Le ultime note di relativamente ai danni del raffrontati a quelli della recente pandemia:

Una crisi globale ha sconvolto il mondo. Sta causando un numero tragico di , facendo paura alla gente di uscire di casa e portando a difficoltà economiche che non si vedono in molte generazioni. I suoi effetti si stanno diffondendo in tutto il mondo.

Ovviamente, sto parlando di -19. Ma tra pochi decenni, la stessa descrizione si adatta a un’altra crisi globale: il . Per quanto terribile sia questa pandemia, i cambiamenti climatici potrebbero essere peggiori.

Mi rendo conto che in questo momento è difficile pensare a un problema come il . Quando si verifica un disastro, è nella natura umana preoccuparsi solo di soddisfare i nostri bisogni più immediati, specialmente quando il disastro è grave come il -19. Ma il fatto che le temperature notevolmente più alte sembrino lontane in futuro non le rende un problema minore e l’unico modo per evitare i peggiori risultati climatici possibili è accelerare i nostri sforzi ora. Anche se il mondo lavora per fermare il nuovo coronavirus e iniziare a riprendersi da esso, dobbiamo anche agire ora per evitare un disastro climatico costruendo e implementando innovazioni che ci consentiranno di eliminare le nostre emissioni di gas serra.

Potresti aver visto delle proiezioni secondo cui, poiché l’attività economica ha rallentato così tanto, il mondo emetterà meno gas serra quest’anno rispetto allo scorso anno. Sebbene queste proiezioni siano certamente vere, la loro importanza per la lotta al è stata sopravvalutata.

Gli analisti non sono d’accordo su quante emissioni diminuiranno quest’anno, ma l’Agenzia internazionale dell’energia pone una riduzione dell’8% circa . In termini reali, ciò significa che rilasceremo l’equivalente di circa 47 miliardi di tonnellate di carbonio, invece di 51 miliardi.

Questa è una riduzione significativa e saremmo in ottima forma se potessimo continuare quel tasso di diminuzione ogni anno. Purtroppo non possiamo.

Considera cosa ci vuole per ottenere questa riduzione dell’8%. Sono morte più di 600.000 persone e decine di milioni sono senza lavoro. Ad aprile, il traffico automobilistico è stato la metà di quello dell’aprile 2019. Per mesi il traffico aereo si è praticamente interrotto.

“Ciò che è notevole non è quante emissioni diminuiranno a causa della pandemia, ma quanto poco”.
Per usare un eufemismo, questa non è una situazione che chiunque vorrebbe continuare. Eppure siamo ancora sulla buona strada per emettere il 92 percento di carbonio in più rispetto allo scorso anno. Ciò che è notevole non è quante emissioni diminuiranno a causa della pandemia, ma quanto poco.

Inoltre, queste riduzioni vengono ottenute, letteralmente, al maggior costo possibile.

Per capire perché, diamo un’occhiata a quanto costa evitare una singola tonnellata di gas serra. Questa cifra – il costo per tonnellata di carbonio evitata – è uno strumento che gli economisti utilizzano per confrontare la spesa di diverse strategie di riduzione del carbonio. Ad esempio, se hai una tecnologia che costa $ 1 milione e utilizzarla ti consente di evitare il rilascio di 10.000 tonnellate di gas, stai pagando $ 100 per tonnellata di carbonio evitata. In realtà, $ 100 per tonnellata sarebbero ancora piuttosto costosi. Ma molti economisti pensano che questo prezzo rifletta il vero costo dei gas a effetto serra per la società, e sembra anche essere un numero tondo memorabile che costituisce un buon punto di riferimento per le discussioni.

Ora trattiamo l’arresto causato da -19 come se fosse una strategia di riduzione del carbonio. La chiusura di grandi parti dell’economia ha evitato le emissioni a quasi $ 100 per tonnellata?

No. Negli Stati Uniti, secondo i dati del Rhodium Group, si aggira tra i $ 3.200 e i $ 5.400 per tonnellata. Nell’Unione Europea, è più o meno la stessa quantità. In altre parole, l’arresto sta riducendo le emissioni a un costo compreso tra 32 e 54 volte i $ 100 per tonnellata che gli economisti considerano un prezzo ragionevole.

