potenziale minaccia alla sicurezza nazionale posta dagli e valutare se qualcuno degli avversari della nazione potrebbe essere dietro tale attività, ha detto il comitato.
Il rapporto presentato dovrebbe essere non classificato, ha detto la commissione, sebbene possa contenere un allegato classificato.
Un portavoce dell’Ufficio del direttore dell’intelligence nazionale ha confermato la notizia al sito di verifica dei fatti Snopes .

Il Congresso è da tempo interessato agli
Il Pentagono ha pubblicato tre brevi video nell’aprile dello scorso anno che mostravano “fenomeni aerei non identificati” – clip che la Marina degli Stati Uniti aveva precedentemente confermato erano reali.
I video, uno del 2004 e gli altri due del 2015, mostrano quelli che sembrano essere oggetti volanti non identificati che si muovono rapidamente mentre vengono registrati da telecamere a infrarossi. Due dei video contengono membri del servizio che reagiscono in soggezione alla velocità con cui gli oggetti si muovono. Una voce ipotizza che potrebbe essere un drone.

Non è ancora chiaro quali siano gli oggetti e non c’è consenso sulla loro origine. Alcuni credono che potrebbero essere droni potenzialmente gestiti da avversari terrestri che cercano di raccogliere informazioni, piuttosto che dagli extraterrestri che normalmente equipariamo agli UFO.

Ad agosto, il Pentagono ha annunciato che stava formando una task force per indagare.
I membri del Congresso e i funzionari del Pentagono sono da tempo preoccupati per l’aspetto degli aerei non identificati che hanno sorvolato le basi militari statunitensi. Il Comitato per i servizi di intelligence del Senato ha votato lo scorso giugno per chiedere al Pentagono e alla comunità dell’intelligence di fornire un’analisi pubblica degli incontri.

Ma non è la prima volta che il Pentagono ha esaminato incontri aerei con oggetti sconosciuti. Il Pentagono ha studiato in precedenza le registrazioni di tali incidenti come parte di un programma classificato da allora in poi lanciato per volere dell’ex senatore Harry Reid.

Quel programma è stato lanciato nel 2007 e si è concluso nel 2012, secondo il Pentagono, perché ha valutato che c’erano priorità più elevate che necessitavano di finanziamenti.
L’ex capo del programma Luis Elizondo ha detto alla CNN nel 2017 che crede personalmente “ci sono prove molto convincenti che potremmo non essere soli”.

Comments are closed, but trackbacks and pingbacks are open.