maiale

ha rivelato al pubblico Gertrude, un maialino a cui era stato inserito un nel in una clinica di neurologia – Musk vuole sviluppare un’ tra il e i computer per studiare il funzionamento del umano e aiutare le persone con

Gertrude è uno dei tre mostrati da venerdì durante una trasmissione video, con un maiale che non ha un’ installata, uno è stato installato qualche tempo fa e Gertrude due mesi fa.

L’attività neurologica nel suo è stata evidenziata in un grafico. Il processore nel inviava segnali che indicavano attività neurologica quando Gertrude cercava cibo.

più sottili dei capelli
Il chip di quattro per quattro millimetri nel funziona utilizzando la tecnologia moonshot , un sistema di sezioni di microserver. Dal chip scorrono minuscole sonde con più di 3.000 , che sono posti nel e monitorano le attività di circa mille neuroni. Gli sono più sottili dello spessore dei capelli. Il dispositivo trasferisce i dati raccolti a un computer tramite un sistema wireless, dove gli scienziati li analizzano.

” È come un Fitbit (orologio intelligente) nella tua testa con piccoli fili “, ha spiegato il miliardario in un webcast . inizierà a testare l’ sugli esseri umani con Neuralink .

Lo scopo è consentire alle persone con problemi neurologici di controllare il proprio telefono o computer con i propri pensieri. In un’ulteriore fase di sviluppo, l’ potrebbe anche aiutare a migliorare la condizione dovuta a , morbo di o lesioni del midollo spinale, riferisce la BBC. ” Il dispositivo si adatta davvero bene al cranio. Può essere posizionato sotto i capelli, ma non è evidente ” , ha detto Musk.

I primi test sui suini
Molti si sono altrimenti chiesti perché il prodotto si sviluppa sui se è destinato all’uomo? “I sono abbastanza simili agli umani. Se vogliamo sviluppare qualcosa per gli umani, allora i sono una buona scelta “, ha spiegato Musk. ” Se il dispositivo è durato nel maiale per due mesi e funziona ancora, allora è un buon segno che è abbastanza resistente per gli esseri umani “.

La presentazione di Neuralink è avvenuta un anno dopo che Musk Witness ha presentato la sua idea. Nel luglio dello scorso anno, ha presentato uno schizzo in cui un chip di computer era collegato a fili molto sottili con inseriti nel cervello umano da un robot chirurgico. L’impianto può essere collegato in modalità wireless a una piccola unità di situata dietro l’orecchio che comunica con il computer.

L’ambizione a lungo termine del boss di Space X e Tesla, è di inviare un milione di persone su Marte, e di iniziare un periodo di ‘capacità sovrumana del pensiero’ per combattere l’, poiché quest’ultima potrebbe essere così potente da distruggere l’umanità.

Comments are closed, but trackbacks and pingbacks are open.