uomo ucciso dai servizi segreti Casa Bianca

Di fronte alla , lunedì, i hanno sparato a un uomo, costringendo il presidente degli Stati Uniti a lasciare una conferenza stampa per alcuni minuti. Il ferito è stato portato in ospedale dove sembra sia deceduto (voci contrastanti)

Pochi minuti dopo l’inizio della conferenza stampa, un membro dei si è avvicinato a Trump e gli ha sussurrato all’orecchio di andare con lui. Il presidente ha risposto con stupore, si è guardato intorno e se n’è andato.

Dopo una decina di minuti è tornato e ha ripreso la conferenza stampa. “Sei rimasto sorpreso, sono rimasto sorpreso e penso che questo sia stato piuttosto insolito”, ha detto. Ha elogiato il lavoro dei statunitensi e ha detto che non dubitava per un momento che sarebbe tornato alla stampa.

Ha anche spiegato che l’uomo coinvolto nell’incidente è stato portato in ospedale e che nessuno tranne lui è rimasto ferito.

A seguito dell’incidente, la è stata chiusa per più di un’ora e l’accesso è stato bloccato da dozzine di veicoli.

I hanno sparato al 51enne
Il portavoce dei Tom Sullivan in seguito ha spiegato che un uomo armato di 51 anni si è avvicinato a una guardia di sicurezza vicino alla , gli ha detto che era armato e gli è corso incontro. Così, ha tirato fuori qualcosa da sotto il vestito.

Un membro dei servizi segreti ha quindi sparato all’uomo e lo ha colpito al torso. L’uomo ha ricevuto i primi soccorsi dalla polizia sul luogo dell’incidente e poi è stato portato in ospedale, dove sarebbe morto. In ospedale è stata portata anche una guardia di sicurezza.

Sullivan ha inoltre spiegato che i servizi segreti avevano avviato un’indagine interna sulla condotta della guardia di sicurezza e ha anche informato la polizia di dell’incidente.

Comments are closed, but trackbacks and pingbacks are open.