“Abbiamo avuto l’idea di utilizzare le informazioni genetiche della pelle su cui sono state scritte per studiare la possibile connessione tra frammenti diversi”

Almeno alcuni dei rotoli del non sarebbero stati fabbricati in loco ma sarebbero arrivati dalla comunità che ha accumulato la biblioteca nelle grotte di Qumran – lo ha rivelato un progetto che estrae e analizza il DNA dalle .
Per decenni, gli studiosi hanno discusso dell’origine della straordinaria collezione di centinaia di manoscritti raccolti nel cuore del deserto della Giudea. Lo sforzo di sette anni condotto su circa 35 frammenti ha aperto nuovi orizzonti in una possibile soluzione al mistero, così come molti altri enigmi, incluso il modo di mettere insieme frammenti che avrebbero potuto appartenere allo stesso rotolo.

L’idea del progetto è emersa per caso quando il Prof. Oded Rechavi, un genetista della George S. Wise Faculty of Life Sciences dell’Università di Tel Aviv, e il Prof. Noam Mizrahi del Dipartimento di Studi Biblici del TAU si sono seduti insieme a cena durante un ritiro per nuovi membri della facoltà e ho iniziato a discutere su come due campi distanti potessero lavorare insieme.
“Ci è venuta l’idea di utilizzare le informazioni genetiche della pelle su cui sono state scritte per studiare la possibile connessione tra frammenti diversi”, ha detto Rechavi a The Jerusalem Post .
Negli anni che hanno visto esplodere il campo del DNA antico, quella prima conversazione divenne una grande cooperazione internazionale che arrivò a coinvolgere la Israel Antiquities Authority, la Uppsala University in Svezia e la Weill Cornell Medicine a New York – e le cui scoperte furono pubblicate come storia di copertina della rivista Cell martedì.
La prima sfida che i ricercatori hanno dovuto affrontare è stata l’effettiva estrazione del DNA dai rotoli.
“Non è stato del tutto chiaro per noi che farlo è stato possibile: il processo di trasformazione della pelle in pergamena, nonché un invecchiamento di 2000 anni, danneggiano significativamente il DNA”, ha affermato Rechavi. “Inoltre, non potremmo semplicemente prendere un frammento e tagliarlo a pezzi.”

Come spiegato al Post di Pnina Shor, fondatrice dell’IAA Dead Sea Scrolls Unit, incaricata di preservare i manufatti, negli ultimi due decenni non era stato fatto alcun tentativo di estrarre il DNA dalla pergamena proprio per evitare la sua potenziale distruttività .
Tuttavia, questa volta il team ha ritenuto che il processo potesse essere eseguito, trovando il giusto equilibrio tra la protezione dei rotoli per i posteri e consentendo agli studiosi di aprire un nuovo e ricco campo di .
L’attività di campionamento dei manoscritti per fornire ai genetisti il ​​materiale da analizzare è stata affidata ai conservatori del team, i soli a cui è permesso toccarli.
“Dovevamo stare molto attenti, ma tra il primo frammento che abbiamo campionato e l’ultimo, ci siamo resi conto che potevamo anche raschiare il retro della pergamena e che ci avrebbe fornito abbastanza materiale da analizzare, quindi abbiamo fatto quello o abbiamo tagliato un minuto pezzo di pergamena “, spiegò Shor.
Un’altra sfida era rappresentata dal fatto che nel corso dei secoli i rotoli erano stati contaminati da diversi animali, batteri e umani che li maneggiavano nell’ e negli ultimi anni.
“Abbiamo dovuto filtrare tutti quei residui utilizzando strumenti e algoritmi computazionali”, ha spiegato Rechavi.
Tuttavia, una volta superate le principali sfide, i risultati dell’analisi della quantità molto limitata di , scelti per la loro importanza rispetto alle questioni che gli studiosi avevano affrontato per decenni, si sono rivelati straordinari.
Quasi tutti i frammenti analizzati si sono rivelati fatti di pelli di pecora, una specie compatibile con l’ambiente desertico, eppure la pergamena di due frammenti è stata identificata come pelle di mucca, che rappresentava uno dei risultati più cruciali del progetto.
“L’allevamento del bestiame in linea di principio non è possibile nel deserto, poiché le mucche richiedono molta erba e acqua, quindi molto probabilmente quelle non sono state prodotte localmente ma portate da fuori”, ha detto lo studioso della Bibbia Mizrahi. “Questo è molto importante perché c’è un dibattito di lunga data tra gli studiosi sulla provenienza dei Rotoli del e su quali potrebbero riflettere il mondo molto peculiare della setta ebraica estremista che probabilmente risiedeva a Qumran e quali furono portati dall’esterno e potenzialmente riflette la più ampia società ebraica del periodo ”.
Inoltre, uno dei due frammenti scritti su pelle di mucca, con alcuni testi tratti dal libro biblico di Geremia, era stato precedentemente creduto da molti esperti come parte dello stesso rotolo di altri due frammenti dello stesso libro. Tuttavia, la ricerca ha dimostrato che ciò non era possibile, poiché la pergamena era diversa.
I ricercatori non si sono fermati alle specie animali: sono stati in grado di accertare più che se fossero stati fatti due frammenti di pergamena fabbricati dallo stesso animale o da animali geneticamente correlati.
“Questo ci ha permesso di raggruppare alcuni pezzi di scorrimento e di separarne altri”, ha detto Rechavi.
“Ora possiamo confrontare questa classificazione con altre proposte in passato sulla base di prove filologiche”, ha aggiunto Mizrahi.
Tra i frammenti analizzati c’era una pergamena a Masada con il Sacrificio della canzone del sabato, considerato molto legato alla comunità di Qumran. Il manufatto confermò uno dei pilastri della teoria secondo cui i rifugiati di Qumran si recarono a Masada dopo la sua distruzione da parte dei Romani nel 68 EV. Tuttavia, quella pergamena è stata creata usando la pelle di una pecora che sembra geneticamente estranea a quelle utilizzate per le copie di Qumran esaminate, suggerendo che il rotolo non era originariamente da lì.
“Un altro aspetto è che se il testo in Masada non proveniva da Qumran, probabilmente veniva portato lì da altrove, quindi la canzone era conosciuta al di là di Qumran nella società ebraica del Secondo Tempio”, ha detto Mizrahi. “Questo potrebbe rappresentare l’anello mancante tra questo testo e le tradizioni mistiche successive con alcune somiglianze. Potremmo avere qui una delle radici del misticismo occidentale. ”
IN ALTRE aree, l’analisi del DNA ha supportato le teorie proposte in passato.
Ha confermato che la maggior parte dei frammenti classificati sotto la cosiddetta “Pratica Scribale Qumran”, una classificazione filologica per distinguere tra manoscritti considerati specifici per la comunità Qumran da manoscritti ebraici generali, sono stati scritti sulla pelle di pecore geneticamente correlate.
In futuro, il team mira ad analizzare più frammenti, ma anche a comprendere meglio la genetica delle specie utilizzate per produrre la pergamena nell’antico Israele, ad esempio estraendo dalle ossa animali contemporanee.
“Con il passare del tempo abbiamo compreso meglio le sfide, comprese quelle computazionali”, ha spiegato Rechavi. “Speriamo di procedere più velocemente ora.”
Con circa 25.000 frammenti ancora in attesa, molti enigmi devono ancora essere risolti, incluso il più grande di tutti: chi ha scritto e assemblato quei manoscritti unici, che 2000 anni dopo hanno offerto al mondo il più raro assaggio nell’antico mondo ebraico prima dell’esilio?

Comments are closed, but trackbacks and pingbacks are open.