I primi ministri della Polonia Mateusz Morawiecki, dell'Ungheria Viktor Orban e della Repubblica Ceca Andrej Babis partecipano a un incontro a Bruxelles con la presidente della Commissione europea Ursula von der Leyen. I quattro paesi di Visegrad sono stati finora i più clamorosi oppositori delle quote per il trasferimento di migranti tra gli Stati membri dell'UE
I primi ministri della , dell’ e della Andrej Babis partecipano a un incontro a con la presidente della Commissione europea Ursula von der Leyen. I quattro paesi di Visegrad sono stati finora i più clamorosi oppositori delle quote per il trasferimento di tra gli Stati membri dell’

I primi ministri di , e , tre dei quattro paesi del Gruppo Visegrad, hanno espresso forti preoccupazioni per il cambiamento nella politica comune di migrazione e asilo dell’Unione europea proposto dalla Commissione europea

Il primo ministro ungherese ha affermato che i cambiamenti non significano una svolta. Dopo i colloqui con il presidente della Commissione europea Ursula von der Leyen a con le controparti ceche Andrej Babis e il polacco , Orban ha dichiarato in una conferenza stampa congiunta che “non c’è svolta – ci sono molti cambiamenti, ma non è una svolta”.

Orban: La svolta sarebbe con adozione di esterni
“La svolta sarebbe di esterni in modo che nessuno possa entrare nel territorio dell’ senza permesso” , ha detto Orban, ribadendo l’idea di di per al di fuori del territorio dell’. Ha aggiunto che gli è piaciuto di più il “tono della proposta” , ma che “l’approccio di base rimane invariato”. “Vogliono gestire la migrazione, non fermare i ”, ha aggiunto, sottolineando che l’approccio dell’ è “fermare i ”, che è qualcosa di completamente diverso.

Il primo ministro polacco ha sottolineato che i paesi del Gruppo Visegrad, che comprende anche la Slovacchia, insistono sul “controllo delle frontiere più rigoroso ed efficace possibile” . Ha aggiunto che “oggi hanno presentato le loro opinioni originali sulle proposte attuali (…) Siamo aperti al loro sostegno in varie formule, ma non ci discosteremo dai nostri principi”, ha sottolineato.
“Vogliamo prevenire i problemi all’origine, non che poi dovremo affrontare proposte controverse sulla politica dei , come abbiamo fatto nel 2016, 2017 e 2018”, ha aggiunto.

Babiš: Il concetto di “solidarietà obbligatoria” senza senso
Il primo ministro ceco , sebbene privo di significato, ha respinto la proposta secondo cui i paesi che non vogliono accettare i rifugiati dovrebbero garantire il loro rimpatrio in patria. Tuttavia, il concetto di “solidarietà obbligatoria” proposto dalla commissione è stato respinto oggi a Praga in quanto privo di significato. Dopo la conversazione, il presidente della Commissione europea ha solo twittato di aver avuto una buona discussione e concordato una stretta collaborazione. I quattro paesi di Visegrad sono stati finora i più clamorosi oppositori delle quote per il trasferimento di migranti tra gli Stati membri dell’.

Il nuovo patto sulla migrazione e l’asilo, presentato mercoledì, dovrebbe risolvere lo stallo nella riforma urgente del sistema. A , affermano che le quote obbligatorie di ricollocazione in questione non esistono più, ma resta un certo obbligo di ricollocazione. È un sistema complesso basato su una solidarietà flessibile ma comunque obbligatoria. La solidarietà dovrebbe essere obbligatoria in caso di grave pressione sul sistema di asilo del membro e in caso di sbarco di rifugiati soccorsi in mare. I membri potranno assistere nella ricollocazione dei migranti, nel rimpatrio dei migranti illegali o attraverso il supporto operativo, ad esempio rafforzando le capacità nelle aree dell’asilo, dell’ o del rimpatrio. Una delle novità essenziali del patto è la sponsorizzazione del ritorno degli immigrati illegali come alternativa o complemento alla ricollocazione.

Comments are closed, but trackbacks and pingbacks are open.