Mentre i di antiche egiziane sono stati a lungo oggetto di curiosità, esistono solo pochissimi studi in merito. Molte domande sono rimaste senza risposta da quando sono stati scoperti dagli archeologi della città egiziana di Fayum alla fine del 1800.
Chi li ha dipinti? Quali pigmenti e substrati hanno usato gli artisti e dove sono stati acquistati questi materiali? I dipinti sono stati realizzati durante la vita del soggetto o dopo la morte?
Perché così tante statue egiziane hanno il naso rotto?
Nel 2003, la conservatrice Marie Svoboda si è impegnata a svelare questi misteri. Si era recentemente unita ai ranghi del Getty Museum di Los Angeles, e mentre la collezione dell’istituzione era ricca e tentacolare, un piccolo gruppo di 16 opere ha attirato la sua attenzione.
I volti dettagliati e con gli occhi spalancati in questi dipinti, noti come di , risalgono al 100-250 d.C. Ciascuno di essi era stato originariamente fissato su una mummia, avvolgendo il volto dei morti.

Ritratto di mummia Fayum. Credito: per gentile concessione del Royal Museum of Scotland tramite Wikimedia Commons

Svoboda sapeva che un esame di questi avrebbe rivelato importanti informazioni su un gruppo di opere d’arte considerate precursori della tradizione pittorica occidentale. Per quanto ne sanno gli studiosi, i di sono i primi dipinti che raffigurano soggetti realistici, altamente individualizzati e dimostrano una fusione di tradizioni funerarie e artistiche tra il mondo greco-romano e quello classico.
Svoboda sperava anche che le risposte alle molte domande aperte che circondavano le opere avrebbero scoperto aspetti della prima cultura egiziana, specialmente in relazione al commercio, alla struttura economica e sociale dell’impero, i cui dettagli sono ancora confusi.

Ma ci sono circa 1.000 di esistenti sparsi in tutto il mondo e per risposte accurate, Svoboda aveva bisogno di informazioni oltre a ciò che le 16 opere di Getty potevano fornire. Così Svoboda ha concepito un progetto di ricerca internazionale e multiistituzionale per raccogliere dati da un corpus più ampio di e iniziare a districare queste domande.

Ritratto di un uomo barbuto da un santuario, 100. Credito: J. Paul Getty Museum

Lo chiamò APPEAR, o dipinti antichi del pannello: esame, analisi e ricerca. Fin dalla sua istituzione ufficiale nel 2013, 41 istituzioni sono salite a bordo per riunire informazioni su circa 285 dipinti, quasi un terzo di tutti i di mummia conosciuti. Anche i misteri hanno iniziato a essere risolti, anche se molti altri sono stati scoperti.
Prima che Svoboda fondasse APPEAR, i ritratti di avevano affrontato una miriade di ostacoli alla borsa di studio. Quando gli scavi dei cimiteri egiziani e il successivo commercio di manufatti raggiunsero il massimo, alla fine del 1800, i ritratti venivano spesso strappati dalle che decoravano.
“Non si ottiene l’intero contesto”, ha spiegato Marsha Hill, curatrice di arte egizia al Metropolitan Museum of Art. “Stai giocando con un mazzo molto piccolo quando si tratta di ritratti reali abbinati a mummie reali.”

Quadro su pannello di una donna con un mantello blu, 54–68. Credito CE : The Metropolitan Museum of Art, New York

Inoltre, i dipinti della mummia esistevano nel limbo dello studio scientifico, cadendo da qualche parte tra le classificazioni dell’arte romana ed egiziana. Erano stati realizzati in un periodo di grande fusione culturale in , durante l’occupazione romana, e rappresentano sia le tradizioni funerarie egiziane (mummificazione) sia la fiorente sperimentazione dei romani con la ritrattistica e tecniche pittoriche come l’encausto – un metodo pittorico che comporta lo scioglimento cera d’api e poi aggiungendo pigmenti colorati ad esso.
“Quando sono entrati nelle collezioni nel 19 ° secolo, i ritratti di mummie erano visti più come curiosità perché nessuno sapeva davvero cosa farne”, ha detto Svoboda. “Non erano completamente egiziani e non erano del tutto classici – erano entrambi”.

i volti delle mummie egiziane

APPEAR sta affrontando queste sfide riunendo una serie di studiosi, curatori, scienziati e conservatori per ricercare un folto gruppo di ritratti di mummie (alcuni dei quali sono ancora attaccati alle loro mummie originali o frammenti di sudario).

Per aggregare e confrontare facilmente le informazioni su queste opere, le istituzioni partecipanti caricano i dettagli sulla dimensione, i materiali, le iscrizioni, i segni degli strumenti, la forma del pannello, i dettagli decorativi di ogni quadro in un unico database.
Il progetto è iniziato in un momento chiave dell’innovazione della conservazione, quando sono emerse nuove tecnologie che consentono analisi meno invasive. L’illuminazione a raggi ultravioletti, la riflettografia a infrarossi, la radiografia e altri metodi di imaging consentono ai conservatori di scansionare e caratterizzare i materiali senza dover estrarre campioni dai lavori delicati.
“Prima, dovevi prelevare un campione molto grande per identificare il pigmento o il legno, e con questi oggetti preziosi, non puoi davvero farlo; la maggior parte delle istituzioni non lo consente”, ha spiegato Svoboda. “Quindi questi sviluppi sono stati enormi nel far progredire la comprensione dei ritratti”.

