Gin della Regina Elisabetta

Già la Regina Madre era un’estimatrice del alla birra. E sua figlia, la II d’, anche; a 94 anni, il suo entusiasmo per questa bevanda alcolica non sembra lasciarla sfuggire. Ha appena lanciato il suo .

Ebbene, nello specifico, il proviene dalla sua villa di campagna Sandringham nel Norfolk, dove la famiglia reale di solito trascorre le vacanze.

I distillatori hanno trovato l’ispirazione e gli ingredienti per farlo proprio nel giardino della regina: cachi e mirto, piantati dai ramoscelli che componevano il bouquet da sposa della regina Alexandra.

Trattandosi di un royal , la serie è più piccola ed esclusiva, e per una bottiglia verranno spesi 60 euro.

Per ora, il Sandringham è disponibile solo nel .

Whisky di Balmoral, l’eco di Charles della Cornovaglia
Non è la prima volta che la regina si ritrova nelle produzioni di distilleria.

In estate, Buckingham Palace ha lanciato un gin a base di ingredienti del Queen’s Garden a Londra.

La bevanda contiene 12 diversi tipi di estratti vegetali, tra cui limone, verbena tropicale, bacche di biancospino e foglie di gelso raccolte a mano.

Il figlio maggiore della regina, il principe Carlo, produce gin biologico nella sua tenuta di Highgrove in Cornovaglia da qualche tempo, e la tenuta della regina Balmoral in Scozia sta distillando il suo whisky single malt.

A proposito, la regina preferisce bere gin con Dubonnet (un vino dolce da aperitivo) e una fetta di limone, un cocktail che presumibilmente sorseggia ogni santo giorno da tempo immemore.

Comments are closed, but trackbacks and pingbacks are open.