Una cavalletta pesa 2 grammi. Una cavalletta mangia, ogni giorno, l’equivalente del proprio peso, quindi 2 grammi. Un chilometro quadro di terreno agricolo coltivato può “ospitare” 80 milioni di adulte tante, quindi, da inghiottire la stessa quantità di cibo sufficiente a sfamare 35.000 persone. Ma uno sciame non copre solo un chilometro quadrato. Le non sono milioni, né miliardi: sono centinaia di miliardi. Solo in Kenya è stato rilevato uno sciame di lungo 60 chilometri e largo 40.
Di conseguenza sono a rischio di morire di fame diversi milioni di persone.

Quanto precede potrebbe essere sufficiente per comprendere l’emergenza che sta colpendo soprattutto l’ dell’Est, il cosidetto “Corno d’” (Etiopia, Kenya, Eritrea, Sudan), ma anche – sì le hanno superato il mar Rosso – Yemen, Arabia Saudita e Iran. Le sono già giunte persino in India e Pakistan.

Ma non basta.

Le , ma dovremmo qui parlare del “criquet pèlerins” in particolare, vivono solo tre mesi ma depongono le uova già dopo due settimane. Le larve diventano adulte nel giro di sei settimane, ovvero un mese e mezzo. Di conseguenza, il loro numero aumenta di 20 volte dopo tre mesi, di 400 volte dopo sei mesi, di 8.000 volte dopo nove mesi.

Lo sviluppo estremo delle sostenuto dai cambiamenti climatici
Siamo difronte ai più grandi numeri degli ultimi 25 anni in Etiopia e Somalia, addirittura degli ultimi 70 in Kenya, per come spiega “Carbon Brief”, un team di ambientalisti e studiosi universitari.

Ora è palese il pericolo che rappresentano per i raccolti e conseguentemente per gli abitanti di quei Paesi poveri che vivono di quell’economia di sostentamento.

Il “criquet pèlerins” non è stanziale e si muove, a secondo le condizioni climatiche favorevoli, alla ricerca di nuovi terreni da inaridire. Un professore universitario tedesco, per come riporta il giornale tedesco DW, collega la diffusione del “criquet pèlerins” ai cambiamenti climatici che creano un ambiente favorevole.

Tale ipotesi è confermata da “Carbon Brief”.

Come la FAO combatte le ? coi . La Cina però propone la lotta biologica con le Anatre
La FAO sta cercando di raccogliere risorse finanziarie per combattere questa “”. Al momento stanno contribuendo, in particolare, la Germania (21,9 milioni di dollari), gli Stati Uniti (18 milioni), la fondazione Bill & Melinda Gates e l’azienda Mastercard (10 milioni di dollari ciascuno).

Le somme raccolte (e versate) ammontano a circa 52 milioni di dollari ma risultano insufficienti, al momento ne servono altri 90. Ma le risorse diventano sempre poche via via che l’emergenza s’allarga.

La “guerra” alle “criquet pèlerins” è complessa, comporta l’acquisto e l’impiego di (chlorpyrifos, malathion, deltamethrin, fenitrothion), strumenti per nebulizzare tali prodotti, veicoli ed aerei per spargerli sul territorio. In atto ci sono 5 aerei che disperdono i , ne servirebbero almeno 20.

In alcuni casi vengono impiegati dei prodotti bio come il fungo metarthzium e, perfino, galline ed anatre. In particolare, la Cina ha annunciato, lo scorso 27 febbraio, di donare 100.000 anatre al Pakistan per la combattere le cavallette. Le anatre, infatti, possono mangiare ciascuno 200 cavallette al giorno. Servono, pure, sistemi GPS per seguire gli spostamenti e “predire” i luoghi dei prossimi “attacchi”.

DATABASE SITI WEB GRATUITO - inserisci il tuo sito web « QUI »


Comments are closed, but trackbacks and pingbacks are open.