Gli astronomi hanno individuato un’enorme a disco, non diversa dalla nostra, che si è formata 12,5 miliardi di anni fa quando il nostro universo di 13,8 miliardi di anni era solo un decimo della sua era attuale. Ma secondo ciò che gli scienziati sanno sulla formazione della , questo non ha nulla a che fare con l’universo distante.

Questa è una sfida per il modo in cui gli astronomi pensano alla formazione di galassie nell’universo primordiale.
È noto come Galaxy DLA0817g, ma gli astronomi lo hanno soprannominato Disco di Wolfe dopo il defunto astronomo Arthur M. Wolfe, ex consigliere di dottorato di tre dei quattro autori dello studio. Rappresenta la a disco rotante più distante che abbiano mai osservato, grazie alla matrice di telescopi Atacama Large Millimeter / submillimeter in Cile nota come ALMA.

Secondo le loro osservazioni, il disco della ha una massa di 70 miliardi di volte quella del nostro sole. Inoltre ruota a 170 miglia al secondo, che è simile alla nostra della Via Lattea. Ma le galassie con dischi stabili e ben formati, come la Via Lattea, si formarono gradualmente e apparvero più tardi nella linea temporale dell’universo, con alcune datate a 6 miliardi di anni dopo il Big Bang.
Nei primi giorni dopo il Big Bang, l’universo era in gran parte un’ardesia vuota. Alla fine, questo è stato seguito dalla formazione di galassie che era piuttosto disordinata. Piccole galassie si sono fuse e si sono schiantate insieme a blocchi di gas caldi.

“La maggior parte delle galassie che troviamo nelle prime fasi dell’universo sembrano disastri ferroviari perché sono state oggetto di una fusione coerente e spesso” violenta “”, ha dichiarato Marcel Neeleman, autore principale dello studio e ricercatore post-dottorato presso l’Istituto Max Planck di di Heidelberg, in Germania, in un dichiarazione. “Queste fusioni a caldo rendono difficile formare dischi ben ordinati, rotanti a freddo, come osserviamo nel nostro universo attuale.”

Lo studio ha pubblicato questa settimana sulla rivista Nature .
Come è apparsa una a disco rotante ben formata durante questo periodo turbolento? Questa si è formata e cresciuta, i ricercatori hanno concluso, in un modo diverso, noto come accrescimento in modalità fredda.
Gran parte di ciò che gli astronomi sanno sulla formazione della si basa sulla gerarchia. All’inizio, le strutture a forma di aureola della materia oscura, un grande componente invisibile dell’universo noto per il suo effetto sulla materia circostante, assorbivano il gas. Le fusioni crearono qualcosa di più grande dove era possibile la formazione stellare e alla fine nacque una .
Il gas aspirato dagli aloni della materia oscura veniva riscaldato dalle collisioni e una volta raffreddato formava un disco, che poteva avvenire per miliardi di anni.

Ma nello scenario freddo, un gas molto più freddo viene aspirato in una nuova galassia e consente una formazione più rapida di un disco.
“Pensiamo che il Wolfe Disk sia cresciuto principalmente attraverso la costante crescita di gas freddo”, ha dichiarato J. Xavier Prochaska, coautore autore e professore di e astrofisica dell’Università della California, Santa Cruz, in una nota. “Tuttavia, rimane una delle domande su come assemblare una massa di gas così grande mantenendo un disco rotante relativamente stabile.”
I ricercatori hanno anche usato i dati del telescopio spaziale Hubble e della serie molto grande di antenne radio Karl G. Jansky della National Science Foundation nel New Mexico per capire che tipo di formazione stellare si stava verificando nella galassia.
“Il tasso di formazione stellare nel disco di Wolfe è almeno 10 volte superiore a quello della nostra galassia”, ha spiegato Prochaska. “Deve essere una delle galassie su disco più produttive nell’universo primordiale.”

Neeleman e i suoi colleghi hanno scoperto per la prima volta il Disco Wolfe usando ALMA nel 2017 quando la luce di un quasar è passata attraverso il gas idrogeno intorno alla galassia e lo ha rivelato. Un quasar, che assomiglia un po ‘a una stella attraverso un telescopio, è in realtà un oggetto remoto che emette una grande quantità di energia probabilmente alimentata dalla materia che cade su un buco nero al centro di una galassia. La luce li ha aiutati a identificare questa galassia normale, piuttosto che la luce diretta emessa da galassie estremamente luminose.
Altrimenti, le galassie distanti sono difficili da osservare perché sono così deboli. Ma questo “assorbimento” del metodo della luce usando i quasar può verificarsi quando i telescopi, la galassia e il quasar sono in allineamento, il che è raro – a meno che galassie come questa non fossero più comuni nell’universo primordiale.

“Il fatto che abbiamo trovato il Wolfe Disk usando questo metodo, ci dice che appartiene alla normale popolazione di galassie presenti nei primi tempi”, ha detto Neeleman. “Quando le nostre più recenti osservazioni con ALMA hanno mostrato sorprendentemente che sta ruotando, ci siamo resi conto che le galassie a dischi rotanti precoci non sono così rare come pensavamo e che dovrebbero essercene molte di più là fuori. Grazie ad ALMA, ora abbiamo prove inequivocabili che si verificano già 1,5 miliardi di anni dopo il Big Bang “.
Sono necessarie ricerche e osservazioni future per capire quanto fosse comune questo freddo metodo di formazione della galassia nell’universo primordiale.

Comments are closed, but trackbacks and pingbacks are open.