Milioni di persone in India e in Bangladesh stanno affrontando i preparativi per un super ciclone che dovrebbe arrivare in meno di 36 ore, portando venti dannosi e forti piogge in una regione già alle prese con la pandemia di coronavirus.

Il Super Cyclone Amphan è diventato la tempesta più forte mai registrata nel Golfo del Bengala lunedì notte, dopo essersi intensificato con velocità del vento sostenute fino a 270 chilometri all’ora (165 miglia all’ora), secondo i dati del Joint Typhoon Warning Center degli Stati Uniti.
Da allora Amphan si è leggermente indebolito, ma la tempesta è ancora l’equivalente di un forte uragano atlantico di categoria 4, o di un super tifone nel Pacifico occidentale, con velocità del vento fino a 240 chilometri all’ora (150 mph).
Il Golfo del Bengala, nella parte nord-orientale dell’Oceano Indiano, è posizionato tra l’India a ovest e nord-ovest, il Bangladesh a nord e il Myanmar ad est.

Amphan è solo il secondo super ciclone a colpire il Golfo del Bengala da quando sono iniziati i record. Durante l’ultimo super ciclone nel 1999, furono colpiti quasi 15.000 villaggi e quasi 10.000 persone furono uccise.
Il super ciclone dovrebbe sbarcare sul confine con l’India in Bangladesh mercoledì sera, vicino alla città indiana di Calcutta, che ospita oltre 14 milioni di persone

Evacuazioni di massa previste
Funzionari indiani hanno affermato che fino a 300.000 persone nelle zone costiere del Bengala Occidentale e di Odisha sono immediatamente in pericolo a causa della tempesta e potrebbero dover essere evacuate.
Satya Narayan Pradhan, direttore generale della National Disaster Relief Force (NDRS), ha dichiarato che nello stato del Bengala Occidentale vi è normalmente spazio nei rifugi per cicloni per 500.000 persone, ma a causa delle regole di distanza sociale dovute all’epidemia di coronavirus, tale numero era stato ridotto di più della metà a soli 200.000.
Alcuni autobus sono stati sistemati, ha detto, ma molti cammineranno verso i rifugi di emergenza.
Pradhan ha aggiunto che le aree minacciate dal ciclone erano relativamente meno sviluppate, con molti abitanti dei villaggi in case temporanee con tetti di paglia o di stagno. “Sarà sulla linea di fuoco”, ha detto.
In Bangladesh, il giovane ministro per la gestione delle catastrofi, Enamur Rahman, ha dichiarato di aver in programma di trasferire circa due milioni di persone dalle aree costiere a oltre 12.000 rifugi per cicloni.
Secondo Selim Hossain, funzionario di informazione senior del Ministero per la gestione delle catastrofi del Bangladesh, esiste una capacità di 9,1 milioni di persone che possono essere ospitate in sicurezza nei rifugi per cicloni mantenendo le distanze sociali.
Il primo ministro indiano Narendra Modi ha riesaminato le misure di risposta alle emergenze del paese lunedì notte, in vista dello sbarco della tempesta in India.
Il direttore generale della NDRF Pradhan in precedenza aveva affermato che 25 squadre della NDRF erano state schierate nella regione, con altre 12 pronte in riserva e altre 24 squadre erano in attesa in diverse parti dell’India.
Il dipartimento meteorologico indiano ha avvertito i pescatori di rimanere a terra e di non salpare per le successive 24 ore.
A seguito dell’incontro, Modi ha dichiarato sul suo account Twitter ufficiale che erano stati discussi piani di evacuazione, nonché altre misure di risposta alle emergenze.
“Prego per la sicurezza di tutti e garantisco tutto il sostegno possibile da parte del governo centrale”, ha affermato.

Pandemia di coronavirus
La tempesta arriva mentre l’India e il Bangladesh lottano per tenere sotto controllo i focolai di coronavirus locali. L’India ha superato più di 100.000 infezioni confermate lunedì, secondo la Johns Hopkins University, registrando la sua più grande ondata di un giorno ma con un totale di 5.242 nuovi casi.
Nel frattempo il conteggio delle infezioni del Bangladesh è in rapido aumento, con oltre 1.300 nuovi casi domenica, il suo più grande aumento finora. In totale, il Paese ha registrato 23.870 infezioni confermate, secondo Johns Hopkins.
Affrontare entrambi i disastri contemporaneamente sarà una sfida per i due governi, soprattutto se tentano di mantenere le distanze sociali nei centri di evacuazione e rifugi di emergenza.
“(Tutti i lavoratori dell’NDRS) devono essere mascherati, tutti devono indossare visiera, guanti … È quasi certo che faranno lavori di salvataggio in zone rosse (fortemente infette) … Potrebbero effettivamente salvare le persone che sono già infetti. È una doppia sfida “, ha detto il direttore generale della NDRF Pradhan.
Pradeep Jena, commissario speciale di soccorso dello stato indiano di Odisha, ha affermato che i servizi di emergenza devono bilanciare il salvataggio delle vite del ciclone con il salvataggio delle vite del coronavirus.
“Dobbiamo trovare un equilibrio tra i due ed evacuare le persone ovunque sia estremamente essenziale, altrimenti le persone stanno meglio nelle loro case”, ha detto.
Jena ha detto nei centri di evacuazione che stavano cercando di tenere separate le donne anziane e le donne in gravidanza dal resto della popolazione e stavano lavorando duramente per ottenere sapone adeguato per i rifugi.
“Il distanziamento sociale è sicuramente un ottimo concetto, ma applicarlo nel modo più rigoroso possibile in una situazione di disastro potrebbe non essere sempre possibile”, ha detto.
Il ciclone Amphan potrebbe anche portare forti piogge nel più grande campo profughi del mondo a Cox’s Bazar, dove vivono quasi 1 milione di rifugiati rohingya dopo essere fuggiti dalla violenza nello stato di Rakhine in Myanmar.
I primi casi noti di Covid-19 sono stati confermati nel campo la scorsa settimana e con la tempesta ormai imminente, i due disastri hanno potuto creare una combinazione devastante.
Un sostenitore dei diritti umani ha affermato che un nuovo focolaio di coronavirus nel campo sarebbe uno “scenario da incubo”.
“La prevalenza delle condizioni sanitarie sottostanti tra i rifugiati e il deterioramento delle condizioni sanitarie che sicuramente arriveranno con l’incombente monsone e la stagione delle inondazioni determinano la preparazione di una strega in condizioni in cui il virus prospererà sicuramente”, ha affermato Daniel P. Sullivan, che lavora per l’organizzazione statunitense Refugees International.

DATABASE SITI WEB GRATUITO - inserisci il tuo sito web « QUI »


Comments are closed, but trackbacks and pingbacks are open.