Vladimir Putin

: la è pronta a intervenire in


Gymnich a : ministri degli esteri dell’UE per il dialogo tra Lukashenko e l’opposizione
Il presidente russo Vladimir ha affermato, secondo l’agenzia di stampa tedesca, che la è pronta per entrare in e fermare le proteste se la situazione nel paese vicino lo richiedesse. però spera in una soluzione pacifica alla crisi.

Come ha spiegato , hanno un’unità di riserva per le forze dell’ordine pronta a usarla solo se la situazione in sfugge al controllo, cioè “se gli estremisti che si nascondono dietro slogan politici attraversano determinati confini e iniziano a rapinare, bruciare auto”. , case, banche, tentativi di sequestro di edifici amministrativi e così via ” .

La riserva è stata costituita su richiesta di Lukashenko .
“Prevediamo che tutti i problemi esistenti in saranno risolti pacificamente”, ha detto in un’intervista alla televisione di stato, sulla base di un magnetogramma pubblicato dal Cremlino sul suo sito web. “Spero che questa riserva non debba essere utilizzata”, ha aggiunto. Come ha detto, la riserva è stata costituita su richiesta del presidente bielorusso Alexander Lukashenko come parte di una stretta alleanza tra la e la vicina .

Le parti coinvolte nel processo hanno abbastanza buon senso da trovare un percorso pacifico per le
autorità bielorusse e ha invitato l’opposizione a trovare una soluzione ai politici che hanno scosso il paese dalle elezioni presidenziali. “Le parti in questo processo hanno abbastanza buon senso per trovare un modo senza ricorrere agli estremi”, ha aggiunto Putin.

Scoppiano dopo le elezioni del 9 agosto
A seguito delle controverse elezioni presidenziali in Bielorussia il 9 agosto, in cui Lukashenko avrebbe vinto con la frode, sono scoppiate le più grandi proteste del paese nella sua storia. Il regime di Lukashenko ha cercato di sopprimerli con la forza. Migliaia di persone sono state imprigionate, molte brutalmente picchiate, alcune uccise.

Morawiecki: la dovrebbe abbandonare i piani per intervenire in Bielorussia Il
primo ministro polacco Mateusz Morawiecki ha risposto subito alla dichiarazione di Putin , esortando la ad abbandonare i piani per intervenire militarmente in Bielorussia con il “pretesto del mantenimento dell’ordine” come violazione del diritto internazionale. Morawiecki ha twittato in inglese che i bielorussi devono decidere il proprio destino.

Stoltenberg: la Bielorussia è uno stato sovrano. Nessuno, nemmeno la Russia, dovrebbe intervenire lì.
Come Morawiecki, il segretario generale della NATO Jens Stoltenberg ha risposto , esortando il presidente russo a non interferire nella crisi in Bielorussia. “La Bielorussia è un paese sovrano e indipendente. E nessuno, nemmeno la Russia, dovrebbe intervenire lì”, ha detto Stoltenberg in un’intervista al quotidiano tedesco Bild.

Gymnich a : ministri degli Esteri divisi su Bielorussia e Turchia
La crisi in Bielorussia è anche oggetto di una riunione informale dei ministri degli esteri dell’Unione europea e della cosiddetta gymnich a . Gli Stati baltici di Lituania, Lettonia ed Estonia ritengono che gli attuali piani dell’Unione per le sanzioni contro la Bielorussia siano falliti. Le sanzioni, che includono il divieto di viaggiare nell’UE e il congelamento dei beni, dovrebbero colpire da 15 a 20 persone, secondo i piani attuali. “Questo non è certamente sufficiente. Non è una risposta seria”, ha sottolineato il ministro degli Esteri lituano Linas Linkevičius.

e chiedono sanzioni anche contro Turchia, contro
fonti Ue Nei giorni scorsi hanno espresso l’aspettativa che i ministri, tra cui il ministro degli Esteri sloveno Anže Logar , daranno conferma politica a della lista delle persone contro le quali l’Unione introdurrà sanzioni. Tuttavia, la e potrebbero bloccare queste sanzioni. Alla domanda se il suo paese sosterrebbe le sanzioni contro la Bielorussia se l’UE non imporrà nuove sanzioni alla Turchia, il ministro degli esteri cipriota Nikos Christodoulidis ha affermato di non volere “doppi standard”.. e chiedono sanzioni contro la Turchia per la sua ricerca di petrolio e gas nel Mediterraneo orientale, il che ha portato Atene a essere coinvolta in una disputa con Ankara. All’azione contro la Turchia si oppone, tra l’altro, la , che attualmente detiene la presidenza del Consiglio Ue. A , temono che ciò metterebbe a repentaglio gli sforzi per calmare il conflitto nel Mediterraneo orientale. “Abbiamo bisogno di una soluzione diplomatica a questo conflitto”, ha sottolineato il ministro degli Esteri tedesco Heiko Maas.

AMF: l’UE deve adoperarsi per calmare la situazione in Bielorussia
Come annunciato in serata dal ministero degli esteri sloveno, i ministri hanno sottolineato nella discussione sulla situazione in Bielorussia che l’UE deve continuare a lavorare per calmare la situazione in quel paese. Hanno sottolineato l’importanza del dialogo nazionale tra le autorità e l’opposizione, hanno accolto con favore gli sforzi della Commissione europea per fornire assistenza finanziaria alla Bielorussia e hanno sostenuto le attività all’interno dell’Organizzazione per la sicurezza e la cooperazione in Europa.

I ministri a pranzo con Aškenazijem hanno accolto con favore l’accordo di Israele e i
ministri degli Emirati Arabi Uniti , oltre alla cena con il ministro degli Esteri israeliano Gabriel Aškenazijem, hanno accolto con favore l’accordo di pace tra Israele e gli Emirati Arabi Uniti e hanno anche espresso la speranza che l’accordo abbia registrato un piano differito per collegare anche i territori palestinesi occupati. rilanciare il processo di pace in Medio Oriente.

Bielorussia, Russia, Turchia e pandemia di covida-19 all’ordine del giorno I
ministri discuteranno le relazioni con la Russia e le conseguenze geopolitiche della pandemia di covida-19 in una riunione di due giorni oltre a Bielorussia e Turchia.

Comments are closed, but trackbacks and pingbacks are open.