Gatto Nazca Perù

Un’enorme figura felina scolpita su una collina arida oltre 2000 anni fa è stata nel sud del , secondo il Ministero della Cultura del paese.
L’antico geoglifo, che misura 37 metri di diametro, fa parte delle Linee di , una raccolta di centinaia di misteriose opere d’arte incise su un altopiano a 350 Km a sud di Lima.
Il si unisce a una serie di altri disegni zoomorfi trovati nel paesaggio della regione nel secolo scorso, comprese le raffigurazioni di un colibrì, una scimmia e un pellicano. La è stata fatta durante i lavori di manutenzione in un punto panoramico per i visitatori in quella che è già una popolare destinazione turistica.

figura felina Perù

“La figura era appena visibile e stava per scomparire a causa della sua posizione su un pendio abbastanza ripido e degli effetti dell’erosione naturale”, si legge in un comunicato stampa del ministero.
Dopo aver intrapreso lavori di pulizia e conservazione, gli archeologi hanno scoperto una serie di linee di larghezza variabile da 30 a 40 centimetri (da 12 a 16 pollici). Lo stile dell’opera d’arte suggerisce che sia stata creata tra il 200 a.C. e il 100 a.C., nel tardo periodo di Paracas, ha detto il ministero.

“Rappresentazioni di questo tipo di felino si trovano spesso nell’iconografia della ceramica e dei tessuti nella società di Paracas”, ha spiegato il comunicato stampa.

Le Linee di sono state create da persone di società preispaniche che hanno rimosso gli strati superiori di roccia e ghiaia per rivelare un substrato roccioso di colore più chiaro sottostante. Sebbene nella regione siano state trovate pochissime figure simili a quelle umane, gli archeologi hanno scoperto raffigurazioni su larga scala di animali, uccelli, piante e oggetti di uso quotidiano.
Anche una serie di misteriose forme e motivi geometrici, comprese spirali e triangoli, sono stati scolpiti nel paesaggio desertico.

Le linee e i geoglifi coprono un’area di circa 450 chilometri quadrati (174 miglia quadrate) e sono stati creati tra il 500 aC e il 500 dC, secondo l’UNESCO, che ha aggiunto il sito alla sua lista del patrimonio mondiale nel 1994, descrivendolo come uno dei “siti di più grandi enigmi “.

“Sono il gruppo di geoglifi più eccezionale in tutto il mondo e non hanno eguali per estensione, grandezza, quantità, dimensione, diversità e antica tradizione rispetto a qualsiasi opera simile al mondo”, si legge in un elenco sul sito web dell’UNSECO. “La concentrazione e l’accostamento delle linee, nonché la loro continuità culturale, dimostrano che si trattava di un’attività importante e di lunga durata, durata circa mille anni”.

geoglifi nazca
Più di 140 geoglifi precedentemente sconosciuti sono stati trovati dai ricercatori nella regione nel 2019

La regione è stata di interesse per gli storici sin dagli anni ’20, quando l’archeologo peruviano Toribio Mejia Xesspe scoprì per la prima volta linee misteriose scolpite nel paesaggio. Con la crescita dei viaggi aerei negli anni ’30, ulteriori opere d’arte sono state dall’alto ei ricercatori hanno continuato a scoprire più linee e sviluppare teorie su come e perché sono state create.
Recentemente, nel 2019, i ricercatori dell’Università giapponese di Yamagata hanno scoperto più di 140 geoglifi nella regione con l’aiuto dell’imaging 3D.

Comments are closed, but trackbacks and pingbacks are open.