La struttura fu sigillata più tardi nel periodo bizantino sotto i piani di un grande edificio circa 1.400 anni fa e rimase intatta per secoli

Duemila anni fa, i residenti di Gerusalemme immagazzinavano cibo e acqua, cucinavano, forse vivevano persino in una struttura sotterranea unica a più stanze a soli 30 metri dal tempio sacro.

Questa nuova scoperta è stata svelata dalla Israel Antiquities Authority (IAA) e dalla Western Wall Heritage Foundation martedì prima della Giornata di Gerusalemme .

Scendendo nelle camere sotterranee dal Western Wall Plaza – abbagliante di luce e ancora sotto i regolamenti del coronavirus e un’ondata di caldo – non è altro che un viaggio indietro nel tempo prima che Gerusalemme fosse distrutta dai Romani, quando la città era ancora piena di ebrei vita e rituali.

“All’epoca del Secondo Tempio, 2000 anni fa, questa era un’area pubblica, il centro civico dell’antica Gerusalemme”, il dott. Barak Monnickendam-Givon, condirettore dello scavo per conto dell’IAA insieme a Tehila Sadiel, ha detto a The Jerusalem Post. “Pensiamo che la strada pubblica sia passata a pochi metri da qui, e siamo in piedi accanto a quello che noi archeologi chiamiamo il” grande ponte “che collegava la città alta al Tempio stesso.”

Il complesso dispone di due sale collegate da una scala e un cortile aperto. L’ingresso presenta chiari segni della presenza di cerniere e bulloni delle porte, mentre le pareti offrono diverse nicchie per lampade a olio e mensole intagliate.

La struttura è stata scoperta sotto il pavimento a mosaico bianco di un monumentale edificio bizantino di circa 1.400 anni fa.
Il grande spazio vuoto in cui si trovano sia l’edificio che le camere più antiche ha pareti erette nelle tipiche pietre di Gerusalemme di diverse dimensioni, annerite dai secoli, pezzi di colonne romane e pavimenti costruiti in una varietà di materiali e su diversi livelli. Gli scavi sono in corso.

In un angolo, un conservatore IAA stava lavorando per preservare il mosaico bizantino, mentre a pochi metri di distanza due archeologi stavano setacciando un po ‘di terra per assicurarsi che non contenesse altri manufatti o frammenti.

Recipienti di cottura in argilla, lampade ad olio e contenitori in pietra, utili per conservare l’acqua e ridurre al minimo il rischio di darle impurità rituale secondo Halacha, sono tra gli oggetti recuperati dai ricercatori finora, consentendo loro di valutare che la struttura scolpita era in uso in il I secolo d.C. Quanto prima è stato effettivamente costruito rimane un mistero, uno dei tanti che verranno affrontati man mano che gli studi procedono.

Diverse caratteristiche rendono unica la scoperta, ha detto Monnickendam-Givon, aggiungendo che pochissime strutture di quel periodo sopravvivono in città.

“Dopo l’assedio e la distruzione dei romani nell’anno 70 EV, Gerusalemme fu bruciata e devastata e tutto il popolo ebraico fu esiliato”, ha detto. “Alcuni decenni dopo, i romani hanno iniziato a ricostruirlo da zero.”

Inoltre, di solito in quel periodo le strutture erano costruite in pietra, mentre coloro che scavavano le stanze sotterranee scelsero di scavarle nel duro substrato roccioso, il che richiedeva un notevole sforzo.

“Oltre alle sepolture, raramente abbiamo trovato stanze complete scavate nella roccia di quell’epoca”, ha detto. “Molte persone nell’antica Gerusalemme vivevano in case costruite in pietra. Qual era la funzione di questo sistema scavato appena sotto il livello della strada? Era una casa, un magazzino? Qualcos’altro?”

Penetrare i segreti del sito richiederà altri 20 o 30 anni di scavi, ha detto Monnickendam-Givon. Uno degli obiettivi è quello di collegarlo con l’area in cui passava la strada principale.

Anche lo scopo dell’edificio bizantino il cui pavimento ha protetto le antiche stanze per così tanti secoli è ancora avvolto nel mistero.

“Non sappiamo se fosse un edificio religioso o civile”, ha detto l’archeologo Michael Chernin della Posta. “Sappiamo che è crollato durante un terremoto all’inizio dell’XI secolo.”

L’area fu abbandonata nel periodo crociato e fu nuovamente insediata nel periodo mamelucco (13 ° -16 ° secolo), ha detto.
I ricercatori hanno scoperto manufatti di questi tempi diversi, tra cui strumenti per ossa, vasi di argilla, un filtro e un portacandele.
“Vogliamo capire la funzione di queste strutture, nonché la loro connessione con la topografia della Gerusalemme romana e bizantina”, ha detto Chernin. “È possibile che emergano anche più stanze sotterranee.”

Il direttore della Western Wall Heritage Foundation Mordechai “Suli” Eliav ha dichiarato in un comunicato stampa: “Sono entusiasta, alla vigilia della Giornata di Gerusalemme, di rivelare alla nazione ebraica un nuovo tesoro di scoperte impressionanti e affascinanti che hanno fatto luce sulla vita a Gerusalemme durante le generazioni in generale e alla vigilia della distruzione in particolare.

“Questa scoperta incarna il profondo legame degli ebrei con Gerusalemme, la loro capitale. Anche quando c’erano limiti fisici, la preghiera ai piedi del resto del nostro Tempio non è mai cessata, e questa è una prova tangibile di ciò ”.

DATABASE SITI WEB GRATUITO - inserisci il tuo sito web « QUI »


Comments are closed, but trackbacks and pingbacks are open.