Un dimenticato da tempo, acquistato molti anni fa per soli 50 euro, è andato all’ per oltre 9 milioni sabato scorso, dopo essere stato scoperto nella casa di campagna di una donna anziana.
Descritto da Sotheby’s come un “capolavoro perduto”, il raro manufatto del XVIII secolo trascorse gli ultimi 50 anni in una casa isolata nell’Europa centrale circondata da cani e gatti da compagnia del proprietario, secondo il banditore.
Il vaso molto insolito – in cui un disegno floreale blu e bianco è visibile attraverso il corpo a traliccio dell’oggetto – è stato realizzato appositamente per l’imperatore Qianlong, che governò la per più di 60 anni.

“È un miracolo che questo vaso straordinariamente fragile sia sopravvissuto a mezzo secolo in una casa circondata da innumerevoli animali domestici”, ha dichiarato il presidente dell’Asia di Sotheby, Nicolas Chow, in una nota stampa prima della vendita.

L’elemento “a doppia parete” è solo uno dei pochi progetti simili, che furono tentati solo sotto la guida del supervisore del forno imperiale Tang Ying negli anni 1742 e 1743. Descritto da Sotheby’s come un “tour-de-force tecnico, “il vaso a forma di pera è un esempio di uno stile di porcellana noto come” yangcai “o” colori stranieri “, che ha visto gli artigiani incorporare colorazioni e smalti in stile occidentale nella loro arte.

Sotheby’s attribuisce la scoperta al consulente d’arte con sede ad Amsterdam Johan Bosch van Rosenthal, che ha trovato il vaso in una casa di campagna. (Sotheby’s non ha specificato in quale paese europeo si trova la casa). Si ritiene che il proprietario, che ha circa 80 anni, abbia ereditato l’oggetto.
In un video pubblicato sul canale YouTube ufficiale della casa d’aste, Van Rosenthal ha ricordato di aver scoperto l’oggetto coperto di polvere dopo essere stato invitato dalla donna a valutare la sua collezione.
“Abbiamo raggiunto una stanza con una serie di opere d’arte cinesi ereditate molti anni fa”, ha detto. “I suoi quattro gatti si aggiravano liberamente tra questi. Indicò un … parzialmente dorato su una credenza – un oggetto prezioso che sapeva essere qualcosa di speciale e prezioso.”

Il vaso fu ispezionato dagli esperti di Sotheby che lo abbinarono a un oggetto dell’archivio della famiglia imperiale cinese. Precedentemente conservato nel Palazzo della Purezza Celeste, parte della Città Proibita di Pechino, l’oggetto fu un tempo elogiato dall’imperatore per il suo design.

I record di Sotheby hanno anche dimostrato che il vaso era passato attraverso la sua casa d’aste di Londra nel 1954, vendendo per soli £ 44 ($ 56), per un valore di circa $ 1.500 in denaro di oggi. La ricerca del banditore ha scoperto che è stato venduto di nuovo più tardi nello stesso anno per £ 80 ($ 101). L’oggetto è noto come Harry Garner Reticulated Vase, chiamato per il collezionista che lo possedeva prima dell’ del 1954.

L’oggetto raro è tra molti altri reperti cinesi riscoperti per attirare enormi somme all’ nell’ultimo decennio. Nel 2010, un altro vaso del regno dell’imperatore Qianlong fu venduto per 43 milioni di sterline (allora 68 milioni di dollari, che all’epoca si riteneva un record mondiale per un’opera d’arte cinese) dopo essere stato trovato in una casa di Londra durante un clearout. Nel 2018, un vaso del 18 ° secolo, trovato in una scatola da scarpe in un attico di una famiglia francese, è stato venduto per 16,2 milioni di euro (quindi circa 19 milioni di dollari).
C’erano un certo numero di altri pezzi d’antiquariato cinesi ad alto prezzo in vendita durante il fine settimana da Sotheby’s. Un tavolo e un divano letto della dinastia Ming sono stati venduti rispettivamente per 60 milioni e 49 milioni di dollari di (circa $ 8 milioni e $ 6 milioni), mentre un vaso di porcellana bianca e blu della stessa epoca è stato venduto per poco meno di 34 milioni di dollari di ($ 4,4 milioni).

Le vendite hanno contribuito a concludere la serie di vendite di primavera di di sette giorni di Sotheby, che era stata ritardata a causa del coronavirus. Sebbene la serie abbia generato circa il 15% in meno rispetto alle vendite di primavera dello scorso anno , la casa d’aste ha annunciato un incasso combinato di $ 3,22 miliardi di dollari di ($ 411 milioni).
Un dipinto nudo dell’artista francese-cinese Sanyu, “Quatre Nus”, è stata la più grande vendita della settimana, con oltre 258 milioni di dollari di ($ 33,3 milioni). I “30 girasoli” di David Hockney sono stati venduti nel frattempo per 114,8 milioni di HK $ (14,8 milioni di USD), la seconda somma più alta mai pagata per un’opera d’arte occidentale all’ in Asia.

Comments are closed, but trackbacks and pingbacks are open.