In questa fattoria nel Kenya centrale, le persone sbattono gli utensili da cucina mentre cercano di scongiurare un’infestazione di locuste del deserto, uno dei tanti sciami che si fanno strada attraverso l’Africa orientale. Miliardi di insetti hanno devastato alberi, colture e pascoli freschi in Kenya, Etiopia e Somalia da dicembre. I loro voraci appetiti rappresentano una delle maggiori minacce alla sicurezza alimentare per la regione da decenni. Ora, una nuova generazione di locuste è a poche settimane dal trasformarsi in adolescenti affamati all’inizio della stagione del raccolto – potenzialmente devastando i mezzi di sussistenza di circa 20 milioni di persone che sono già insicure dal punto di vista alimentare nella regione, secondo la Food and Agriculture Organization (FAO), il corpo alimentare globale delle Nazioni Unite. Negli ultimi mesi, la pandemia di coronavirus ha influenzato gli sforzi per combattere gli sciami di locuste, con voli a terra e confini chiusi. Ha inoltre rallentato la consegna di attrezzature importanti, ostacolando gli sforzi degli esperti internazionali che cercano di unirsi alla lotta contro i parassiti migratori.

Se non contenute, le agenzie hanno avvertito che i numeri delle locuste si moltiplicheranno fino a 400 volte a giugno, e il loro numero crescente potrebbe trasformare l’infestazione in una piaga entro la fine dell’anno. La locusta del deserto è considerata la più pericolosa tra tutte le specie di parassiti migratori a causa della sua capacità di riprodurre rapidamente e devastanti raccolti.

Gli adulti possono crescere all’incirca delle dimensioni dell’indice di un essere umano. Le locuste femmine possono deporre più di 150 uova in un singolo “baccello”. Dopo circa due settimane, le uova si schiudono in giovani locuste solitarie chiamate “tramogge”.

Le tramogge crescono per circa un mese prima di diventare adulti volanti che depongono le uova. Questi giovani adulti solitari sono verdi e marroni, per adattarsi all’ambiente circostante. Quando il cibo è abbondante, le locuste del deserto si moltiplicano ed entrano in quello che è noto come il “palcoscenico gregario”. All’inizio di questa fase, cambiano colore in rosa. Man mano che crescono e diventano più densi, cambiano anche comportamento per agire come un gruppo e uno sciame. Gli sciami possono contenere fino a 80 milioni di locuste per chilometro quadrato e migrano su grandi distanze. A questo punto le locuste sono completamente mature e infine cambiano colore in giallo. Questo ciclo genetico, dall’uovo alla locusta gregaria matura dura circa tre mesi e può portare ad un aumento di 20 volte del numero. Questo può quindi aumentare a 400 volte dopo sei mesi e 8.000 dopo nove mesi.

Una locusta matura in uno sciame può mangiare il suo peso nella vegetazione. Per fare un confronto, uno sciame delle dimensioni di Parigi può mangiare tanto cibo quanto la metà dell’intera popolazione della Francia mangia in un giorno. Le locuste affamate hanno ridotto i pascoli e le terre coltivate in stoppie in alcune parti dell’Africa orientale, dove milioni di persone si affidano all’agricoltura e alla terra pastorale per sopravvivere.

Almeno 40 milioni di persone nei paesi colpiti dalle locuste affrontano una grave insicurezza alimentare nel 2020. In Kenya, almeno 173.000 acri di terra sono stati infestati a gennaio, rendendolo il peggior evento di locusta del Paese in 70 anni. Il funzionario di previsione delle locuste della FAO, Keith Cressman, ha detto che uno sciame lungo 37 miglia e largo 24 miglia è stato avvistato nel nord del Kenya quel mese. Le locuste del deserto sono i parassiti migratori più antichi del mondo. Tuttavia, gli eventi meteorologici estremi legati al cambiamento climatico hanno contribuito a creare il flagello senza precedenti negli ultimi tempi, secondo le Nazioni Unite.

Frequenti piogge intense scaricate nella penisola arabica, a causa di un aumento del numero di cicloni dal 2018, hanno creato un ambiente di riproduzione perfetto per le locuste. Tre generazioni di locuste prosperarono nella penisola, incontrollate e non individuate, secondo la FAO. Alcuni si trasferirono ad est in Pakistan. Un gran numero di sciami ha iniziato a prosperare nello Yemen, dove la guerra ha ostacolato la risposta. Tra giugno e dicembre 2019, le locuste hanno attraversato il Golfo di Aden e si sono riversate in Somalia ed Etiopia – dove si sono verificati più allevamenti e si sono formati ancora più sciami. Da ottobre a dicembre di quell’anno, sciami dell’Etiopia orientale e della Somalia settentrionale sono entrati a Gibuti e in Kenya. Quest’anno, gli sciami hanno continuato a diffondersi e riprodursi in tutta l’Africa orientale. Sono stati visti in Uganda, Tanzania e Sud Sudan, una delle economie più insicure e fragili in Africa. La FAO teme che gli sciami possano viaggiare fino all’Africa occidentale in estate.

Se l’epidemia di locuste non è contenuta, entro la fine di quest’anno i danni e le perdite stimate potrebbero raggiungere gli 8,5 miliardi di dollari, ha affermato la Banca mondiale. L’Etiopia dovrebbe essere il peggior colpo.

La stagione delle piogge in Africa orientale, a partire da marzo, ha creato le condizioni ideali per la riproduzione. Scienziati finanziati dalla NASA hanno collaborato con le Nazioni Unite per aiutare a individuare questi terreni fertili sabbiosi e umidi. L’allevamento è iniziato a maggio e le autorità che combattono l’epidemia hanno ora un tempo limitato per controllare il loro numero. Le uova impiegano circa due settimane per schiudersi e le giovani locuste senza ali sono più facili da colpire di uno sciame volante. Se non controllati, si prevede che un numero maggiore di locuste si dispiegherà nell’aria a giugno e luglio. Una volta che le locuste prendono il volo, l’irrorazione aerea mirata è l’arma più efficace. Un singolo aereo a spruzzo può uccidere da due a tre sciami al giorno, secondo la FAO. Il Kenya ha cinque aerei a spruzzo, che potrebbero potenzialmente uccidere fino a 18 sciami al giorno.

Non solo è una grande sfida logistica combattere un’infestazione su un’area così vasta, ma le catene di approvvigionamento sono state ostacolate da confini e porti chiusi nella lotta contro il coronavirus. Ciò ha ritardato alcuni ordini di pesticidi, secondo la FAO. Nel frattempo, i finanziamenti internazionali e regionali per contribuire a garantire la lotta contro gli sciami sono rallentati da metà marzo, ha dichiarato la FAO.

Senza ulteriori finanziamenti e forniture, l’epidemia potrebbe portare a un disastro per milioni di comunità rurali e pastorali nell’Africa orientale, continuando a vacillare per le gravi carenze alimentari causate dalla siccità e da altri eventi meteorologici estremi nel 2019. Il coronavirus sta intensificando la loro situazione. Ad aprile le Nazioni Unite hanno avvertito che molteplici carestie di “proporzioni bibliche” potrebbero impadronirsi del mondo a causa della pandemia. Le agenzie di aiuto avvertono che l’epidemia di coronavirus può portare a un aumento dei prezzi dei prodotti alimentari, aggravando una situazione già fragile nell’Africa orientale dove 27 milioni di persone fanno affidamento sull’assistenza alimentare per la sussistenza quotidiana.

DATABASE SITI WEB GRATUITO - inserisci il tuo sito web « QUI »


Comments are closed, but trackbacks and pingbacks are open.