Mummia Ritratto di un uomo, 100 – 125. Riconoscimento: J. Paul Getty Museum

Mentre i musei continuano a popolare il database APPEAR con nuove ricerche, Svoboda e i suoi collaboratori hanno iniziato a trarre conclusioni. Molti indicano la formalizzazione di laboratori artistici durante il I e ​​il III secolo d.C., quando furono creati la maggior parte dei ritratti di mummie. Ad esempio, la sapiente applicazione della tempera e della pittura encaustica – a volte entrambe su un singolo pannello – indica un trasferimento di tecnica da un artista all’altro in un ambiente di studio.
Alcuni studiosi ipotizzano anche che forme e dimensioni di pannelli variabili (alcune hanno angoli arrotondati, mentre altre sono diagonali; altre sono spesse, altre sottili) possono indicare i metodi di una particolare officina o regione.

Anche le somiglianze stilistiche tra i ritratti sono diventate più chiare man mano che i dati si uniscono. Svoboda è stato particolarmente entusiasta di scoprire che un ritratto di mummia conservato nel Norton Simon Museum, proprio di fronte alla città di Getty, ha una sorprendente somiglianza con uno nella collezione di quest’ultimo. Le somiglianze tra il “Ritratto di un uomo” di Norton Simon e il “Ritratto di mamma di un uomo barbuto” di Getty includono delicate pennellate usate per rendere i capelli ricci di ogni soggetto e come sono state modellate le pieghe delle vesti di ogni uomo.

“Ora, stiamo cercando di vedere se questo potrebbe essere stato dipinto dallo stesso artista, e se non dallo stesso artista, forse dallo stesso laboratorio”, ha detto Svoboda. “Stavamo ridendo di come sono stati dipinti 2000 anni fa in e finiscono in un altro paese a 30 miglia di distanza l’uno dall’altro. Quale storia possiamo raccontare al riguardo?”

Ritratto di un giovane con un taglio chirurgico in un occhio, 190–210 CE Credito: Metropolitan Museum of Art, New York

I test che esplorano la composizione materiale dei ritratti sono stati particolarmente fruttuosi nell’aiutare a identificare i processi degli artisti. Caroline Cartwright, un’anatomista del legno coinvolta in APPEAR, ha identificato che il 75% dei pannelli che ha studiato erano dipinti su legno di tiglio, che non era originario dell’.

Sembra che i pittori di mummie abbiano importato il materiale dal nord Europa. Un pigmento rosso fabbricato identificato nelle opere fu rintracciato nel sud della Spagna – un ulteriore cenno al commercio estremo dell’impero egiziano.
Allo stesso modo, l’uso pervasivo di indaco attraverso i dipinti indica potenzialmente che il pigmento blu scuro è stato prodotto in serie. Alcuni conservatori hanno anche notato piccole fibre incorporate nella tintura, il che suggerisce che sia stato riciclato dall’industria tessile egiziana.
Un confronto approfondito dei materiali utilizzati attraverso i ritratti ha anche portato alla luce dettagli sui loro soggetti e sulla struttura delle classi in . Sostanze come la foglia d’oro e l’encausto sarebbero state più costose e avrebbero richiesto artigiani di maggiore abilità, quindi sarebbero state probabilmente utilizzate per le raffigurazioni di ricchi cittadini, mentre per quelli con meno mezzi sarebbe stata usata una vernice a tempera più economica.

Ritratto di una giovane donna in rosso, 90-120 dC Credito: The Metropolitan Museum of Art, New York

“Solo avere un ritratto di mummia dipinto significava che eri di alto status sociale”, ha detto Svoboda. “Ma all’interno di questo, vediamo anche ritratti dipinti su legno locale o legno riciclato, o forse non sono anche dipinti o usano materiali di qualità inferiore. Quindi esiste uno spazio economico all’interno di quello status sociale.”

Anche Svoboda e il team di APPEAR stanno diventando più chiari su una domanda che li perseguita da tempo: i ritratti sono stati dipinti durante la vita dei soggetti o dopo la loro morte?
In gran parte, raffigurano i giovani; la maggior parte sembra avere vent’anni, trenta e quaranta anni. I loro grandi occhi esagerati suggeriscono uno sforzo degli artisti per catturare qualcuno molto vivo piuttosto che recentemente scomparso. Tuttavia, le scansioni CT utilizzate per studiare gli interni delle mummie rivelano che le età dei defunti corrispondono per lo più alle età dei ritratti corrispondenti.
Questi risultati “supportano anche il censimento di quel tempo, in cui descrivono che la maggior parte delle persone sono morte giovani”, ha spiegato Svoboda, “perché la durata della vita era in genere ridotta a causa di infezione o parto”.

Mummia Ritratto di una giovane donna, ca. 170-200. Credito: J. Paul Getty Museum

Mentre APPEAR ha iniziato a offrire risposte ad alcuni dei misteri che circondano i ritratti di mummie egiziane, l’organizzazione sta anche ponendo nuove domande.
Svoboda spera che quando raggiungeranno quello che lei definisce un “picco di dati”, il progetto APPEAR sarà in grado di risolvere incognite come se uomini e donne sono stati dipinti usando metodi diversi o alcuni tipi di pigmenti, o se parallelismi nei materiali e nelle tecniche attraverso vari ritratti può aiutare a identificare officine e artisti antichi.
Mentre il progetto inizia il suo sesto anno, sembra che ci sia ancora molto da scoprire. Come notò Svoboda, “più guardiamo, più vogliamo sapere”.

Comments are closed, but trackbacks and pingbacks are open.