“Per capire il tipo di danno che il causerà, guarda -19 e diffondi il dolore per un periodo molto più lungo”.
Se vuoi capire il tipo di danno che i cambiamenti climatici causeranno, guarda -19 e diffondi il dolore per un periodo di tempo molto più lungo. La perdita di vite umane e la miseria economica causate da questa pandemia sono alla pari di ciò che accadrà regolarmente se non eliminiamo le emissioni di carbonio nel mondo.

Diamo prima uno sguardo alla perdita di vite umane. Quante persone saranno uccise da COVID-19 rispetto ai cambiamenti climatici? Poiché vogliamo confrontare eventi che accadono in momenti diversi nel tempo – la pandemia nel 2020 e il cambiamento climatico, diciamo, nel 2060 – e la popolazione globale cambierà in quel periodo, non possiamo confrontare il numero assoluto di . Useremo invece il tasso di mortalità: cioè il numero di ogni 100.000 persone.

A partire dalla scorsa settimana, più di 600.000 persone sono morte a causa di COVID-19 in tutto il mondo. Su base annualizzata, si tratta di un tasso di mortalità di 14 ogni 100.000 persone.

Come si confronta con il cambiamento climatico? Entro i prossimi 40 anni, si prevede che gli aumenti delle temperature globali aumenteranno i tassi di mortalità globale dello stesso importo, 14 per 100.000. Entro la fine del secolo, se la crescita delle emissioni rimane elevata, il cambiamento climatico potrebbe essere responsabile di 73 in più ogni 100.000 persone. In uno scenario di emissioni inferiori, il tasso di mortalità scende a 10 per 100.000.

In altre parole, entro il 2060, il cambiamento climatico potrebbe essere mortale quanto il COVID-19 e nel 2100 potrebbe essere cinque volte più mortale.

Anche il quadro economico è netto. La gamma dei probabili impatti del cambiamento climatico e del COVID-19 varia notevolmente, a seconda del modello economico utilizzato. Ma la conclusione è inequivocabile: nei prossimi dieci o due anni, il danno economico causato dal cambiamento climatico sarà probabilmente tanto grave quanto avere una pandemia di dimensioni COVID ogni dieci anni. Ed entro la fine del secolo, sarà molto peggio se il mondo rimarrà sul suo attuale percorso di emissioni.

(Se sei curioso, ecco i calcoli. Modelli recenti suggeriscono che il costo del cambiamento climatico nel 2030 sarà probabilmente circa l’1% del PIL americano all’anno. Nel frattempo, le stime attuali per il costo del COVID-19 per gli Stati Uniti quest’anno varia tra il 7% e il 10% del PIL. Se ipotizziamo che un’interruzione simile si verifichi una volta ogni dieci anni, si tratta di un costo medio annuo compreso tra lo 0,7% e l’1% del PIL, più o meno equivalente al danno del cambiamento climatico.)

“Se impariamo le lezioni di COVID-19, possiamo affrontare il cambiamento climatico in modo più informato sulle conseguenze dell’inazione”.
Il punto chiave non è che il cambiamento climatico sarà disastroso. Il punto chiave è che, se impariamo le lezioni di COVID-19, possiamo avvicinarci ai cambiamenti climatici più informati sulle conseguenze dell’inazione e più preparati a salvare vite umane e prevenire il peggior risultato possibile. L’attuale crisi globale può informare la nostra risposta a quella successiva.

In particolare, dovremmo:

Lascia che la scienza e l’innovazione guidino la strada. Il calo relativamente modesto delle emissioni di quest’anno chiarisce una cosa: non possiamo arrivare a zero emissioni semplicemente – o anche principalmente – volando e guidando di meno.
Ovviamente, tagliare è una buona cosa per coloro che possono permetterselo, come posso. E credo che molte persone useranno la teleconferenza per sostituire alcuni viaggi di lavoro anche dopo la fine della pandemia. Ma nel complesso, il mondo dovrebbe usare più energia, non meno, fintanto che è pulito.

Quindi, proprio come abbiamo bisogno di nuovi test, trattamenti e vaccini per il nuovo coronavirus, abbiamo bisogno di nuovi strumenti per combattere il cambiamento climatico : modi a zero emissioni di carbonio per produrre elettricità , fare cose , coltivare cibo , mantenere i nostri edifici freschi e caldi e spostare le persone e beni in tutto il mondo. E abbiamo bisogno di nuove sementi e altre innovazioni per aiutare le persone più povere del mondo, molte delle quali sono piccoli agricoltori, ad adattarsi a un meno prevedibile.

