Inps

Ottime news per quanti vogliano accedere alla : grazie al 4/2019 i sono stati bloccati. Fino al 1° gennaio 2027 non arriverà alcuna nuova variazione: quindi, per i prossimi anni non sono attesi cambiamenti. Ma soprattutto non dovrebbero arrivare delle brutte sorprese.


Questo significa che i lavoratori che volessero accedere alla potranno usufruire delle opportunità che la legge garantisce da oggi fino ad almeno il 31 dicembre 2026: i restano invariati.

I per la pensione vengono adeguati ogni due anni. A prevederlo è la Legge Fornero, che ha imposto questi aggiornamenti per adeguare l’età di uscita dal mondo del lavoro alla speranza di vita. Il principio che sta alla base di questi adeguamenti è molto chiaro: nel momento in cui si accerta, statisticamente, che si vive di più è necessario lavorare più anni per accedere alla pensione. È un sistema necessario per garantire la sostenibilità del sistema previdenziale e che ha coinvolto anche la .

Il 1° gennaio 2019, infatti, era atteso una rimodulazione del requisito per entrare in pensione: ci sarebbe dovuto esser stato un incremento di 5 mesi (quindi in sintesi si sarebbe dovuto lavorare cinque mesi in più prima di accedere alla ). Il Governo targato Lega-Movimento 5 Stelle aveva, però, optato per bloccare questo adeguamento con le aspettative di vita esclusivamente per la . Contestualmente era anche stata introdotta .

Entrando nello specifico è proprio l’articolo 17 del 4/2019 che ha bloccato i per l’accesso alla fino al 31 dicembre 2026. In estrema sintesi questo significa che con questo decretone è stato finanziato il blocco di tutti i futuri adeguamenti con le aspettative di vita dal 1° gennaio 2019 al 31 dicembre 2026.

Grazie a questo si è evitato che il requisito contributivo per poter accedere alla pensione anticipata venisse aumentato di 5 mesi dal 1° gennaio 2019. Ma non solo: nello stesso momento è anche astato evitato un possibile ed eventuale incremento dei nei successivi bienni: quindi sono stati stoppati gli adeguamenti del 1° gennaio 2021, del 1° gennaio 2023 e del 1° gennaio 2025.

Non verrà quindi modificato alcun requisito contributivo fino ad almeno il 1° gennaio 2027: fino a quella data rimarranno validi i requisiti per accedere alla pensione anticipata che sono validi oggi. Ecco i requisiti che sono richiesti:

– aver maturato 42 anni e 10 mesi di contributi, indipendentemente dall’età per gli uomini;
– aver maturato 41 anni e 10 mesi di contributi, indipendentemente dall’età per le donne.
– In entrambi i casi, ai fini dei calcoli dei requisiti, verrà tenuto conto di un massimo di cinque anni di contributi accreditati figurativamente dall’.

Il 4/2019 ha creato un piccolo problema per i lavoratori, rinviando anche i termini di decorrenza della pensione anticipata. Se prima dell’approvazione di questo la pensione veniva pagata dal mese successivo rispetto a quello in cui si era maturato il diritto per accedervi, adesso è necessario attendere l’apertura di una finestra mobile. Nell’articolo 17 del è infatti riportato che potranno accedere alla pensione anticipata quanti conseguono il diritto alla decorrenza del trattamento pensionistico trascorsi tre mesi dalla data di maturazione dei requisiti stessi.

Comments are closed, but trackbacks and pingbacks are open.