La badante o la collaboratrice domestica possono nascondere in tasca un registratore o una piccola telecamera spia per provare il rapporto di lavoro.

Da oggi in poi, la colf in nero potrà incastrare molto più facilmente chi non vuole regolarizzarla. Difatti, con una sentenza rivoluzionaria che la Cassazione ha emesso poche ore fa, i giudici hanno ammesso l’utilizzo, da parte della collaboratrice domestica, di registratori e telecamere in casa del proprio datore di lavoro. Lo scopo, ovviamente, è precostituirsi la prova per un successivo processo nel quale chiedere arretrati, buonuscita e ferie.

Due sole sono le condizioni poste dai giudici supremi per evitare un’incriminazione per violazione della privacy: la collaboratrice domestica deve essere fisicamente presente, mentre la telecamera è in modalità “on”; inoltre, nell’occhio del dispositivo, non devono finire scene di vita privata.

Ben venga, quindi, la possibilità di usare dispositivi di registrazione in casa altrui anche se non autorizzati, ma con queste due semplici cautele. Non importa che nei filmati finiscano i mobili, l’arredo, magari dell’argenteria o l’interno dei guardaroba con la biancheria intima: non c’è alcuna interferenza nella vita privata (reato punito dall’articolo 615 bis del Codice penale) se non si filmano momenti privati, non strettamente attinenti al lavoro della domestica.

La prova video è, dunque, valida e può essere usata nel corso del processo di lavoro.

Dall’altro lato e di converso, la Cassazione ha sempre qualificato come reato il comportamento del padrone di casa che spia la colf o la badante lasciando una telecamera nascosta: si tratta di una violazione delle norme dello Statuto dei lavoratori che vietano il controllo a distanza dei dipendenti.

Ed è stata sempre la Cassazione a spiegare, in passato, che il titolare dell’immobile non può lasciare un registratore o un altro dispositivo video per filmare conviventi o anche ospiti occasionali se lui, in quel momento, si allontana: la sua assenza genera nei terzi la convinzione di non essere visti o sentiti, concedendo loro quel margine di privacy che non si può violare.

Comments are closed, but trackbacks and pingbacks are open.