Gli astronomi hanno confermato l’esistenza di Proxima b, un esopianeta di dimensioni terrestri in orbita attorno alla stella più vicina al nostro sole.

Il Planet Searcher (HARPS) ad alta precisione dell’European Southern Observatory ha rilevato il pianeta nel 2016 .
Il Very Large Telescope con sede in Cile ha un nuovo e più potente spettrografo chiamato ESPRESSO, quindi gli astronomi hanno deciso di usarlo per misurazioni più precise del pianeta. Sta per Echelle SPectrograph per esopianeti rocciosi e osservazioni spettroscopiche stabili.
In effetti, ESPRESSO ha un’accuratezza superiore di tre volte alla precisione di HARPS, che è essenzialmente lo stesso strumento, solo di una generazione precedente.
“Siamo già molto soddisfatti delle prestazioni di HARPS, che è stato responsabile della scoperta di centinaia di esopianeti negli ultimi 17 anni”, ha dichiarato Francesco Pepe, autore dello studio e professore dell’Università di Ginevra nel dipartimento di astronomia, in una nota.
“Siamo davvero contenti che ESPRESSO sia in grado di produrre misurazioni ancora migliori, ed è gratificante e premiante per il lavoro di squadra della durata di quasi 10 anni.”

I ricercatori hanno determinato che Proxima b è 1,17 volte la massa della Terra e completa un’orbita attorno alla sua stella, Proxima Centauri, ogni 11,2 giorni terrestri. La stella, Proxima Centauri, è a 4,2 anni luce dal nostro sole. In precedenza, gli scienziati che utilizzavano le misurazioni HARPS avevano affermato che si trattava di 1,3 masse terrestri.

“Proxima b è un “ragazzo” molto speciale tra tutti gli esopianeti conosciuti: l’esopianeta più vicino che ci sarà mai, di dimensioni terrestri e all’interno della zona abitabile”, ha detto Christophe Lovis, coautore autore e ricercatore nel dipartimento di astronomia dell’Università di Ginevra .
“Nonostante la chiara rilevazione raggiunta da HARPS nel 2016, è stato necessario avere una conferma indipendente dal nuovo e molto più potente ESPRESSO, per sollevare eventuali dubbi rimanenti che avrebbero potuto esserci.
I risultati dello studio sono stati pubblicati la scorsa settimana sulla rivista Astronomy & Astrophysics.

Proxima b è 20 volte più vicino alla sua stella rispetto alla Terra rispetto al sole. Proxima Centauri è una stella nana rossa a bassa massa, il che significa che anche se il pianeta è vicino alla stella, riceve energia simile a quella che la Terra fa dal sole.
“Trovare pianeti attorno a queste [stelle] è sempre stato difficile perché sono deboli ed emettono la maggior parte della loro luce nelle gamme spettrali rosse e infrarosse”, ha detto Lovis. “ESPRESSO apre nuove possibilità per trovare molti altri piccoli mondi attorno alle stelle molto vicine al Sole.”

Proxima b si trova all’interno della zona abitabile della sua stella, il che significa che l’acqua liquida e il suggerimento della vita possono essere possibili sulla superficie del pianeta.
Tuttavia, Proxima Centauri è una stella attiva che sferza il pianeta con i raggi X – 400 volte più di quanto la Terra riceva dal sole. Ciò potrebbe influire sulle possibilità per l’acqua e la vita sul pianeta.
Lovis sta lavorando a un nuovo strumento chiamato RISTRETTO che verrà installato sul Very Large Telescope in Cile. È progettato per rilevare direttamente la luce emessa dal pianeta, che consentirà ai ricercatori di caratterizzare l’atmosfera del pianeta e la sua composizione superficiale.
“L’obiettivo finale è quello di cercare molecole nell’amosfera che potrebbero suggerire la presenza della vita, come ossigeno e vapore acqueo”, ha detto Lovis. “A lungo termine, stiamo anche costruendo uno spettrografo chiamato HIRES per il telescopio europeo estremamente grande il cui obiettivo principale sarà lo studio di Proxima b e di esopianeti simili nella zona abitabile”.

Più pianeti nel sistema?
Anche i dati di ESPRESSO hanno rivelato un secondo segnale, anche se i ricercatori non sono stati in grado di rilevare definitivamente cosa lo abbia causato.
Il segnale “potrebbe essere causato da un pianeta solo il 30% della massa della Terra, che prima non era completamente rilevabile”, ha detto Lovis. Questo lo renderebbe il pianeta più piccolo mai misurato usando il metodo della velocità radiale.

Questo è separato dall’ennesimo pianeta che potrebbe essere nel sistema.
All’inizio di quest’anno, uno studio separato ha annunciato che i ricercatori hanno utilizzato il metodo della velocità radiale per tracciare un segnale probabilmente appartenente a una super-Terra in orbita anche attorno a Proxima Centauri. Il potenziale pianeta è stato soprannominato Proxima C . Completa un’orbita della stella ogni 1.907 giorni terrestri a una distanza di 1,5 UA o 1,5 volte la distanza dalla Terra al sole.
Quindi esiste il potenziale per tre pianeti in questo sistema, rendendolo ancora più intrigante.
Martedì, Fritz Benedict, ricercatore emerito senior presso l’Osservatorio McDonald presso l’Università del Texas ad Austin, ha presentato di aver usato una combinazione di dati per confermare l’esistenza di Proxima C. La presentazione è stata fatta durante il 236th Meeting of the American Società astronomica, che si svolge praticamente questa settimana durante la pandemia.
Benedict ha scannerizzato i dati raccolti 25 anni fa usando il telescopio spaziale Hubble mentre studiava Proxima Centauri e ha trovato un pianeta con un periodo orbitale di 1.907 giorni. All’epoca in cui prese i dati, Benedict e i suoi colleghi ricercatori stavano solo cercando pianeti con 1.000 orbite di giorno terrestre o meno.
Benedict ha affermato che il pianeta è sette volte più grande della Terra, dopo aver combinato i suoi dati con lo studio pubblicato all’inizio di quest’anno e le immagini scattate dai ricercatori utilizzando lo strumento SPHERE sul Very Large Telescope.
“Fondamentalmente, questa è una storia di come i vecchi dati possano essere molto utili quando si ottengono nuove informazioni”, ha detto Benedict. “È anche una storia di quanto sia difficile ritirarsi se sei un astronomo, perché è una cosa divertente da fare!”

DATABASE SITI WEB GRATUITO - inserisci il tuo sito web « QUI »


Comments are closed, but trackbacks and pingbacks are open.