Qualsiasi risposta globale al cambiamento climatico dovrà attingere a molte discipline diverse. La scienza del ci dice perché dobbiamo affrontare questo problema, ma non come affrontarlo. Per questo, avremo bisogno di biologia, chimica, fisica, scienze politiche, economia, ingegneria e altre scienze.

Assicurati che le soluzioni funzionino anche per i paesi poveri. Non sappiamo ancora esattamente quale impatto avrà COVID-19 sulle persone più povere del mondo, ma sono preoccupato che quando tutto questo sarà finito, avranno avuto la peggio. Lo stesso vale per i cambiamenti climatici. Farà più male alle persone più povere del mondo.
Considera l’impatto del sui tassi di mortalità. Secondo un recente studio pubblicato da Climate Impact Lab, sebbene il cambiamento climatico aumenterà il tasso di mortalità globale a livello globale, la media complessiva oscurerà un’enorme disparità tra paesi ricchi e poveri. Più che altrove, i cambiamenti climatici aumenteranno drasticamente i tassi di mortalità nei paesi poveri vicino o sotto l’equatore, dove il diventerà ancora più caldo e imprevedibile.

Il modello economico sarà probabilmente simile: un modesto calo del PIL globale, ma massicci cali nei paesi più poveri e più caldi.

In altre parole, gli effetti del cambiamento climatico saranno quasi certamente più duri dei COVID-19, e saranno i peggiori per le persone che hanno fatto di meno per provocarli. I paesi che contribuiscono maggiormente a questo problema hanno la responsabilità di cercare di risolverlo.

Inoltre, le fonti pulite di energia devono essere abbastanza economiche da consentire ai paesi a basso e medio reddito di acquistarle. Queste nazioni stanno cercando di far crescere le loro economie costruendo fabbriche e call center; se questa crescita è alimentata dai combustibili fossili – che ora sono di gran lunga l’opzione più economica – sarà ancora più difficile arrivare a zero emissioni.

Quando esiste un vaccino per il coronavirus, organizzazioni come GAVI saranno pronte ad assicurarsi che raggiunga le persone più povere del mondo. Ma non esiste GAVI per l’energia pulita. Quindi i governi, gli inventori e gli imprenditori di tutto il mondo devono concentrarsi sul rendere le tecnologie verdi abbastanza economiche da non solo i paesi in via di sviluppo le vorranno, ma potranno permettersele.

Parti ora. A differenza del nuovo coronavirus, per il quale penso che avremo un vaccino il prossimo anno, non esiste una soluzione biennale per il cambiamento climatico. Ci vorranno decenni per sviluppare e implementare tutte le invenzioni di energia pulita di cui abbiamo bisogno.
Dobbiamo creare un piano per evitare un disastro climatico: per utilizzare gli strumenti a zero emissioni di carbonio che abbiamo ora, sviluppare e implementare le numerose innovazioni di cui abbiamo ancora bisogno e aiutare i più poveri ad adattarsi all’aumento della temperatura che è già bloccato. Trascorro la maggior parte del mio tempo in questi giorni su COVID-19, sto ancora investendo nella promessa di nuove tecnologie energetiche pulite, nella creazione di programmi che aiuteranno le innovazioni a scalare in tutto il mondo e nel sostenere che dobbiamo investire in soluzioni che limitino il peggiori impatti del cambiamento climatico.

Alcuni governi e investitori privati ​​stanno impegnando i finanziamenti e le politiche che ci aiuteranno a raggiungere le emissioni zero, ma abbiamo bisogno di ancora di più per partecipare. E dobbiamo agire con lo stesso senso di urgenza che abbiamo per COVID-19.

I sostenitori della salute hanno dichiarato per anni che una pandemia era praticamente inevitabile. Il mondo non ha fatto abbastanza per prepararsi e ora stiamo cercando di recuperare il tempo perduto. Questo è un ammonimento per il cambiamento climatico e ci indica un approccio migliore. Se iniziamo ora, attingiamo al potere della scienza e dell’innovazione e assicuriamo che le soluzioni funzionino per i più poveri, possiamo evitare di commettere lo stesso errore con il cambiamento climatico.

Comments are closed, but trackbacks and pingbacks are open.